Jump to content
Novità

Leaderboard


Popular Content

Showing content with the highest reputation since 12/12/2015 in all areas

  1. 4 points
    Come forse già sapete le recenti Ediciones Espiral Eterna hanno ripubblicato l'intera produzione del compositore cubano Leo Brouwer (1939). Non ho ancora avuto modo di osservare i contenuti di questo enorme lavoro ma posso immaginare la quantità di interventi effettuati sulle edizioni esistenti alcune delle quali necessitavano davvero di una revisione. Sono in contatto con l'editore e probabilmente già dalle prossime settimane vi sarà una bella sorpresa: i Membri del Forum Italiano di Chitarra Classica potranno visionare le versioni dimostrative di tutte le composizioni dalla sezione Download. Aggiornamenti seguiranno.
  2. 4 points
    Ce la mettiamo tutta @Marina71.
  3. 3 points

    215 downloads

    Uno spartito gratis per il mio prossimo, 76° compleanno “Passacaglia (Omaggio a Ottorino Respighi)” Composto nel 1984, questo pezzo appartiene alla terza serie degli “Studi di virtuosità e di trascendenza”. Per gentile concessione delle Edizioni Musicali Bèrben, proprietarie del copyright, sono lieto di offrire il file della musica a tutti coloro che vorranno leggerla. § A score for free for my forthcoming, 76th birthday “Passacaglia (Omaggio a Ottorino Respighi)” Composed on 1984, this work belongs to the third series of “Studi di virtuosità e di trascendenza”. With the kind permission of Edizioni Musicali Bèrben, owners of the copyright, I am glad to offer the file of the music to all those who might be interested to read it.
  4. 3 points
    Ho appena aggiunto una funzione che consente l'abbreviazione automatica in un testo citato in fase di risposta (quoting). In pratica quando quotate un testo con più di tre righe, nella risposta troverete il box della citazione con la voce "Leggi tutto" che consentirà l'espansione del messaggio originale.
  5. 2 points
    Sono lieto di comunicare che @Alfredo Escande, curatore della Biblioteca Abel Carlevaro, ha consentito la pubblicazione dell'intero archivio in formato PDF della stessa biblioteca nella sezione Download del Forum Italiano di Chitarra Classica. Mi occuperò personalmente della collocazione dei file nell'apposita sezione (raggiungibile anche dal menù principale "Altri Servizi") e della traduzione in italiano delle singole descrizioni. Il caricamento avverrà a blocchi di 5-10 file per volta. Ringrazio pubblicamente Alfredo Escande per la disponibilità e seppur indirettamente la Signora Vani Leal de Carlevaro, vedova del celebre Maestro. L'autorizzazione all'uso dei documenti di Vani Leal de Carlevaro La presente Biblioteca Abel Carlevaro es uno de los frutos de casi setenta años de trabajo profesional y artístico del gran maestro uruguayo que fuera mi esposo, material éste que se suma ahora a toda la obra que él dejó publicada y grabada, así como a los resultados de su intensa labor artística y pedagógica a lo largo y ancho del mundo. Es mi deseo que todo este material, que se guardaba en los archivos personales del Mtro. Carlevaro y que con mi expresa autorización ha sido organizado y presentado digitalmente por su discípulo y colaborador Alfredo Escande, pueda quedar ahora al libre alcance de todos los guitarristas, estudiantes, investigadores y público en general. De este modo ?estoy convencida? esta Biblioteca será un nuevo aporte para que las enseñanzas de Abel Carlevaro sigan iluminando el camino de todos aquellos que las necesiten y sepan apreciarlas. Vani Leal de Carlevaro 22 de febrero de 2019 Il contenuto della Biblioteca Abel Carlevaro - a cura di Alfredo Escande El material que integra esta Biblioteca Abel Carlevaro proviene, fundamentalmente, del archivo personal del Maestro que me fuera generosamente cedido a estos efectos por la Sra. Vani Leal de Carlevaro, su viuda. Ese enorme conjunto de papeles de distintas edades (los hay que provienen de finales de la década de 1920 y principios de la de 1930, y llegan hasta algunas anotaciones del año 2001, el de su fallecimiento) y conteniendo obras de los más variados niveles de dificultad, abarca desde manuscritos del propio Maestro, de su tío y primer guía musical Héctor R. Carlevaro y también de su padre Juan Carlos, hasta sus trabajos de edición, arreglo y digitación realizados sobre música impresa, para su propio uso personal y también para sus discípulos. Se incluyen también algunos manuscritos de otros autores con los que Carlevaro trabajó en cercanía (José Tomás Mujica, M. Camargo Guarnieri, Maurice Ohana, Heitor Villa-Lobos), así como otros realizados por discípulos suyos pasando en limpio los arreglos y digitaciones que él hacía para ellos. En el caso de las obras del propio Carlevaro que fueron publicadas, decidí incluir solamente copia de aquellas en las que él introdujo anotaciones de interpretación o cambios realizados con posterioridad a la publicación. Todo ese material que integraba su archivo fue relevado, escaneado y procesado en dos grandes períodos: el primer semestre de 2011 y enero-marzo de 2019. Además de lo que se guardaba en el archivo personal de Abel Carlevaro, he decidido complementar esta Biblioteca —cuando lo consideré relevante— con piezas provenientes de mi propio archivo (conformado, a su vez, por tres tipos de materiales: las obras que directamente el Maestro arreglaba o digitaba para mí en clases privadas, otras cuyas copias él mismo me iba entregando durante los veintisiete años ininterrumpidos que trabajé con él, y otras que me facilitaron, para que las copiara, varios colegas y amigos que también fueron sus discípulos). Cabe aclarar que no incluyo en esta Biblioteca aquellas piezas impresas —del propio Carlevaro o de otros autores— en las que no aparezca alguna propuesta del Maestro, sea de digitación o de escritura musical, sea de su propia mano o indicada a alguno de sus alumnos, salvo alguna que otra excepción debida a la importancia histórica de una dedicatoria u otra razón de similar peso. A medida que las distintas piezas de esta Biblioteca estén alojadas en la red para ser puestas a disposición del público, cada una de ellas tendrá el enlace correspondiente para que el interesado pueda obtenerla. Iré tratando de contextualizar, en la medida de lo posible, todas las piezas aquí presentadas, indicando su procedencia, autoría del manuscrito, destino del arreglo, fecha aproximada del mismo, y también —cuando se trate de una obra que Carlevaro tocó en público— el período en que integró su repertorio. También iré agregando otros detalles de información cuando lo considere necesario. Creo que es imperioso aclarar, para aquellos que no hayan tenido contacto directo con el Maestro Carlevaro ni con su forma de trabajar, cuáles eran los criterios fundamentales que guiaban sus decisiones en cuanto a la edición y digitación de las obras musicales. Los números fríos no permiten adivinar esos criterios, la razón de sus opciones por una u otra cuerda, por uno u otro dedo. Demás está decir —me atrevo a agregar— que resultaría muy difícil comprender esas decisiones, o aplicarlas directamente sobre la guitarra, para quien no esté profundamente interiorizado de todo el sustrato teórico y técnico que implica la llamada "Escuela de la guitarra" que desarrolló Carlevaro, que aplicó en su propio accionar artístico, y que enseñó a todo aquel que quisiera conocerla. No es este el lugar para explicarla ni exponerla en detalle, pero sí debe tenerse en cuenta, al evaluar sus criterios de digitación, que para Carlevaro las calidades del sonido (timbre, matices dinámicos o de color), los detalles agógicos, la conducción de voces simultáneas, el aprovechamiento de las cualidades orquestales de la guitarra, provenían de sutiles combinaciones en la acción de ambas manos; debe saberse que utilizando los recursos por él desarrollados es posible mantener un mismo timbre pese a cambiar de cuerda, o cambiar de color en una misma cuerda y en el mismo punto de acción de la mano derecha, y que también es posible obtener diferentes timbres simultáneos con una misma ubicación de dicha mano, además —por supuesto— de que él seguía considerando válidos varios de los recursos habituales (mayor o menor cercanía del puente, cambios de cuerda, etc.) que ya aplicaban y siguen aplicando los guitarristas formados según las escuelas tradicionales. Es la suma de todos esos recursos técnicos que Carlevaro aplicó por primera vez (al menos en forma conjunta y estructurada) lo que lo llevaba a realizar tantos cambios en —por ejemplo— las digitaciones propuestas por otros autores. Quizás el caso paradigmático sea el de Segovia, con quien él estudió durante casi una década en Montevideo. Es sabido cómo reaccionaba don Andrés ante los guitarristas que osaban presentarle cambios a las digitaciones por él publicadas. Sin embargo, le toleraba eso a Carlevaro y aún más: durante aquellos años de permanencia en Montevideo llegó a encargarle la digitación de algunas de las obras que recibía a través del correo (como fue el caso de alguna de Castelnuovo-Tedesco, según relatos del propio guitarrista uruguayo). Podría afirmar que el ejemplo más resaltable de esa "tolerancia" sea el hecho que relato a continuación. Carlevaro tocaba las "Variaciones sobre Folías de España y Fuga" de Manuel Ponce desde finales de la década de 1930 con su propia digitación, escrita sobre la edición de Segovia. Cuando el joven Abel dio el que Segovia consideraba como su concierto consagratorio, en noviembre de 1942 en el Estudio Auditorio del SODRE, no sólo el gran maestro español lo presentó públicamente a través de entrevistas, notas en los diarios y un muy especial texto firmado de su puño y letra en el programa de mano, sino que estructuró él mismo, para su discípulo, el repertorio del recital. Y colocó en el lugar central la mencionada obra de Ponce, que Carlevaro había digitado e interpretaba de un modo tan personal y propio. Pero, más allá de lo anecdótico, creo que las propuestas editoriales realizadas por Abel Carlevaro sobre las publicaciones de otros autores (fueran simplemente de digitación o también señalables cambios en el texto musical como en el caso de la Sonata de Antonio José, o las obras de Ponce, o tantos otros ejemplos incluidos en el contenido de esta Biblioteca) están fundadas no sólo en su particular enfoque de la ejecución guitarrística, amparado por su muy larga y tan exitosa carrera internacional como intérprete y como docente, sino que también gozan de la autoridad que le confiere su reconocida condición de compositor sólidamente formado en todas las disciplinas de la música. Son todas estas consideraciones las que motivan la inclusión de tan conocidas partituras en esta Biblioteca, a modo de invitación para que los interesados puedan observar y eventualmente tener en cuenta esas muestras del pensamiento musical de Abel Carlevaro. Resta decir que no considero cerrada esta recopilación, y que muy probablemente sigan apareciendo materiales que puedan ser incorporados a ella. Es posible que más de un discípulo de Carlevaro guarde arreglos diferentes a los aquí presentados (no hacía dos iguales, y permanentemente estaba cuestionando, revisando y muchas veces modificando lo que ya había hecho), y tenga también la generosidad de contribuir con ellos a esta Biblioteca. Serán muy bienvenidos. Entretanto yo seguiré hurgando entre muchísimos papeles que todavía esperan. De todos modos, esta primera etapa culmina ahora con la puesta al alcance del público del voluminoso conjunto de piezas musicales que enumeraré a continuación. Es con gran placer, y con un enorme agradecimiento al Maestro Carlevaro por todo lo que nos enseñó sobre la guitarra y la música, por el inmenso legado que nos dejó, y a Vani Leal de Carlevaro por la generosidad con que ha puesto todo este material a la libre disposición de quien esté interesado en conocerlo, que he preparado esta Biblioteca y paso ahora a detallar su contenido. Estoy convencido, a partir de la generosidad con que Abel Carlevaro transmitió siempre su conocimiento, de que él hubiera estado plenamente de acuerdo con esta iniciativa.
  6. 2 points
    Cari amici, è un vero piacere di essere stato accettato come un membro del Forum Italiano di Chitarra Classica e mettere a disposizione il mio blog dove troverete tutte le registrazioni in studio fatte dal Maestro Andrés Segovia e informazioni sulle loro uscite in vinile e su cd. Poco a poco aggiungerò fotografie di registrazioni e copertine di vecchi album del Maestro. Tutti i suggerimenti che vorresti farmi saranno ben accolti. Grazie in anticipo Daniel
  7. 2 points
    Eccomi, con alcune foto. E scusatemi per il ritardo. Ho caricato (spero si vedano bene) foto della sala vuota e con alcune 'disposizioni' delle persone e dei tavoli durante alcuni eventi. In più ho caricato una foto che ritrae un evento natalizio, con luci e quant'altro faceva un poco di atmosfera in quel senso. La sala del primo piano, dove si svolgono sempre concerti/eventi, è abbastanza duttile e 'personalizzabile'. Fatemi sapere se le foto non fossero esaustive.
  8. 2 points
    Agustín Barrios International Classical Guitar Competition Laureate series, Vol 2 Chitarra: Emanuele Buono Leo Brouwer - Studios sencillos, preludes epigramaticos Brilliant Classics, (P) 2013 http://www.brilliantclassics.com/articles/b/brouwer-estudios-sencillos-preludios-epigramáticos/
  9. 2 points
    Concerto di Emanuele Barillaro e Tarcisia Bonacina nell'ambito della Rassegna di Concerti di Giovani Musicisti Edizione 2017 Ente Organizzatore: Associazione Musicare Direttore Artistico: Cristiano Porqueddu Sponsor: Regione Sardegna Forum Italiano di Chitarra Classica Museo "Francesco Ciusa" Museo MAn Comune di Nuoro Il concerto si terrà presso una delle sale del Museo "Ciusa" sito in Piazza Santa Maria della Neve a Nuoro (NU). Programma: PRIMA PARTE (Interprete: Emanuele Barillaro) Leo Brouwer (1939) Elogio de la danza Tarantos Joaquín Turina (1882 - 1949) Sonata Op.61 SECONDA PARTE (Interprete: Tarcisia Bonacina) Joquín Turina (1882 - 1949) Fantasia Sevillana op. 29 Vicente Asencio (1908 - 1979) Suite Mística (Getsemaní, Dipso, Pentecostés) Frank Martin (1890 - 1974) Quatre Pièces Brèves I. Prélude II. Air III. Plainte IV. Comme une Gigue Maggiori dettagli e calendario completo: www.associazionemusicare.com Inizio del concerto ore 20.30. Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti
  10. 2 points
    Data: 25/11/2017 Associazione Musicare e Regione Autonoma della Sardegna Concerto per chitarra sola di Ermanno Brignolo 25 Novembre 2017 - Museo "Francesco Ciusa" - Nuoro Ora di inizio: 20.30 Ingresso gratuito In collaborazione con Forum Italiano di Chitarra Classica Museo "Francesco Ciusa", MAn, Città di Nuoro Programma di sala Vito Frazzi (1888 - 1975) – Due pezzi • Intermezzo • Baldanzoso Lennox Berkeley (1903 - 1989) – Quatre pièces • Moderato ma con brio • Andante con moto • Lento (Mouvement de sarabande) • Allegro, energico Frank Martin (1890 - 1974) – Quatre pièces brèves • Prélude • Air • Plainte • Comme une gigue Ettore Desderi (1882 - 1974) – Sonata in mi • Preludio • Arioso • Scherzo • Toccata e fuga Benjamin Britten (1913 – 1976) – Nocturnal after John Dowland, op. 70 • Musingly • Very agitated • Restless • Uneasy • March-like • Dreaming • Gently rocking • Passacaglia • Slow and quiet Il giovane interprete William Vitali aprirà la serata con l'interpretazione di due composizioni originali per chitarra del compositore statunitense Dušan Bogdanović. - 5 Miniatures Printanières I - Allegretto improvvisando II - Prestissimo III - Largo, molto tranquillo IV - Adagio espressivo V - Allegro molto Sonata I I - Allegro ritmico II - Andante espressivo III - Moderato un poco tenebroso IV - Allegro molto Maggiori informazioni: http://www.associazionemusicare.com Leggi la scheda di questo/a evento
  11. 2 points
    Il numero di Ottobre della rivista di musica Amadeus. Un’italiana in copertina. È Claudia Caffagni, interprete di culto nel mondo della musica antica, la protagonista del disco proposto dal nuovo numero di Amadeus in edicola dal 3 ottobre. L’anima dell’ensemble “al femminile” La Reverdie, che ha festeggiato i suoi 30 anni di attività, direttrice e liutista, guida nel cd inedito allegato in ottobre al “mensile della grande musica” un ensemble di giovani, talentosi strumentisti e cantanti in un capolavoro del repertorio sacro quattrocentesco: la Missa “Se la face ay pale” di Guillaume Du Fay (1397 – 1474). Un progetto didattico e discografico nato in seno alla Fondazione Benetton Studi e Ricerche di Treviso presentato in esclusiva da Amadeus. Tre dischi inediti per i lettori di Amadeus anche questo mese: doppio download “storico” con il Trio di Milano, terzetto di grandi solisti che ha fatto la storia della musica da camera italiana. Viaggio nel tempo tutto dedicato a Franz Schubert con il violoncello di Rocco Filippini, il pianoforte di Bruno Canino e il violino di Marianna Sirbu (Trii per pianoforte e archi D 898 e D 928, Trio D 28, Adagio D 897). Oltre alle consuete rubriche e approfondimenti da non perdere nelle pagine del numero di ottobre di Amadeus “Claudio all’Opera”, un ritratto di Abbado direttore d’opera tra memorie dal vivo e ascolti discografici. Il CD allegato: Informazioni: https://www.belviveremedia.com/shop/edicola-digitale/amadeus-digital/ottobre-2017-digitale
  12. 2 points
    Ciao a tutti sono Riccardo e faccio i miei più grandi complimenti a chi ha creato questo forum perché è bellissimo!!!!
  13. 2 points
  14. 2 points
    Ciao a tutti! Ho ricevuto l'email che comunicava la nuova versione del Forum ed è un vero piacere vedere che dopo anni si continua migliorare Avanti così e un saluto a tutti i chitarristi!!
  15. 2 points
    Si. Puoi farlo da sola dal tuo profilo personale. Chiunque può farlo per un numero limitato di volte.
  16. 2 points
    Direi che i risultati si vedono!
  17. 2 points
    Data: 02/10/2017 Concerto di Alberto Mesirca nell'ambito della LaVerdi Stagione da Camera - Circolazione musicale in Italia Programma: Francesco Canova da Milano (1497-1543) Ricercare XXV Ricercare V Fantasia detta "La compagna" (dal Manoscritto liutistico di Castelfranco Veneto del 1565, trascrizioni di A. Mesirca) Claudio Ambrosini (1948): Canzone curva (detta "dell'occhiolino") dai "Tre studi sulla prospettiva" Ciaccona in labirinto (detta "Ciaccona del Giglio") Notturno, con sogno Nulla nox sine linea (due notturni per chitarra) Janus ipse, dixit (da "Three Holograms") Leo Brouwer (1939): Preludio de las campanas (a Alberto Mesirca) Angelo Gilardino (1941): Paesaggio ligure Les Jardins Mysterieux Mario Castelnuovo Tedesco (1895-1968): Capriccio Diabolico Claudio Ambrosini (1948): Notturno (Tombeau per Jimi H.) Tantalo sorridente Marcelo Nisinman (1970): Alberto's Tango Maggiori informazioni: http://www.cidim.it/cidim/content/314696?id=374171 Leggi la scheda di questo/a evento
  18. 2 points
    Si tratta di un chitarrista con una forte tradizione familiare per la chitarra, era figlio di Antonio Cano Curriela (1811-1897) e insieme al padre rappresenta un fondamentale anello di congiunzione tra le scuole chitarristiche classiche di Fernando Sor (1778-1839) e Dionisio Aguado (1784-1849) e quella tardo-romantica di Francisco Tarrega (1852-1909). Oltre ad essre un musicista era anche grande collezionista di chitarre, sua la chitarra Torres La Invencible che l'anno scorso è stata dichiarata bene culturale di interesse nazionale (articolo EleSpanol). Le sue interpretazioni vennero apprezzate per la bellezza del suono e per la sua eccellente tecnica, affermandolo come uno dei chitarristi iberici più interessanti della sua epoca. Le sue composizioni composizioni sono la Suite "Los Siete Dias de la Semana" che comprende le opere (comprese nel secondo volume): 1. El Íbero / Paso doble op. 21 2. Carmen / Romanza sin palabras op. 22 3. Bodas de Plata / Reverie op. 23 4. Mis Dos Jilgueros / Estudio de concierto op. 24 5. Catania / Siciliana op. 25 6. Blanco y Negro / Tango op. 26 7. Fantasia española por V. Costa Nogueras op. 27 Tutte in attesa di interprete.
  19. 2 points
    Data: 22/09/2017 Prende il via la rassegna musicale "Milano Classical Guitar Festival 2017", realizzata con la collaborazione del Municipio 4 e articolata in 4 concerti che si svolgeranno in diversi luoghi del Municipio. Il primo appuntamento è previsto per il giorno 22 settembre alle ore 21:00, presso la Palazzina Liberty in Largo Marinai d'Italia 1. L'ente organizzatore è l'Associazione 800 Musica I concerti sono ad ingresso gratuito. Da questo link è possibile scaricare il PDF con i dettagli di tutti i concerti. Maggiori informazioni: http://www.comune.milano.it/wps/portal/ist/it/news/primopiano/tutte_notizie/municipio4/milano_classica_guitar_festival_2017 Leggi la scheda di questo/a evento
  20. 2 points
    Con il termine Eventi sul Forum Italiano di Chitarra Classica ci si riferisce a Rassegne concertistiche Concerti singoli Corsi di perfezionamento o seminari Concorsi Conferenze o Presentazioni Ogni altro genere di comunicazione è da effettuare in altre aree del Forum. Per garantire una maggiore facilità nel caricamento dei singoli Eventi e per consentire una maggiore omogeneità degli stessi, il Forum Italiano di Chitarra Classica consente l'invio di nuovi Eventi con un sistema dedicato. Per poter aggiungere un evento e vederlo visualizzato in quest'area del Forum è sufficiente seguire questi tre semplici passaggi: 1. Accedere alla Sezione Eventi e Appuntamenti utilizzando il menù principale 2. Fare clic sul pulsante Aggiungi evento 3. Compilare tutti i campi descrivendo con tutti i dettagli l'evento che si intende comunicare. Nota bene: - La data non va inserita nel titolo ma nel campo apposito - Se si sta comunicando un concerto è importante specificare il programma. Per ogni richiesta di aiuto vi invito ad aprire un ticket nella sezione Supporto online.
  21. 1 point
    Me siento muy complacido por el hecho de que la Biblioteca Abel Carlevaro esté siendo replicada por el Forum Italiano di Chitarra Classica para beneficio de sus tan numerosos usuarios. Este remarcable acontecimiento cultural es fruto del trabajo generoso, eficiente y muy profesional de @Cristiano Porqueddu, a quien agradezco profundamente por la iniciativa que ha permitido ampliar el alcance de la biblioteca, y felicito por la eminente calidad de su desinteresada tarea. Alfredo Escande
  22. 1 point
    'E dentro il "labirinto" spunta un tango'Concert du labyrinthe pour guitare et orchestre, partitura del mese sul n. 136 di Seicorde recensione musicale a cura di @Franco Cavallone
  23. 1 point
    Benvenuto sul Forum maazito. Prendi visione del Manifesto del Forum e per qualsiasi dubbio o suggerimento apri unnuovo ticket nella sezione Supporto onLine. Buona permanenza!
  24. 1 point
    Ej bocionèt d’dej ròch - omaggio ad Angelo Gilardino Partita per chitarra su quattro antiche melodie occitane di Franco Cavallone e Carlo Francesco Defranceschi dedicata ad Edoardo Dadone DVVG 21041 ©2018 OMK Da-Vinci Edition and Valle Giovanni Edizioni Musicali
  25. 1 point
    Ciao a tutti sono contento di iniziare il mio viaggio in questo Forum. Saluti a tutti
  26. 1 point
    Salve a tutti, Mi chiamo Giampaolo Beccarini e mi sono appena iscritto, suono la chitarra e sono un appassionato di strumenti a corde pizzicate o percosse in genere, dal berimbao africano al liuto barocco. Insegno chitarra classica e ukulele nel Canton Ticino in Svizzera. Grazie per avermi accolto. Un caro saluto. Giampaolo
  27. 1 point
    Benvenuto sul Forum @Riccardo Bini. Ho avuto la fortuna di lavorare gomito a gomito con il Maestro Company e il ricordo che conservo di quei giorni è prezioso.
  28. 1 point
    Capito qui per caso dopo quasi QUATTRO anni e ringrazio Carlo Carfagna Raffaele e Cristiano per aver partecipato alla discussione. Mi scuso molto per il ritardo Cristiano nel frattempo ha trovato la registrazione. Ora tocca a me provare a procurarmela Grazie di cuore a tutti, speriamo di sentirlo suonare sto concerto! Alessandro
  29. 1 point
    Le Rose sulla Neve (in memoriam Eso Peluzzi) è il titolo dello studio n.47 della serie dei sessanta Studi di Virtuosità e di Trascendenza del compositore piemontese Angelo Gilardino (1941). Eso Peluzzi (1894-1985), nato a Cairo Montenotte e morto a Monchiero, fu pittore dall’indole appartata, cultore di una poetica intimista espressa nelle squisite nature morte. Negli anni conclusivi della sua lunga esistenza dipinse molti quadri sulla liuteria. Per i paesaggi, predilesse le nevicate, che assumono toni soffusi, spesso, riflessi azzurrini, violetti e rosati. Il sottotitolo in memoriam, piuttosto che il consueto omaggio, fa risaltare il proposito evocativo. Semplicissimo lied tripartito, dove la sezione A esplica il ruolo di un preludio (e, alla ripresa identica, di un postludio), con agili e insieme quieti arpeggi che reggono un delicato profilo melodico (Andante molto moderato). Si precisa in questo Studio uno degli aspetti particolari dello stile del compositore, consistente nell’infondere alle armonie arpeggiate una linearità melodica così forte, da risultare un vero e proprio canto spiegato. La sezione B tiene fede all’indicazione che la definisce: Andantino, come una canzonetta. E’ una melodia accompagnata proprio come una romanza da camera di fine Ottocento. Lo Studio è certamente un’evocazione del mondo tenero e solitario di Eso Peluzzi, ma anche - più largamente - di un genere pittorico, letterario e musicale che, tra Piemonte e Liguria, ebbe una sua discreta fioritura tra i due secoli. Ad esempio, è evidente la voluta affinità - che Gilardino trattiene sempre dal volgere in imitazione - di questo pezzo con la romanza da camera di fine Ottocento e con lo stile del compositore genovese Mario Barbieri, autore di una preziosa collezione di sette preludi per chitarra, intitolata La Serra, e dedicata ai fiori. La serie di Studi di Virtuosità e di Trascendenza è pubblicata dalle Edizioni Bèrben di Ancona. La mia interpretazione dello studio è disponibile qui.
  30. 1 point
    Il 24 Gennaio 2018 avrà luogo la presentazione della pubblicazione dedicata alla biografia di Mario Castelnuovo-Tedesco a cura di @Angelo Gilardino. Lo annuncia l'autore: Mercoledì 24 gennaio 2018, nella Sala della Regina della Camera dei Deputati, avrà luogo la presentazione del mio libro "Mario Castelnuovo-Tedesco - Un fiorentino a Beverly Hills", che le Edizioni Curci di Milano stanno per pubblicare. Si tratta della biografia del maestro scritta sulla base di documenti di prima mano. L'iniziativa di presentare questo volume alla Camera dei Deputati costituisce il primo atto ufficiale dello Stato nei confronti della memoria di un musicista che, in vita, non fu oggetto di benevolenza da parte delle istituzioni, sia governative che musicali. Si deve alla sensibilità dell'on. Raffaello Vignali quest'azione significativa, alla quale sono lieto di offrire la mia piena collaborazione. Oltre alle autorità, agli eredi del compositore e agli esponenti del mondo della cultura e dell'arte, all'evento prenderanno parte interpreti di alto profilo, che eseguiranno alcune composizioni dell'autore fiorentino. Sono a disposizione di coloro che volessero essere presenti. Poiché le norme di sicurezza per l'accesso alla sala richiedono un "pass" da rilasciare dietro presentazione di un documento di identità, prego di inviarmi con un messaggio privato l'indirizzo di posta elettronica al quale far pervenire in tempo utile il necessario invito. -Angelo Gilardino
  31. 1 point
    Il chitarrista italiano Leonardo De Marchi interpreta la composizione per chitarra a dieci corde "Y despuès" di Bruno Maderna (1920-1973)
  32. 1 point
    Sì, una preview molto nutrita dell'intero catalogo. Sto discutendo con l'editore gli ultimi dettagli dell'accordo.
  33. 1 point
    Ecco, @Aralvo Ynampoc, una lista da cui iniziare: Gilbert Biberian - Eight Dances Gilbert Biberian - Suite (prelude, Allemande, Sarabande, Bourrée, Gigue) Dušan Bogdanović - Codex Xv323a (4 o 5 chitarre) Dušan Bogdanović - Introduction And Dance Dušan Bogdanović - Lyric Quartet Leo Brouwer - Canciones Remotas @Franco Cavallone - Divertimento N.1 (preludio, Romanza, Tarantella) @Franco Cavallone - Guitar Quartet N.1 @Franco Cavallone - Guitar Quartet N.2 John Duarte - English Suite N.3 Op.78 @Angelo Gilardino - Sonetti Giuliani Joaquín Homs - Quàdriga Federico Moreno-Torroba - Estampas Ivan Patachich - Pour 24 Cordes
  34. 1 point
    L’interesse mostrato in esecuzioni dal vivo e in storiche registrazioni discografiche da interpreti del calibro di Julian Bream e John Williams ed una entusiastica sollecitazione da parte del chitarrista Hector Quine hanno consentito a Stephen Dodgson (1924 - 2013) di accostarsi all'universo sonoro proprio della chitarra con composizioni di grande spessore. E come altri compositori non chitarristi – ad esempio Britten o Castelnuovo-Tedesco – anche Dodgson riesce a sfruttare in modi originalissimi le peculiarità timbriche della chitarra senza alcuna esperienza diretta sullo strumento. Questa caratteristica del suo modo di scrivere per le sei corde è palese in tutta la sua produzione inclusa quella destinata alla formazione del chitarrista: i suoi lavori orientati al perfezionamento sono infatti una vera e propria porta di accesso alle composizioni da concerto e da camera del compositore londinese, un prezioso prontuario di idee e concetti musicali di pregevole qualità. Ai celebri 20 Studies for guitar scritti nel 1965 seguì il metodo Progressive Reading for Guitarists nel 1975, quindi i 12 Transitional Studies del 1980 e nel 1992 la serie di miniature dell’ Ode to the Guitar. Si tratta di pagine che necessitano di una capacità di esecuzione lievemente progredita rispetto ai consueti Studi per chitarra destinati agli allievi dei primi anni. Nella rinuncia a tracciare un percorso progressivo, l’autore mette in condizione il lettore di perfezionarsi nell'esecuzione di pattern ritmicamente più o meno regolari, sequenze cromatiche, legature chitarristiche, plaqués, polifonia, armonici naturali ed artificiali, estensioni della mano destra e contrasti di registro. Una gamma di elementi di studio variegata e, come si evincerà dall'ascolto, di esemplare risultato sonoro. Qui una traccia dal CD Easy Studies for Guitar Vol.2 Leggi la scheda di questo/a articolo sul repertorio
  35. 1 point
    L'Associazione Musicare ha selezionato gli interpreti che daranno vita alla nuova edizione della Rassegna di Concerti di Giovani Musicisti che si svolgerà a Nuoro nei mesi di Novembre e Dicembre. La Rassegna di Concerti di Giovani Musicisti ha ospitato in otto edizioni decine di giovani e valenti interpreti che si sono resi protagonisti di performance di rilievo con repertori dedicati al XX e al XXI secolo. Gli artisti selezionati quest'anno sono nove: Emanuele Barillaro Tarcisia Bonacina Francesco Emmanuele Antoine Guerrero Gabriele Lissia Francesco Palmieri Ettore Scandolera Giacomo Susani William Vitali L'Associazione Musicare si congratula con i musicisti selezionati e invita a seguire gli aggiornamenti dal sito ufficiale www.associazionemusicare.com
  36. 1 point
    Benvenuto sul Forum antonio rugolo. Prendi visione del Manifesto del Forum e per qualsiasi dubbio o suggerimento apri unnuovo ticket nella sezione Supporto onLine. Buona permanenza!
  37. 1 point
    Devi conoscere le regole dell'armonia e della condotta delle parti.
  38. 1 point
    Benvenuto sul Forum Thomas Candon. Prendi visione del Manifesto del Forum e per qualsiasi dubbio o suggerimento apri unnuovo ticket nella sezione Supporto onLine. Buona permanenza!
  39. 1 point
    La weblabel dotGuitar pubblica il nuovo CD di Antonio Rugolo dedicato alla musica di Mauro Giuliani. La tracklist include: Variations sur un thème de G. F. Handel, Op. 107 Sonate brillante, Op. 15: I. Allegro con spirito II. Adagio con grande espressione III. Finale. Allegro vivace Six variations sur l'air favori de la Molinara, Op. 4b Grande ouverture, Op. 61 Six variations sur Folies d'Espagne, Op. 45 Gran sonata eroica, Op. 150 Rossiniane No. 5, Op. 123 Maggiori informazioni: https://www.amazon.it/Mauro-Giuliani-Masterpieces-Antonio-Rugolo/dp/B0759TRDW1/ Leggi la scheda di questo/a novità discografica
  40. 1 point
    Data: 24/10/2017 Master class del Maestro Angelo Gilardino Aula Magna del Conservatorio Cosenza – 24 e 25 ottobre 2017 Didattica a distanza sul filo della fibra ottica "Musiche Sottovuoto" Live simultanei in spazi architettonici lontani Oltre che agli allievi del Conservatorio, la master è rivolta anche a partecipanti effettivi esterni - in numero massimo di sei (solisti o formazioni), per i quali sarà previsto un incontro di circa 60 minuti La master è inoltre aperta ad allievi uditori, senza limite di numero. Orario delle lezioni: dalle 9,00 alle 12,00 e dalle 15,00 alle 18,00 Martedì 24 Ottobre ore 18.30 Lectio magistralis: Approccio allo studio del repertorio moderno e contemporaneo Mercoledì 25 Ottobre ore 18.30 Concerto finale degli allievi Contributi per iscrizione studenti esterni: da versare entro il 15.10.2017 …………………………………………………………….. - allievi effettivi: € 80,00 - formazioni cameristiche € 120,00 Si accettano iscrizioni fino ad esaurimento posti -allievi uditori: € 40,00 -studenti dei Licei musicali e delle scuole medie ad indirizzo musicale uditori € 25,00 A tutti i partecipanti verrà rilasciato un attestato di partecipazione. INFO: https://www.facebook.com/conservatoriochitarra70/ Maggiori informazioni: https://www.facebook.com/conservatoriochitarra70/?hc_ref=ARSV5dBIYLepk5SWDGMSnXrEPMPna_D3TEBVbqgIiC0p0XiZq_FjQ2EctSwT3yP1P1k&fref=nf Leggi la scheda di questo/a evento
  41. 1 point
    La musica per chitarra di Manuel María Ponce (1882 – 1948) è universalmente riconosciuta come una delle pietre miliari del repertorio per chitarra della prima metà del Novecento. La sua attenzione a composizioni con obiettivi formativi viene stimolata per la prima volta da Andrés Segovia nel 1929 quando l’autore scrisse i celebri 24 Preludios para Guitarra per assecondare un progetto didattico del grande interprete, progetto che non vide mai la luce. Accanto a questi preludi, pur ad un livello compositivo di altro spessore, non sfigurano i Seis Preludios Fáciles scritti nel 1947 e pubblicati nel 1953 da Peer International Corporation con il titolo di Seis Preludios Cortos. Si tratta di composizioni tecnicamente più accessibili dei più celebri 24 Preludes e furono scritti per Juanita Chávez, la figlia di Cárlos Chávez (1899-1978), che in quegli anni, giovanissima, iniziava lo studio della chitarra. Proprio come i 24 Preludios, i Preludios Cortos sono stati ideati con obiettivi formativi allo scopo di fungere da vero e proprio piccolo vademecum espressivo i cui elementi sono applicabili ad alcune delle principali e più conosciute tecniche chitarristiche. Ponce abbandona quasi completamente la complessità della tessitura adoperata nei 24 Preludios presumibilmente per rendere immediati esecuzione da parte di interpreti poco esperti e risultato sonoro; operazione che porta a termine con successo anche in situazioni limite come nel quarto Preludio, in una pressoché totale rarefazione del suono
  42. 1 point
    L'etichetta discografica Brilliant Classics pubblica il CD Easy Studies for Guitar Vol.1 Easy Studies for Guitar è una trilogia di release discografiche dedicata a composizioni di autori del XX e del XXI secolo con scopi prettamente didattici. La distribuzione dell'opera prevede: Easy Studies for Guitar Vol.1 (2016) (Garrido, Koshkin, Smith-Brindle, Tansman) Easy Studies for Guitar Vol.2 (2017) (Tansman, Dodgson, Cavallone, Patachich, Ponce) Easy Studies for Guitar Vol.3 (2019) (Cavallone, Bellomo, Jean Absil, Anton Stingl, Chassain, Patachich, Biberian) In questo primo volume sono contenuti 54 studi per chitarra di Eduardo Garrido (1975), Nikita Koshkin (1956), Reginald Smith-Brindle (1917-2003), e Alexandre Tansman (1897-1986) Una delle recensioni: http://www.cristianoporqueddu.com/8019-recensione-su-guitart-per-easy-studies-for-guitar-vol-1/ Dal sito dell'editore: “The growing library of guitar music on Brilliant Classics already encompasses several albums of etudes and miniatures written for students and amateur players. From rare to well-known, there are the studies of Gangi (BC95204), Tansman (BC95221), Castelnuovo-Tedesco (BC95219) and Gilardino (BC9285), among many others. The Gilardino album features the artistry of guitarist and composer Cristiano Porqueddu, who has made several other well-received albums for Brilliant Classics, including collections of rarely encountered composers in ‘Novecento Guitar Preludes’ (BC9292) and ‘Novecento Guitar Sonatas’ (BC9455), both of which include many first recordings. Reviewing the set of Preludes, MusicWeb International praised the ‘coruscating variety, fine recorded sound and lovingly shaped playing… Porqueddu’s playing is miraculously clean and there’s very little fret noise.’ Porqueddu’s appetite for the unusual and sense of adventure is further confirmed by a new set of ‘Easy Studies for Guitar’, containing music that is as satisfying to listen to as it is relatively unchallenging to master for the intermediate-to-advanced student guitarist. Only Tansman has a currency outside guitarists, but the other three, more contemporary figures speak with powerfully individual voices. The Russian composer-guitarist Nikita Koshkin may be a particularly welcome discovery for non-initiates: born in 1956, he counts the music of Shostakovich and Prokofiev as important early influences, but his own music lies within the Spanish guitar tradition, while employing more modern harmonies and building to climaxes of unexpected tension and drama. Born in Granada in 1975, Eduardo Garrido now teaches and composes in Mexico, and in his studies can also be heard a non-native wildness and urgency, for all that they are sympathetically composed with intermediate students in mind. Master guitarist Cristiano Porqueddu embarks on a praiseworthy and ambitious recording project: Easy Studies for Guitar, works written by famous or less well known composers with the special aim to educate, challenge, develop and entertain the aspiring guitar student. The works focus on certain technical issues disguised as it were in the musical content and its emotions. The first CD contains works by Eduardo Garrido, Nikita Koshkin, Alexandre Tansman and Reginald Smith-Brindle. Cristiano Porqueddu, who already recorded more than 40 CD’s, all of them to great critical acclaim, takes his task seriously, always finding the right atmosphere and character of these delightful musical gems, aided by his immaculate technique. Excellent liner notes written by the artist.” INFO: http://www.brilliantclassics.com/articles/e/easy-studies-for-guitar-volume-1/ La tracklist completa: Eduardo Garrido (1975): “Alebrijes de la ciudad de México – 8 estudios breves para guitarra” Nikita Koshkin (1956): “Da Capo” 24 Easy Pieces Reginald Smith-Brindle (1917-2003): Ten simple preludes Alexandre Tansman (1897-1986): Douze Pièces Faciles pour Guitar Anteprime sul mio canale SoundCloud: Maggiori informazioni: http://www.cristianoporqueddu.com/discography/easy-studies-for-guitar-vol-1/ Leggi la scheda di questo/a novità discografica
  43. 1 point
    Ciao @FedericoX e grazie per l'attenzione al mio lavoro. La musica di Eduardo Garrido è in via di pubblicazione. Pochi giorni fa ho spedito all'editore la revisione degli "Alebrijes de la ciudad de México" del compositore spagnolo. Saranno disponibili, presumibilmente, nel periodo Natalizio. I Ten Simple Preludes di Smith-Brindle è pubblicata da Universal. Link > https://www.amazon.com/SIMPLE-PRELUDES-GUITAR-REGINALD-SMITH-BRINDLE/dp/B004UD4UH2 Le 12 Pièces Faciles di Tansman sono edite da Max Eschig Link > http://www.di-arezzo.fr/partition/partition-classique/partition-pour-guitare/Alexandre-Tansman/12-Pièces-Faciles-N°1/ESCHG03589.html?PHPSESSID=2463821282a54499fee51e0eb1868d1b (Considera che i quaderni sono due, ho linkato il primo ma su DiArezzo trovi anche il secondo).
  44. 1 point
    Benvenuto sul Forum FraPic. Prendi visione del Manifesto del Forum e per qualsiasi dubbio o suggerimento apri unnuovo ticket nella sezione Supporto onLine. Buona permanenza!
  45. 1 point
    Un saluto a tutti i membri del Forum e complimenti vivissimi per il lavoro svolto. Marco
  46. 1 point
    Prende il via la rassegna musicale "Milano Classical Guitar Festival 2017", realizzata con la collaborazione del Municipio 4 e articolata in 4 concerti che si svolgeranno in diversi luoghi del Municipio. Il primo appuntamento è previsto per il giorno 22 settembre alle ore 21:00, presso la Palazzina Liberty in Largo Marinai d'Italia 1. L'ente organizzatore è l'Associazione 800 Musica I concerti sono ad ingresso gratuito. Da questo link è possibile scaricare il PDF con i dettagli di tutti i concerti.
  47. 1 point
    Un caro saluto a tutta la community, e un sentito ringraziamento agli Amministratori. A.Y.
  48. 1 point
    Grazie infinite Cristiano!! E' un tesoro in linea questo archivio.
  49. 1 point
    Ciao, ecco un utile esercizio per migliorare la chiarezza polifonica. Accordi ribattuti a 4 note (pima) accentando ogni volta un dito diverso. Indicazioni pratiche: - per suonare piu' forte una nota all'interno di un accordo ribattuto, "affondare" un po' di piu' sulla corda con il dito interessato (solo quel dito) e rilassare le altre.
  50. 1 point
    EDOARDO CATEMARIO “Recuerdos” (musiche di Mudarra, De Narvaez, Sanz, Sor, Tarrega, Fortea, Llobet) DECCA 476 3924 DDD 63:45 Per il suo secondo album edito dalla divisione italiana della Decca (abbiamo recensito il primo, una monografia bachiana, su MUSICA 198), Edoardo Catemario ha selezionato un palinsesto dal sapore un po’ rétro, facilmente inseribile nel filone “Quattro secoli di musica spagnola per chitarra”. Nella breve presentazione, del resto, il chitarrista napoletano confida trattarsi di un esplicito omaggio a una tradizione interpretativa e anche a un vissuto personale ben precisi; ciò nondimeno, un simile itinerario può sembrare per la sensibilità odierna troppo eterogeneo e anche, appunto, un po’ “vecchio stile”. Bisogna subito aggiungere, però, che questa possibile obiezione da un lato è riscattata dall’inclusione, accanto a veri hits come le Variazioni op. 9 di Sor o Recuerdos de la Alhambra di Tarrega, di pagine di rara esecuzione quali Dialogando e Toledo di Daniel Fortea; dall’altro, è l’altezza (e in qualche caso l’originalità) interpretativa della prova di Catemario a disarmare qualunque considerazione sulle scelte di repertorio. Le Variazioni di Sor e di Luis De Narvaez mostrano una capacità di situare in un’ambientazione peculiare, per timbro e articolazione, ogni singolo episodio; l’ultima variazione dell’op. 9, così come i Canarios che concludono la cosiddetta Suite española di Gaspar Sanz, rivelano poi un sicuro istinto drammaturgico per la brillantezza con cui vengono proposti, quasi fossero elettrizzanti finali operistici. Questi brani peraltro palesano la scioltezza virtuosistica di Catemario, così come Rujero y Paradetas di Sanz testimonia la notevole agilità della mano sinistra. Il tutto appare nobilitato da una rotondità e flessibilità sonora dovuta al tocco del virtuoso, ma anche alle tre splendide chitarre storiche utilizzate (di Enrique Garcia e Francisco Simplicio). Anche la personalità interpretativa del quarantacinquenne chitarrista appare spesso evidente, in particolare nello stacco inconsuetamente rapido di pagine come lo Studio op. 35 n° 22 di Sor (che del resto è originariamente segnato Allegretto, e non Moderato come richiede la battutissima selezione segoviana) ovvero Adelita e Capricho Arabe di Tarrega. In quest’ultimo caso, a dire il vero, preferisco un fraseggio più rapinoso rispetto alla pulsazione scelta da Catemario: fortemente ritmata, quasi danzante, interrotta da decisi ritardando sugli episodi di transizione. Tuttavia è pur vero che per questi brani addirittura abusati una prospettiva differente è sempre la benvenuta. Roberto Brusotti MUSICA n°221 novembre 2010
This leaderboard is set to Rome/GMT+02:00
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.