Vai al contenuto

Forum Italiano di Chitarra Classica usa i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Leggi le Norme per la Privacy per i dettagli. Per rimuovere questo messaggio dai clic sul pusalnte qui a destra:    Accetto l'uso dei cookies

Foto

Suonare senza unghie


  • Per cortesia connettiti per rispondere
15 risposte a questa discussione

#1 giuseppe.d

giuseppe.d

    Novizio

  • Membri
    • Member ID: 694
  • 11 Messaggi:

Inviato 05 dicembre 2012 - 20:59

E' vero che i chitarristi del passato suonavano la chitarra senza unghie?
E quando, o meglio, chi è stato il primo?
Grazie a tutti.
Giuseppe.

#2 dralig

dralig

    Frequente

  • Membri
    • Member ID: 14
  • 2726 Messaggi:

Inviato 06 dicembre 2012 - 08:11

La domanda non è chiara: chi è stato il primo a fare che cosa? A suonare con le unghie o senza?
Comunque, supponendo che Lei voglia sapere chi è stato il primo a suonare con le unghie, la risposta è: non lo sappiamo, perché molti metodi non fanno alcun riferimento all'uso - o meno - delle unghie, anche se contengono istruzioni su altri aspetti della tecnica.
Sappiamo invece chi fu, tra coloro che suonarono, e insegnarono a suonare, con le unghie, il più importante: Dionisio Aguado, che non solo spiega le funzioni e le modalità d'attacco per adoperare le unghie, ma ne dà anche un apprezzamento di tipo estetico - cioè descrive il suono che si può ottenere.
Contrario all'uso delle unghie fu invece Fernando Sor, che anzi dichiarò di aver persuaso il suo amico Aguado a tagliarsi l'unghia almeno nel pollice (Aguado però al riguardo non dice nulla).
Francisco Tarrega adoperò le unghie ma, negli ultimi otto anni della sua vita, le elimiinò: questa sua scelta fu descritta da due suoi allievi, Emilio Pujol e Domingo Prat, in modo opposto. Pujol sosteneva che Tarrega si era tagliato le unghie per una ricerca di un suono migliore, Prat invece asserisce che era stato obbligato a tagliarsele perché, dopo la paralisi, aveva perso sensibilità tattile e le unghie gli si rompevano di continuo.

dralig

#3 Raffaele Iervolino

Raffaele Iervolino

    Abituale

  • Membri
    • Member ID: 439
  • 738 Messaggi:
  • Mi trovo aNapoli

Inviato 06 dicembre 2012 - 10:26

La domanda non è chiara: chi è stato il primo a fare che cosa? A suonare con le unghie o senza?
Comunque, supponendo che Lei voglia sapere chi è stato il primo a suonare con le unghie, la risposta è: non lo sappiamo, perché molti metodi non fanno alcun riferimento all'uso - o meno - delle unghie, anche se contengono istruzioni su altri aspetti della tecnica.
Sappiamo invece chi fu, tra coloro che suonarono, e insegnarono a suonare, con le unghie, il più importante: Dionisio Aguado, che non solo spiega le funzioni e le modalità d'attacco per adoperare le unghie, ma ne dà anche un apprezzamento di tipo estetico - cioè descrive il suono che si può ottenere.
Contrario all'uso delle unghie fu invece Fernando Sor, che anzi dichiarò di aver persuaso il suo amico Aguado a tagliarsi l'unghia almeno nel pollice (Aguado però al riguardo non dice nulla).
Francisco Tarrega adoperò le unghie ma, negli ultimi otto anni della sua vita, le elimiinò: questa sua scelta fu descritta da due suoi allievi, Emilio Pujol e Domingo Prat, in modo opposto. Pujol sosteneva che Tarrega si era tagliato le unghie per una ricerca di un suono migliore, Prat invece asserisce che era stato obbligato a tagliarsele perché, dopo la paralisi, aveva perso sensibilità tattile e le unghie gli si rompevano di continuo.

dralig


Nella mia pochissima esperienza della storia della chitarra, Sor suonava anche il piano(o almeno so che ha composto per piano),e non che che avendo difficoltà con la tastiera pianistica, sconsigliava il taglio delle unghie? Domando?

#4 giuseppe.d

giuseppe.d

    Novizio

  • Membri
    • Member ID: 694
  • 11 Messaggi:

Inviato 06 dicembre 2012 - 11:05

Intendevo chi è stato il primo a suonare con le unghie.
Grazie al Maestro Gilardino per la risposta che ha soddisfatto la mia curiosità.

Il duo Maccari - Pugliese è vero che suonano " senza " le unghie?
Grazie.

#5 dralig

dralig

    Frequente

  • Membri
    • Member ID: 14
  • 2726 Messaggi:

Inviato 06 dicembre 2012 - 12:05

Nella mia pochissima esperienza della storia della chitarra, Sor suonava anche il piano(o almeno so che ha composto per piano),e non che che avendo difficoltà con la tastiera pianistica, sconsigliava il taglio delle unghie? Domando?


Nel suo Metodo per chitarra Sor dichiara la sua preferenza per l'attacco di polpastrello su basi estetiche, non come ripiego per poter suonare anche il pianoforte.

dralig

#6 Claudio Maccari

Claudio Maccari

    Novizio

  • Membri
    • Member ID: 50
  • 41 Messaggi:

Inviato 07 dicembre 2012 - 11:59

Suoniamo con le unghie. Il problema delle unghie è un non problema in realtà, le unghie non potevano essere che assenti o molto corte per due motivi: la distanza tra corde e tavola nelle chitarre dell'800 era molto ridotta (quindi un'unghia eccessivamente lunga avrebbe urtato la tavola); la corda in budello nudo attaccata da un'unghia lunga si consuma in pochi minuti.

#7 Raffaele Iervolino

Raffaele Iervolino

    Abituale

  • Membri
    • Member ID: 439
  • 738 Messaggi:
  • Mi trovo aNapoli

Inviato 07 dicembre 2012 - 12:22

Io, spero che il post Suonare senza unghie, non venga visto dai giovani, come un esempio da imitare.I giovani che iniziano la chitarra,non sanno nulla ,e io dico solo che suonare la chitarra con le unghie è positivo su molti aspetti,naturalmente senza unghie si può suonare,ma è un altra cosa.Poi ognuno fa come vuole,io dico questo solo perché tra tutti i miei alunni ,solo una piccola parte (su 42 alunni) le usano o almeno ci provano(tranne i soliti due o tre che ci credono subito e ci lavorano subito con esse),e quindi fate come volete, ma per me è meglio le dita che pizzicano con le unghie.

#8 ilbardodeviato

ilbardodeviato

    Novizio

  • Membri
    • Member ID: 1566
  • 46 Messaggi:
  • LinkedIN:Davide Bortolai
  • Mi trovo aBergamo

Inviato 11 agosto 2015 - 11:26

amo molto il suono della chitarra suonata coi polpastrelli.

per quanto mi riguarda, ho quasi sempre suonato coi polpastrelli e continuerò a farlo, in quanto suonando spesso strumenti antichi, chitarre acustiche ed elettriche posso tenere un'unica impostazione. (l'impostazione della mia mano destra si è formata in questo modo: anni e anni di liuto rinascimentale e barocco.

in generale trovo che pochissimi chitarristi classici abbiano un suono esteticamente valido alle mie orecchie con l'uso delle unghie.

lo stesso maestro andres segovia ha detto in una sua famosa intervista che poche persone possiedono una consistenza dell'unghia ottimale per la chitarra, e che la detta consistenza è un requisito indispensabile per ottenere un buon suono. egli indicava elasticità e robustezza (non ricordo esattamente le parole in spagnolo)

poi, nel suo consueto stile asseriva che coloro che non si trovassero in possesso di tale requisito dovessero di fatto cambiare strumento!

per cololo che fossero interessati ad eventuali approfondimenti...

ho trattato l'argomento anche in:

 

http://davidebortolai.blogfree.net/?t=5118662

 

http://davidebortolai.blogfree.net/?t=4979973

 

http://davidebortolai.blogfree.net/?t=4979265

 

un caro saluto a tutti 

 

davide bortolai


nulla si crea, nulla si distrugge

tutto si trasforma

 


#9 Raffaele Iervolino

Raffaele Iervolino

    Abituale

  • Membri
    • Member ID: 439
  • 738 Messaggi:
  • Mi trovo aNapoli

Inviato 11 agosto 2015 - 12:37

mi piacerebbe ascoltare brani col liuto rinascimentale o barocco.Una sola volta ho ascoltato sul liuto e fu Francesco Taranto in un suo concerto,lui usava le unghie piccole ,ma presenti.Comunque mi piacerebbe ascoltare senza completamente le unghie questi strumenti.



#10 Alfredo Franco

Alfredo Franco

    Abituale

  • Moderatori
    • Member ID: 27
  • 1465 Messaggi:

Inviato 11 agosto 2015 - 14:23

E' possibile suonare senza unghie, dei piedi ovviamente.

 

Battutacce a parte, mi riesce difficile immaginare come possa suonare gran parte della letteratura novecentesca senza unghie. Non si corre il rischio di livellare ulteriormente la tavolozza dinamica verso l'encefalogramma piatto?






0 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 0 ospiti, 0 utenti anonimi


Concept e Direzione di Cristiano Porqueddu
Server and Coding: NameCheap | SardiniaNET
Thanks to GiulioLinux, Marco Marini, FroZen, Bambino, Cristina, Francesco, Delta010, Geoff, Erwin, Xanadu, Michele Lai, Xana_P, Lara, Yhu, JJConan, Bruce, Mattia, Valchiria81, Sandro, Mark, Felix, Valeria.