Jump to content
Novità

zacchero

Membri
  • Content Count

    7
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Newbie

About zacchero

  • Rank
    Novizio

Recent Profile Visitors

2,321 profile views
  1. Degli otto brani contenuti nel cd, i nn. 1,3,5 li fece eseguire un mio amico (ora defunto) da un chitarrista, da spartiti in mio possesso. Gli altri brani, so che li aveva lui da un cd, ma oggi è tardi per chiederglielo. Potrei interrogare la vedova, ma non so con quale risultato. Quanto ai 16 anni del frate, certo stai aprendo nuovi orizzonti ... ma l'ingresso in seminario potrebbe aver contribuito a farlo crescere presto, umanamente e artisticamente. Non saprei cosa dire: finora le mie ipotesi giravano bene.
  2. Caro Marco, mi fa piacere che ogni tanto emerga qualcuno interessato alla figura di questo misterioso chitarrista. Io non sono un accademico musicista, e lascio a voi indagare sulle opere del nostro. Tuttavia essendo di Velletri, e interessandomi di storia locale, indago sul personaggio. Non so se mi hai già contattato a proposito della mia ricerca. Se mi scrivi alla mail erre.zac@tin.it ci mettiamo d'accordo, e te ne faccio volentieri omaggio. Roberto
  3. Ripropongo Fra Cassio dopo aver rivoltato Poggio Mirteto come un calzettone. Non c'è documento né memoria su un musicista Gentili, e tanto meno su una famiglia di musicisti Gentili. D'altro canto, dopo ottant'anni, una memoria familiare dovrebbe pur essere conservata. Ciò avvalora la mia ipotesi, e cioè che l'editore abbia desunto la provenienza dal timbro postale di un plico a lui indirizzato, e il cognome Gentili dall'associazione con l'altra ignota Lisanella. Se il nostro Fra Cassio è il Fra Cassius Brauchle sul quale indago, è probabile che abbia transitato per Poggio Mirteto recandosi alla confinante Abbazia di Farfa, meta di grande interesse per un religioso di origini tedesche, vista l'enorme importanza storica che l'abbazia ebbe ai tempi dell'impero germanico. Ora mi domando: il registro degli organisti romani consultato dal maestro Arturo Sacchetti, è un "albo professionale"? E se il nostro avesse suonato l'organo occasionalmente? Infatti, perché scrivere "organista nel 1920" (Dizionario di Domingo Prat) e non "dal 1920"? Inoltre, il maestro Sacchetti cercò forse "Fra Cassio da Velletri" ma non "Fra Cassius Brauchle" (di cui ho acquisito dati anagrafici e foto). E vi chiedo: dove è consultabile l'elenco degli organisti romani? Grazie!
  4. Ultimerò stanotte, spero, un mio libretto su tutto quanto emerge a proposito del Frate in oggetto. L'articolo del Messaggero riferisce dell'anno in cui si stabilì definitivamente a Roma ma, come ho detto, forse già frequentava. Lo stesso appello che fai tu ai volenterosi, lo rinnovo io. P.S.: che la battuta esistesse, lo so. Gassman l'ha solo fatta conoscere a tutti, e attecchì perché è un trinomio fortunato. Nel libretto mi diverto anche a spiegarne le ragioni filologiche. Poi ci fu pure Fra' Tazio da Velletri, il film pecoreccio. Ma possiamo arguire che la frase nasca nella prima metà del '900 (Gigi Zanazzo non se la sarebbe lasciata scappare), ed è probabile che nasca come parodia derisoria dello pseudonimo del nostro frate. Però credo che, se vogliamo continuare, dovremmo cercarci un altro forum. Qui mi sa tanto che la stiamo facendo fuori dal vaso ...
  5. Salve! Ho fatto le mie ricerche su Fra' Cassio da Velletri. Durante l'occupazione nazista a Roma c'era in Vaticano tal Fra' Cassio Brauchle, che collaborò con padre Pfeiffer (mediatore tra il Vaticano e il comando tedesco) per salvare tante vite umane, e tentò perfino di evitare l'eccidio delle Fosse Ardeatine. All'epoca faceva il portinaio nella Casa generalizia dei padri salvatoriani, in Vaticano. Su Il Messaggero del 19.11.1995 se ne annuncia la morte avvenuta due giorni prima, con altre notizie: era conosciuto a Velletri e dintorni perché praticava la rabdomanzia nei Castelli Romani, e trovò molte sorgenti. Nato nel 1903 nella regione tedesca del Wurttemberg, sarto a 16 anni, qualche anno dopo prese i voti. Si stabilì definitivamente a Roma nel 1937. In queste notizie abbiamo il nome e la frequentazione a Velletri, ma alcuni giorni dopo, sullo stesso quotidiano, comparì l'articolo che ricordavo nel mio precedente post, dove si dava la stessa notizia ma con più colore (quindi, con la denominazione Fra' Cassio da Velletri), e l'origine ungherese che io ricordavo, ma che a questo punto è inesatta. In nessuno dei due articoli si fa cenno all'attività musicale, ma è probabile che avesse preso quello pseudonimo dal soprannome che potrebbero avergli dato in Roma, per le sue frequentazioni ai Castelli. Quanto alla data 1937, forse fu allora che si stabilì in Vaticano, ma forse già abitava a Roma (e magari faceva l'organista nel 1920, come scrisse Domingo Prat), o magari pendolava tra Roma e Poggio Mirteto. Se qualcuno ha voglia di tornare sull'elenco degli organisti romani, non sarà quindi da cercare Cassio da Velletri, ma Cassio Brauchle. E chissà che non lo becchiamo ...
  6. Grazie infinite! Magari tutti si autocitassero in codesto modo.
  7. Salve! Scusatemi se mi intrufolo in questo dotto consesso, essendomi iscritto al vostro forum per un unico motivo. La mia cultura musicale è pari a zero, tranne la sola fruizione auricolare. Tuttavia scrivo da Velletri, e sono un ricercatore di cose patrie. Ho già letto quanto scritto da voi, oltre all'articolo su Seicorde del 2008. Da noi si scatena periodicamente una gara a chi inventa la balla più grossa sul nostro presunto frate. Ma ricordo benissimo un articolo apparso su Il Messaggero di quasi vent'anni fa, che così titolava: "E' morto Fra' Cassio da Velletri". Non si faceva alcun cenno all'attività musicale del personaggio, perciò credo che l'interesse del redattore si fondasse esclusivamente sulla scomparsa di questa figura resa celebre (al di fuori delle vostre discussioni di addetti ai lavori) dalla battuta di Gassman nel Brancaleone alle Crociate. E' morto in Vaticano - spiegava l'articolo - questo sacerdote ultranovantenne (e con l'età ci siamo) di origine ungherese. E qui, come trova posto Poggio Mirteto? Era detto "da Velletri" perché durante la guerra portava acqua agli abitanti dei Castelli romani. Ma quale guerra? Non la seconda - che coinvolse tante città come pure la zona dei Castelli- ma nessuno lo ricorda, e per di più il suo nome o pseudonimo era già noto. Ma neanche la prima, che non coinvolse affatto la nostra città. D'altro canto, quel cognome Gentili da voi citato non è raro da noi. Bene: frate o no, velletrano o no, mi sto affezionando ai suoi spartiti, e vi chiedo: ne avete? Ho catturato la Mazurka su Seicorde, e il Preludio in Do minore su Il Plettro del 1934. Ma Vizzari negli anni '30 pubblicò anche Solitudine, Valzer da concerto, Piccola elegia, Tempo di Mazurka, e Tre Coserelle. Potete aiutarmi? Magari, contattandomi a erre.zac@tin.it evitando di farmi impiccare su macchinosi download dai quali esco sempre col pc impallato ...(altra mia cultura pari a zero ...!). Sperando di non essere scaraventato tra i fuori tema, come da regolamento che diligentemente ho letto, vi ringrazio e vi saluto. Roberto Zaccagnini - Velletri.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.