Vai al contenuto

Massimiliano Filippini

Membri
  • Numero contenuti

    37
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    1

Massimiliano Filippini last won the day on Settembre 30

Massimiliano Filippini had the most liked content!

Reputazione Forum

1 Neutrale

Su Massimiliano Filippini

  • Rank
    Novizio
  1. Version

    21 downloads

    Questo metodo teorico-pratico è il frutto di un lungo e quanto possibile attento studio delle problematiche tecnico-chitarristiche che si presentano nell'esecuzione di musica contrappuntistica in stile barocco. Ogni canone, esercizio, invenzione, studio o trascrizione contiene tutti gli elementi tipici del repertorio polifonico. Desidero premettere che tutte le composizioni e trascrizioni qui raccolte non sono pensate per fini concertistici ma per fini formativi. Non pretendono di essere formalmente ricercate anzi.... la semplicità del trattamento tematico serve a fare “l'occhio”. Arrivare in fondo a questo trattato rinforzerà gli strumenti necessari al superamento consapevole delle difficoltà tipiche del repertorio preso in esame. Crearsi un'immagine mentale della tastiera risulterà fondamentale.
  2. Giulio Regondi "Introduction et Caprice, Op.23", Florian Larousse

    Povero Giuliani, sempre lui per gli stracci. L'armonia la sapeva usare eccome ma lo stile italiano imponeva altre strade e direi che l'ultimo libro di Riboni lo dimostra ampiamente. Per quanto riguarda l'aspetto puramente meccanico penso fosse un innovatore assoluto e rimango sempre colpito quando suono alcuni suoi studi, bisognerà aspettare Villa-Lobos per ritrovare certe soluzioni tecniche. Aggiungo che Regondi fu un astro assoluto e unico. La sua concezione strumentale non solo era superiore a tutti i suoi contemporanei ma anche ai quella delle generazioni successive. Lo stesso Tarrega non compete a livello e formale e armonico. Intendo Regondi non diede vita ad un nuovo movimento chitarristico ma rimase solo nella sua suprema arte, non si può paragonare a nessuno.
  3. Giulio Tampalini suona Sonatina n.1 "Ellittica" di D. Scaminante

    Naturalmente scherzo. Complimenti perfetto come sempre.
  4. Giulio Tampalini suona Sonatina n.1 "Ellittica" di D. Scaminante

    Giulio per cortesia ogni tanto sbaglia una nota....
  5. Fabio Capone suona Songe Capricorne di Roland Dyens

    Bravo. Mi piace molto.
  6. Caduta di stile

    Io credo che il messaggio di Francesca sia sarcastico.
  7. Chi suona uno strumento classico suona musica classica?

    Io ritengo la musica scritta da Fabbri alla pari di un Varini o Andy McKee. Un chitarrismo del tutto legittimo con spunti di interesse vero. Quello che non capisco è l'ostinazione a volersi definire classico e insistere nel dare alla propria musica un'impronta colta. Sarebbe più coerente dire: "Il mio percorso artistico mi ha portato a questo genere di musica punto e basta." Forse l'etichetta "classico" è un valore aggiunto in ambienti non accademici? Per chiudere.... qualche giorno fa ho sentito un'intervista a Battiato dove gli veniva chiesto di definire la sua musica. Risposta: un rock-pop metafisico (se non ricordo male, ma il concetto è quello). Mica ha detto sinfonismo impressionista con contaminazioni dodecafoniche!
  8. Chi suona uno strumento classico suona musica classica?

    Ma se la mettiamo così sotto musica contemporanea possiamo mettere anche i valzer che suonano alla festa del mio paesino. Le distinzioni si possono fare. La musica pop è una cosa la musica colta è un'altra, l'heavy metal è una cosa la world music un'altra. Credo che il tema sia stato ampiamente trattato ma precisiamo una volta per tutte il malinteso: colto non è uno schemino a-b-a o un arpeggino con le settime maggiori ma sono quelle creazioni musicali che germogliano e si sviluppano sul concetto di sviluppo tematico inserito in un contesto formale. Il problema principale è che troppe persone non sanno cos'è lo sviluppo tematico e non comprendono il percorso creativo compiuto da un compositore nello svolgimento del suo lavoro. Proviamo a paragonare la sonata di Antonio José con tico-tico e ci siamo capiti. Un saluto a tutti.
  9. Albada e pezzo antico

    Era molto tempo che non vedevo una mano destra lavorare così arcata.
  10. Paga e pubblica

    Forse l'unico modo di vivere la composizione oggi è una sorta di "Art Brut" culturalizzata. Una forma di espressione che l'individuo deve creare e godere per se stesso senza pretese di diffusione o condivisione. Cito: “Quei lavori creati dalla solitudine e da impulsi creativi puri ed autentici - dove le preoccupazioni della concorrenza, l'acclamazione e la promozione sociale non interferiscono - sono, proprio a causa di questo, più preziosi delle produzioni dei professionisti.
  11. Paga e pubblica

    Quindi se gli editori ti rifiutano la pubblicazione o ti chiedono un contributo vuol dire che non sei un buon compositore?
  12. Bravo Alessio molto sicuro tecnicamente. ne hai passate di ore sul pezzo.
  13. Capisco che è difficile ma 6 mesi di unghie corte risolverebbero il problema. Se trovi un metodo sostitutivo (non chimico) per questo periodo potrai tornare ad usare le tue unghie e ti stupirai di quanto si sono irrobustite. Se hai cominciato a portarle lunghe sin da giovane probabilmente sono anche irregolari. Io dopo questo dritta del medico (anch'io ho lo stesso problema) ho fatto una prova con il mignolo e devo dire che oggi è nettamente più spesso e duro rispetto alle altre dita.
  14. Una domanda ssc.... da quanti anni tieni le unghie lunghe?
×

Informazione importante

By using this site, you agree to our Terms of Use.