Vai al contenuto

Forum Italiano di Chitarra Classica usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Leggi le Norme per la Privacy per i dettagli. Per rimuovere questo messaggio dai clic sul pusalnte qui a destra:    Accetto l'uso dei cookies

Foto

Bach e lo stile francese

trascrizioni

  • Per cortesia connettiti per rispondere
7 risposte a questa discussione

#1 Emanuele Addis

Emanuele Addis

    Novizio

  • Inattivi
    • Member ID: 1222
  • 17 Messaggi:
  • Facebook:Emanuele Addis
  • Mi trovo aSassari

Inviato 10 febbraio 2015 - 18:44

Perché si dice che le suite BWV 996 e BWV 995 siano in stile francese e quindi si debbano suonare con il levare stretto?
L'articolazione del presto della 996 deve avere un'unica articolazione dall'inizio alla fine?

#2 Vladimir

Vladimir

    Abituale

  • Membri
    • Member ID: 41
  • 809 Messaggi:

Inviato 11 febbraio 2015 - 11:08

Alla prima domanda non so rispondere se non così: suona Bach come vuoi. 
Non ho capito la seconda: cosa significa "unica articolazione"? 


Oi merloi en tois boskois subiousin.

#3 Emanuele Addis

Emanuele Addis

    Novizio

  • Inattivi
    • Member ID: 1222
  • 17 Messaggi:
  • Facebook:Emanuele Addis
  • Mi trovo aSassari

Inviato 11 febbraio 2015 - 15:05

Ahahah credo che la mia esecuzione ideale di un pezzo di bach sia quella che segua lo stile dell'epoca e che faccia vedere il gusto dell'interprete nelle ornamentazioni.
2) per esempio staccare il battere del Presto BWV 996 dall'inizio alla fine senza eccezioni e differenze tra esposizione e divertimenti

#4 Marcello Rivelli

Marcello Rivelli

    Saltuario

  • Membri
    • Member ID: 40
  • 492 Messaggi:

Inviato 13 febbraio 2015 - 19:28

Esistono più stili nelle Suites barocche: inglesi, francesi e tedesche..e Bach, ovviamente ha scritto nelle diverse modalità: le suites inglesi e francesi adf esempio, per clavicembalo (famose), utili come riferimento per le "nostre" Suites per liuto, dallo stesso nome delle danze, si evince una prima informazione dell'eventuale stile.

Non è una questione di suonare con il levare stretto oppure.. ma..le articolazioni puntate subiscono un'interpretazione che non sempre corrisponde alla reale scrittura notata dell'epoca.

Esistono libri sugli abbellimenti in merito che possono aprire la mente, due su tutti, dal classico e sempre verde: "I segreti della musica antica", a cura di A. Geoffroy Dechaume, edito da Ricordi al più completo e interessante volume di Nunziata Bonaccorsi, L'ornamentazione ovvero l'arte d'abbellire in musica, edito da Armelin Musica, Padova.

 

m


  • A Carlo piace questo post

#5 Carlo

Carlo

    Novizio

  • Membri
    • Member ID: 44
  • 100 Messaggi:

Inviato 20 febbraio 2015 - 15:12

Alla prima domanda non so rispondere se non così: suona Bach come vuoi. 
 

 

Che cosa vuol dire? E la filologia?


Carpe Diem

#6 Ermanno Brignolo

Ermanno Brignolo

    Abituale

  • Membri
    • Member ID: 248
  • 528 Messaggi:
  • Mi trovo aWestmead, NSW2145, Australia

Inviato 21 febbraio 2015 - 22:26

Che cosa vuol dire? E la filologia?

 

A mio avviso, la filologia del suonare Bach su una chitarra moderna va un po' a farsi benedire per definizione: filologica è un'esecuzione che parta dal liuto o dal Lautenwerke e su questi si realizzi. Se si accetta che la chitarra abbia un idioma differente, si accettano anche le conseguenze: qualcosa andrà adattato, e non solo nella diteggiatura. E' un ragionamento che guidò interpreti come Ferruccio Busoni e Glenn Gould i quali sicuramente non erano a digiuno di nozioni sull'arte interpretativa del periodo barocco, ma hanno intrapreso strade differenti giungendo a risultati straordinari.

Ci sono esempi mirabilissimi di esecuzioni non filologiche: per restare nella chitarra, mi pare il caso di citare Attademo che ha cercato (e trovato) un approccio decisamente personale nelle sue interpretazioni, personale e - dico io - piuttosto convincente.

 

EB


Un bel tacer non fu mai scritto.

#7 Massimo Banchio

Massimo Banchio

    Novizio

  • Membri
    • Member ID: 1748
  • 10 Messaggi:
  • Mi trovo aPinerolo

Inviato 29 luglio 2016 - 14:38

A mio avviso, la filologia del suonare Bach su una chitarra moderna va un po' a farsi benedire per definizione: filologica è un'esecuzione che parta dal liuto o dal Lautenwerke e su questi si realizzi. Se si accetta che la chitarra abbia un idioma differente, si accettano anche le conseguenze: qualcosa andrà adattato, e non solo nella diteggiatura. E' un ragionamento che guidò interpreti come Ferruccio Busoni e Glenn Gould i quali sicuramente non erano a digiuno di nozioni sull'arte interpretativa del periodo barocco, ma hanno intrapreso strade differenti giungendo a risultati straordinari.

Ci sono esempi mirabilissimi di esecuzioni non filologiche: per restare nella chitarra, mi pare il caso di citare Attademo che ha cercato (e trovato) un approccio decisamente personale nelle sue interpretazioni, personale e - dico io - piuttosto convincente.

 

EB

Non solo in Bach la filologia va a farsi benedire....basta pensare a tutto il repertorio ottocentesco suonato su strumenti moderni....la filologia va a farsi benedire anche qui.

Max



#8 andrea vezzoli

andrea vezzoli

    Novizio

  • Membri
    • Member ID: 1095
  • 13 Messaggi:

Inviato 22 febbraio 2017 - 18:47

Ci sono elementi nella musica di J.S Bach (mi riferisco soprattutto al fraseggio) che andrebbero considerati in maniera oggettiva, parlo per esempio dei numerosi incisi che partono in levare (e che purtroppo molti continuano a suonare in battere al di là dello strumento utilizzato): non è questione di gusto personale o di scelte interpretative, ma è questione di riconoscere dal punto armonico e formale come è suddiviso il fraseggio, considerando che spesso in battere si conclude una frase su una cadenza, e che quindi poi sul levare riparte un nuovo elemento che non può essere fraseggiato partendo dal battere della battuta perchè altrimenti verrebbe meno il senso armonico e contrappuntistico.

Nella suite BWV 996, per esempio, l'inciso parte in levare e termina in battere sul terzo quarto della battuta da dove poi in levare riparte un nuovo inciso e cosi via, se non fosse cosi verrebbe meno la propulsione ritmica.

Per quanto il presto, ogni volta che torna il soggetto del fugato, va articolato nel medesimo modo, in quanto devono essere sempre chiare le varie entrate: anche qui si parte in levare per poi andare a riposo in battere (in quanto ci si trova a risolvere sull'accordo di tonica): fa#,si,si,la,sol e poi si riparte dal sol: viene un fraseggio sfasato tra le varie voci.







Anche taggato con trascrizioni

0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi


Concept e Direzione di Cristiano Porqueddu
Server and Coding: NameCheap | SardiniaNET
Thanks to GiulioLinux, Marco Marini, FroZen, Bambino, Cristina, Francesco, Delta010, Geoff, Erwin, Xanadu, Michele Lai, Xana_P, Lara, Yhu, JJConan, Bruce, Mattia, Valchiria81, Sandro, Mark, Felix, Valeria.