Jump to content

All Activity

This stream auto-updates     

  1. Last week
  2. Buonasera. Musica contemporanea per chitarra:

    Rodrigo, entre olivares, en tierras de jerez , dyens, saudad 3, Gilardino studi di virtuosità e trascendenza, lauro, suite venezolana 

    Possono andare bene per un esame di musica contemporanea? 

    Grazie 

  3. Ciao a tutti!Sto provando a leggere il capriccio XVIII di Goya, vi scrivo riguardo la diteggiatura della mano destra nella seconda variazione, qualcuno può aiutarmi su quale diteggiatura utilizzare?Pensavo: pm i m aGrazie mille!
  4. Earlier
  5. La casa discografica olandese Brilliant Classics pubblica il nuovo CD di @angelo colone interamente dedicato alla musica di Federico Moreno-Torroba (1891 - 1982). In cinque CD, sono raccolte tutte le opere del compositore spagnolo scritte per chitarra sola e per quartetto di chitarre. In quest'ultima occasione Colone ha collaborato con Massimo De Lorenzi, Andrea Pace, Cristiano Policappelli. Le registrazioni sono state effettuate presso studio mobile “ I Musicanti “. Tecnico del suono Giovanni Caruso. Per l'acquisto online, fare clic sul banner qui sotto La tracklist completa è la seguente: CD 1 Sonatina in La 1. Allegro 2. Andante 3. Allegro 4. Nana Puertas de Madrid 5. Puerta de Toledo 6. Puerta de Alcalá 7. Puerta de San Vicente 8. Puerta de Hierro 9. Puerta de Moros 10. Puerta cerrada 11. Puerta del Angel 12. Improvvisando 13. Nostalgia 14. Sonatina y variatiòn Estampas 15. Bailando un fandango charro 16. Remanso 17. La siega 18. Fiesta en el pueblo 19. Amanacer 20. La boda 21. Camino del molino 22. Juegos infantiles CD2 Aires de la Mancha 1. Jeringonza 2. Ya llego el invierno 3. Copilla 4. La pastora 5. Seguidilla Castillos de Espana 6. Alba de tormes 7. Alcaniz 8. Alcazar 9. Calatrava 10. Javier 11. Manzanares del real 12. Olite 13. Redaba 14. Siguenza 15. Torjia 16. Turegano 17. Zafra Rafagas 18. Allegretto 19. Adagio 20. Allegretto calmo 21. Allegretto mosso CD3 1. Albada Suite castillana 2. Fandanguillo 3. Arada 4. Danza Suite miniatura 5. Llamanda 6. Tremolo 7. Vals 8. Divertimento Piezas características 9. Preambulo 10. Oliveras 11. Melodia 12. Los mayos 13. Albada 14. Panorama Ocho preludios 15. Largo 16. Allegretto 17. Andante 18. Allegretto calmo 19. Andantino 20. Allegretto vivace 21. Lento 22. Allegro no mucho CD4 1. Aire vasco 2. Alpujarrena Madrilenas 3. Tirana 4. Copla 5. Bolero 6. Danza prima Triptico 7. Pintoresca 8. Romance 9. Festiva 10. Humorada 11. Jota levantina 12. Marcha del cojo 13. Nina Merse 14. Quiente 15. Romancillo 16. Ronda 17. Ronda festiva 18. Segoviana 19. Sevillana 20. Tonada CD5 1. Vieja lejenda 2. Romance de los pinos 3. Zapateado 4. Contraddanza 5. Madronos 6. Jaranera 7. Molinera 8. Taconeo clásico 9. Verbenera 10. Punteado 11. Ay malaguena 12. Chisperada 13. Bolero menorquin 14. Preludio 15. Improvisacion 16. Farruca Sonata fantasia 17. Lento-Allegretto 18. Allegretto 19. Allegro-Allegro Maestoso-Andante-Allegro
  6. Cristiano Porqueddu

    Sueño

    La casa discografica Contrastes Records pubblica l'esordio discografico del chitarrista italiano Domenico Mottola. La release è incentrata sulle composizioni di Francisco Tárrega (1852 -1909) e Miguel Llobet (1878 - 1938) Il disco è parte del Primo Premio attribuito al chitarrista nell'ambito della 53a edizione del Concorso Tárrega, svoltosi nel mese di Settembre 2019 a Benicassim, in Spagna. L'ascolto è già possibile dai principali siti di streaming musicale. Alcuni link: Spotify, YouTube, Apple Music. A breve saranno disponibili le copie fisiche del disco.
  7. Salve a tutti. Ho bisogno di un aiuto. Ho una chitarra acustica, ma essendo degli anni 60 ha il manico di una chitarra classica, per questo scrivo su questo forum. Ho da poco ritrovato questa chitarra, da me mai usata, ed essendo appunto molto vecchia ho dovuto cambiare le corde. Un’impresa colossale, in quanto le meccaniche sono arrugginite e quindi durissime (ho infatti poi preso quello strumento che le gira). Oggi che è arrivato questo strumento, ho finito di sostituire tutte le corde e, andandole poi ad accordare, proprio l’ultima corda che restava (mi basso) non si accorda, poiché la chiavetta della meccanica fa uno scatto e inizia a girare a vuoto. Provo a stringere le viti intorno, ma niente. Provo a smontare la meccanica ma, ovviamente, essendo la corda già annodata, la meccanica non si toglie. La corda non si riesce a snodare in alcun modo, a meno che non la tagli. Cosa mi dite di fare? Compro di nuovo delle corde e metto delle meccaniche nuove? Oppure riavvito la meccanica e mi dite voi se è possibile fare qualcosa? Il punto è che non vorrei spendere troppi soldi per riparare una chitarra vecchia, quando aggiungendone un altro po’ potrei prenderne una nuova (nonostante sia innamorata di questo modello e ci tengo). Ringrazio molto in anticipo.
  8. Benvenuto sul Forum aur00milici. Prendi visione del Manifesto del Forum e per qualsiasi dubbio o suggerimento apri un nuovo ticket nella sezione Supporto onLine.

    Buona permanenza!

  9. Benvenuto sul Forum dariogiordano. Prendi visione del Manifesto del Forum e per qualsiasi dubbio o suggerimento apri un nuovo ticket nella sezione Supporto onLine.

    Buona permanenza!

  10. Benvenuto sul Forum D. Menotti-Pratesi. Prendi visione del Manifesto del Forum e per qualsiasi dubbio o suggerimento apri un nuovo ticket nella sezione Supporto onLine.

    Buona permanenza!

  11. Buonasera, vedo purtroppo solo ora questo interessante post, sul quale però vorrei intervenire in considerazione del fatto che Giovanni Bonfante detto Panizza è un mio diretto antenato (è il padre della mia quadrisavola Filomena Panizza) e in famiglia abbiamo qualche informazione in più su di lui. Risposta all'organico inconsueto potrebbe essere il fatto che egli era non solo organista (il che viene esplicitato dato il prestigio dello strumento, ma sappiamo che suonava molti strumenti diversi), ma aveva una predilezione per il flauto e l'ottavino: sono attestati suoi ruoli come primo strumentista con tali fiati in rappresentazioni tenutesi a Venezia negli anni della sua giovinezza, ovvero intorno al 1810. Le due opere citate non sono di Giovanni Bonfante Panizza: certa è la sua ri-messa in musica del "Gianni di Calais" di G. Donizetti nel 1834, ma "I due Figaro" (musica originale di S. Mercadante) fu riprodotto da GIACOMO Panizza, che era di origini piemontesi e nulla ha a che fare coi Bonfante detti Panizza. Dall'archivio Ricordi sono invece certamente attribuibili a Giovanni Panizza altre opere oltre alla farsa che ha giustamente citato, quasi tutte arie liriche [nota: Giovanni fece gran parte della propria carriera come insegnante di canto], ovvero: § Due Ariette per soprano (1. Il Girasole, 2. Pastorale), 1828; § Due Ariette di Metastasio per mezzosoprano (1. Confusa, smarrita, 2. Se ardire e speranza), 1830; § Due Ariette per contralto (1. Mio ben ricordati, 2. Vuoi per sempre abbandonarmi), 1831; § Quattro Duettini per soprano e contralto (1. Oh che felici pianti, 2. Si soffre una tiranna, 3. Se più felice oggetto, 4. Sol può dir che sia), 1835; § Il voto d' una donna italiana, per canto (edizione distrutta), 1847; § Canto guerriero per gli Italiani (edizione distrutta), 1847; § Preghiera di una Madre Lombarda. Notturnino a vece sole per il popolo (edizione distrutta), 1848; § Cavatina per soprano Ah maestro te l'ho fatta, introdotta nell'opera La figlia del fabbro di Vincenzo Fioravanti, 1851. Domanda lecita, ma come espresso poc'anzi, G. Panizza era estremamente poliedrico e versatile, quindi non escluderei a priori un suo ampio coinvolgimento nella scrittura del concerto per chitarra. Anche qui segnalo alcune supposizioni inesatte: Giovanni proveniva da famiglia abbastanza benestante, e prosperava grazie ai proventi della docenza (ciò è attestato anche da un articolo de Il Censore Universale dei Teatri (9 giugno 1830): «Manifestando […] un felicissimo ingegno musicale, si distinse prima nella magistrale esecuzione di vari strumenti, e dedito poscia nello studio delle composizioni profondamente, cominciò a dare saggi vertiginosi, e ne avrebbe dato dei più clamorosi, se l’attuale suo collocamento in Trieste, offrendogli una continuata, molto ricercata e lucrosa occupazione nelle istruzioni di bel canto e di pianoforte, non lo allontanasse dalle poco generalmente parlando lusinghiere vicende del teatro.» ). A ciò si unisca il fatto che sua figlia maggiore, Adelaide, contrasse matrimonio con un Trevisan di Venezia, di famiglia aristocratica (nota: ricordo che per il patriziato veneziano il matrimonio morganatico non era problematico).
  12. Una composizione mobile e semplice per una chitarra classica Nell'arpeggio (a) - il dito non suona, la melodia e il basso sono suonati (p) - il dito. Gli spartiti sono disponibili ai link: sheet music musicaneo
  13. Benvenuto sul Forum LuigiGuitar. Prendi visione del Manifesto del Forum e per qualsiasi dubbio o suggerimento apri un nuovo ticket nella sezione Supporto onLine.

    Buona permanenza!

  14. Salve a tutti, sono un modestissimo chitarrista che vorrebbe approfondire lo studio dello strumento. Saluti!!
  15. Benvenuto sul Forum greko. Prendi visione del Manifesto del Forum e per qualsiasi dubbio o suggerimento apri un nuovo ticket nella sezione Supporto onLine.

    Buona permanenza!

  16. Benvenuto sul Forum greko. Prendi visione del Manifesto del Forum e per qualsiasi dubbio o suggerimento apri un nuovo ticket nella sezione Supporto onLine.

    Buona permanenza!

  17. Benvenuto sul Forum Fabio_76. Prendi visione del Manifesto del Forum e per qualsiasi dubbio o suggerimento apri un nuovo ticket nella sezione Supporto onLine.

    Buona permanenza!

    1. Fabio_76

      Fabio_76

      grazie!

  18. Grazie all'esperienza ventennale maturata nel campo dell’organizzazione di eventi legati alla musica classica, Musicare è in grado oggi di dar forma ad una manifestazione di respiro internazionale tra Europa, Stati Uniti d’America e Australia che promuova l’eccellenza di artisti sardi che vantano una attività artistica internazionale nel campo del concertismo, della discografia e della composizione. Musica In questo percorso che si snoderà nelle più importanti capitali del mondo (da Madrid a Parigi, da New York a Sydney, da Berlino a Londra), Musicare è in grado di includere nella manifestazione un cartellone di concerti con interpreti sardi e una serie di commissioni per la scrittura di nuove opere dedicate alla Sardegna, ai suoi colori e alle sue atmosfere. Tra gli artisti figurano il duo Cordas et Bentu, composto da Francesca Apeddu (fl) e Maria Luciani (ch), l'attrice sassarese Stefania Masala, i chitarristi sardi Cristiano Porqueddu, Andrea Corongiu e Renata Arlotti ed il pianista Roberto Piana. A questi musicisti sono stati offerti contratti per dei concerti in ambito internazionale nei quali verranno proposte anche musiche appositamente scritte per Sardinia_Moving_Arts o comunque da autori sardi. Elemento comune a tutti i programmi, la musica fa parte dei cataloghi di compositori del XX e del XXI secolo. Alla parte esecutiva, si accostano le commissioni per le composizioni. Gli autori a cui sono stati affidati gli incarichi per la stesura di nuove opere dedicate alla Sardegna, sono tra i massimi compositori contemporanei. Più dettagliatamente, ad arricchire il repertorio originale per chitarra con nuovi lavori saranno Dušan Bogdanović, Leo Brouwer, Franco Cavallone, Mark Delpriora, Angelo Gilardino. A questi grandi nomi si accostano eccellenze italiane: Carlo Francesco Defranceschi, Edoardo Dadone, Kevin Swierkosz-Lenart, Francesco Morittu, Roberto Piana e Cristiano Porqueddu. Molte opere scritte per Sardinia_Moving_Arts saranno eseguite nei concerti previsti dal cartellone in alcune prestigiose sale da concerto tra cui spicca la Carnegie Hall di New York. Teatro Parallelamente al lato musicale verrà affiancato quello teatrale con una pièce originale dell’artista sassarese contemporanea Stefania Masala, già partner di Giorgio Albertazzi. L'opera si intitola Voyage en Sardaigne e la prima è prevista a Londra nel mese di Ottobre 2020. Pubblicazioni Grazie a Les Productions d'OZ, partner ufficiale dell'evento, tutte le opere saranno pubblicate e distribuite in formato fisico e digitale in oltre 40 paesi. Nel corso del 2021 sarà inoltre pubblicato dalla casa discografica Brilliant Classics il triplo CD "Portrait of Sardinia - New Music for Guitar" con la registrazione di tutte le composizioni scritte per Sardinia_Moving_Arts. La post-produzione è affidata a Ermanno Brignolo del Me.To. Recording Studio. Grafica Nel reparto grafico, alla giovane grafica Daria Canu è stata richiesta l'ideazione del logo mentre al giovane pittore piemontese Stefano Allisiardi un'opera pittorica che ritraesse in qualche modo la Sardegna. La manifestazione Sardinia_Moving_Arts è sponsorizzata dalla Comunità Europea e dalla Regione Autonoma della Sardegna. L'evento è organizzato con la preziosa collaborazione di Brilliant Classics Les Productions d'OZ Giuseppe Guagliardo Guitars La APP ufficiale della manifestazione consultabile da qualsiasi tipo di dispositivo fisso e mobile è disponibile qui: www.sardiniamovingarts.com
  19. Andrea Monarda, chitarra Suite Sudamericana di Carlo Francesco Defranceschi I. Alba di Danza, con intenzione di compiaciuta elegante a-moralità II. Danza Creola, in sensualità ubriaca III. Danza di Joropo, in vortice di abbandono registrata il 10 luglio 2017 presso Casa Musicale Eco Recording Score-Video di George Nick Gianopoulos Apple Music - Spotify - © 2017 Da Vinci Publishing Valle Giovanni Edizioni
  20. Evgeny Baev (19619 ha scritto i "Five Stichera" nel 1990, dopo la visita al famoso Valaam Monastery nel nord della Russia. Nella liturgia ortodosssa uno Sticheron - plurale Stichera - (in russo: стихира, in greco: στιχηρὰ) è un inno strofico collegato ai versi di un salmo. Poiché la musica liturgica della chiesa ortodossa orientale proibisce qualsiasi l'uso di qualsiasi strumento, scrivere stichera per una chitarra è stato un esperimento audace. Il compositore non menziona particolari riferimenti a testi contenuti nei salmi ma si preoccupa di trasmettere una sensazione quasi incantata, supportandola con armonie modali e polifonie di stile prettamente russo. La registrazione di questi lavori fa parte del cofanetto di quattro volumi "Russian Guitar Music of the 20th and 21st centuries" distribuito da Brilliant Classics. Disco disponibile su Amazon. Qui una playlist su YouTube dalla quale è possibile ascoltarli integralmente:
  21. Di Anton Stingl (1908 – 2000) l’autore di questo scritto ha avuto incarico dagli eredi di pubblicare nel 2015 con le Edizioni Musicali Bèrben di Ancona l’inedita Sonata Op.17 per chitarra, una composizione di ampio respiro che si colloca in un processo di analisi e di studio sulla musica del compositore tedesco che va avanti dal 2013. Stingl ha iniziato da poco più che ragazzo a studiare musica per chitarra da autodidatta grazie al celebre metodo "Moderner Lehrgang des künstlerischen Gitarrespiels” di Heinrich Albert (1870—1950). Era un periodo nel quale studiare il repertorio per chitarra con obiettivi non dilettantistici, in Germania, non era cosa facile. Stingl si trasferì a Vienna per studiare con Jacobus Ortner (che come si è detto sopra è stato fonte di ispirazione anche per Rebay). Completa successivamente la sua formazione musicale a tra il 1930 e il 1933 a Friburgo con Hans Gal, Julius Weismann, Erich Doflein e Friedrich Wilhelm Lothar. Fu il primo chitarrista con cui Hans Werner Henze collaborò e prese parte alla world-premiere di Le Marteau Sans Maître (una suite per voce femminile di contralto e 6 strumentisti) di Pierre Boulez, nel 1955. I 12 Leichte Stücke Op.15c registrati in questa release discografica formano una collana di composizioni che nella rinuncia a tracciare un percorso progressivo o uniforme nello stile, presentano, proprio come accade con i Pezzi Facili di Margola, uno spaccato cristallino dello stile dell’autore. Nell'ordine presentato, ciascuna composizione è affiancata da un alter-ego ritmico o armonico (nel senso della modalità di trattamento dell’armonia) o espressivo; un percorso musicale di importante valore formativo e di estrema piacevolezza all'ascolto. La prima registrazione di questa serie di composizioni è pubblicata nel CD Easy Studies for Guitar Vol.3 edito da Brilliant Classics. Disco disponibile qui.
  22. La formazione musicale del compositore, pianista e direttore d’orchestra viennese Ferdinand Friederich Wilhelm Rebay (1880 – 1953) affonda le radici nella sua giovinezza: a soli dieci anni viene introdotto allo studio della musica corale da Hans Fink, organista dell’ Abbazia di Stift Heiligenkreuz. Successivamente studia composizione e pianoforte al Konservatorium der Gesellschaft der Musikfreunde di Vienna e nello stesso periodo vince il Brahms Premium. A seguito della laurea, nel 1920 viene nominato docente di pianoforte alla Staatsakademie für Musik und darstellende Kunst di Vienna quindi avvia una produzione che abbraccia musica per pianoforte (tra cui un concerto), opere, una sinfonia e persino una messa. Rebay si avvicina alla chitarra grazie a Jacobus Ortner – anche egli professore di chitarra ma alla Musikhochschule – e di sua nipote, la chitarrista Gerta Hammerschmied. Per lo strumento a sei corde scrisse circa seicento composizioni tra musica per chitarra sola, in formazione da camera, studi, lezioni per principianti e anche canzoni per bambini con parti corali e accompagnamento di chitarra. Rebay non di discosta da uno stile compositivo prettamente romantico: la sua musica ha sempre una melodia identificabile in nitide forme barocche (suite) e classiche (sonata, tema e variazioni). Questi Zehn kleine Lieder ohne Worte (che si traduce in Dieci piccole canzoni senza parole) rappresentano una vera e propria miniatura dell’intero mondo musicale di Rebay. In un contesto fortemente espressivo, l’autore evoca un mondo infantile fatto di cantilene e ricordi festosi. Senza mai cadere nell’ovvio, genera delle piccole gemme musicali impreziosite da fantasia e varietà tematica. Tra queste è facile rilevare lo Studio IV (Leicht bewegt) e il IX (Kleine Studie). Una raffinata palestra espressiva. La prima registrazione di questa serie di composizioni è pubblicata nel CD Easy Studies for Guitar Vol.3 edito da Brilliant Classics. Disco disponibile qui.
  1. Load more activity
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.