Vai al contenuto

Raffaele Iervolino

Membri
  • Numero contenuti

    521
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    10

Raffaele Iervolino last won the day on Febbraio 16 2015

Raffaele Iervolino had the most liked content!

Reputazione Forum

36 Buona

Su Raffaele Iervolino

  • Rank
    Abituale
  1. io volevo solo che i ragazzi avessero i libri per studiare la Chitarra e la Teoria professionale. http://www.alboscuole.it/102372/ La gentilezza secondo il professor Raffaele Iervolino di Elisabetta Areniello Il 13 novembre scorso è stata celebrata in tutto il mondo la Giornata Mondiale della Gentilezza: un valore troppo spesso bistrattato e sottovalutato. Noi della Redazione di “Scripta Manent” abbiamo dato ampio spazio a questo tema dalle colonne del nostro giornalino scolastico, perché siamo convinti che la gentilezza sia una fonte primaria di benessere e felicità; un valore basilare ed imprescindibile di ogni relazione umana. Pertanto, ci piace dare risalto ad una notizia apparentemente piccola, ma potenzialmente eccezionale che ha avuto per protagonista un docente della nostra scuola, la Scuola Secondaria di I grado “Ammendola-De Amicis”, il quale, con un suo gesto discreto ma tangibile, ha aiutato i suoi alunni, dando prova della sua grande gentilezza, che a mio avviso si accompagna a bontà d’animo e generosità. In breve, ecco i fatti: nell’ambito della recente riforma scolastica conosciuta come “La Buona Scuola”, grazie alla legge n. 107/2015, è stato stanziato un bonus a tutti i docenti allo scopo di finanziare l’aggiornamento e l’autoformazione. Il Prof. Raffaele Iervolino è stato così gentile da investire tutta la cifra del bonus per aiutare i suoi alunni del Corso di chitarra, acquistando trenta libri di teoria e pratica musicale per tale strumento. In un mondo dove il valore del successo si misura con l’individualismo e l’egoismo, la gentilezza risulta essere quel valore aggiunto che ci aiuta a creare un clima sereno e positivo ovunque ci troviamo. "SCRIPTA MANENT" diretto da Amalia Ammirati Secondaria I° Ammendola - De Amicis di San Giuseppe Vesuviano (NA) Libri Prima media SMIM - 10 Guitar Gradus di Ruggero Chiesa Seconda media SMIM - 10 Pozzoli Parlati e cantati volume 1 Terza Media SMIM - Apreda Teoria e Fondamenti musicali per l'esame orale oltre a quello di Chitarra.
  2. Ottima musica e interpreti di livello: ritorna la Rassegna della Chitarra BOVISIO MASCIAGO - Negli anni scorsi ha ottenuto un notevole successo. La Rassegna della Chitarra, giunta alla settima edizione, anche stavolta porta in città interpreti di tutto rispetto e di fama internazionale e ottima musica. L'apertura della rassegna giovedì alle 21 in municipio http://quibrianza.it/eventi/bovisio-masciago/ottima-musica-e-interpreti-di-livello-ritorna-la-rassegna-della-chitarra.html
  3. Piano armonico in cedro e abete

    beh se qualcun altro ha fatto altri esperimenti,sarei felice di saperne i risultati. Non per altro,per cercare "forse nuovi suoni" ? Non è ne una speranza ne una pretesa,solo una curiosità. Grazie a Ciro Marzio,per il suo esempio.
  4. Suonare senza unghie

    non mi riferivo alla chitarra elettrica,non conosco .Per me sulla "Chitarra" l'unghia è fondamentale,direi vitale, altri generi musicali,non li tratto e non conosco .Ascolterò il video,grazie
  5. Piano armonico in cedro e abete

    quindi,tra le due ipotesi la prima potrebbe valere? In maniera che posto semplicemente, se usiamo abete, cedro e palissandro(sono solo esempi), avremo un suono ne di abete,ne di palissandro e ne di cedro, ma un suono diverso ,per via delle congiunzioni? Che alterano ,o condizionano le vibrazioni,dei vari corpi?
  6. Suonare senza unghie

    mi piacerebbe ascoltare brani col liuto rinascimentale o barocco.Una sola volta ho ascoltato sul liuto e fu Francesco Taranto in un suo concerto,lui usava le unghie piccole ,ma presenti.Comunque mi piacerebbe ascoltare senza completamente le unghie questi strumenti.
  7. Piano armonico in cedro e abete

    ringrazio per le risposte,e se ho capito bene,allora le due o tre tipi di vibrazioni (dei due o tre legni usati), si fondono in un'unica vibrazione,facendo emettere un tipo di vibrazione diversa ? Oppure si avvicina di più il concetto, che un legno (o una vibrazione), superi (o domini) le altre vibrazioni (o altri legni),facendo si che le altre vibrazioni si adattino al legno dominante,(o vibrazione dominante)?
  8. Piano armonico in cedro e abete

    una domanda semplice, mettere due o tre piani armonici misti (ammetto che non lo mai provata una chitarra cosi ) assieme,ci sarà un metodo ,per far combaciare le varie vibrazioni,che per forza di cosa sono diverse da legno a legno. Oppure non conta nulla il fatto che le vibrazioni dei singoli legni usati siano diversi?
  9. Senza chitarra

    i motivi di quello che feci sono personali ,ma lasciare la chitarra per un altro strumento,non mi fu consigliato. Il vuoto che si crea "senza la chitarra",lasciando stare i motivi (che non rivelo qui) , mi portò da quel giorno ,nel ritorno alla chitarra (sei mesi dopo),a lasciare tutti gli insegnati (di tutte le materie chitarristiche) che avevo e a continuare da solo. Cosa che continuo ancora oggi. "Senza chitarra" per sei mesi (per rispondere al post) è stato il periodo più tormentato della mia vita,e da lì in poi è cambiato tutto. Scusatemi per le cose personali,ma per essere chiaro,non ho potuto fare altrimenti,scusate.
  10. Senza chitarra

    da ragazzo,(dopo la famigerata licenza di solfeggio) ,nel bel mezzo degli studi-chitarristici, abbandonai la chitarra , e intrapresi la strada di un altro strumento. Si vuol sapere il vuoto causatomi? I nuovi cambiamenti avuti? Non avere più il contatto fisico della chitarra? E' a questo che è riferito il post "Senza chitarra" ?
  11. Senza chitarra

    Non sono stato chiaro,non esisto se non c'è musica per chitarra "classica", di altra musica di farla o di suonarla, di ascoltarla o eseguirla con altri strumenti,non mi interessa . In riguardo al contatto fisico,posso anche non averlo ,ma mi deprimerei e morirei,a guardala lì, chiusa nel suo fodero.
  12. Senza chitarra

    non la immagino proprio una vita senza chitarra
  13. Chitarra Greci o chitarra Bottoni-Greci...?

    http://www.dotguitar.it/zine/liuteria/greci1.html informazione sull'argomento.
  14. Dopo la SMIM,direttamente il Triennio?

    Si è vero ,è l’allievo a scegliere. Solo che la prima scelta la fa mentre frequenta la quinta elementare ,fa domanda specifica per la SMIM e lo strumento che vogliono suonare,e come hai esposto tu; Quanti vogliono suonare una “canzone” sulla chitarra?E quanti vogliono suonare un preludio di Villa Lobos? Quanti al conservatorio studiano la chitarra per il suo repertorio? Qui parliamo di percorsi già intrapresi,per l’alunno di chitarra o di altri strumenti, dove per un motivo o per un altro l’alunno ha fatto scelte secondo le sue idee,e le sue esperienze,mentre con le altre materie, ha avuto le basi per poi poter scegliere. Se diventerà un matematico,è perché ha avuto insegnamenti da piccolissimo dei numeri,se diventerà un avvocato o altro,è perché ha avuto nozioni di scrittura ,sin dal primo momento dell’asilo. Le scelte le farà dopo le elementari ,come i ragazzi delle SMIM, ma già con delle cognizioni basilari,mentre quelli delle SMIM ,non hanno avuto nulla di costruito e formativo musicale. I ragazzi delle SMIM non hanno nessuna nozione da piccolissimi,(a parte i casi delle famiglie di musicisti)quindi cresce come esperienze personali di sentito musicale, di vissuto musicale,TV ,CD ,Internet, si sono cose buone,ma sempre lo sono? Il sentire e non mettere in pratica? Questa è solo conoscenza! Un avvocato come fa a fare l’avvocato se sin dall’inizio non ha avuto nozioni di scrivere? Lo stesso vale per tutti i lavori. Secondo me l’alunno deve essere immesso o entrare nell’ambiente musicale prima di fare le sue scelte all’età di 10 anni, come tutte le altre materie.
  15. Dopo la SMIM,direttamente il Triennio?

    c'è ancora in giro molta non conoscenza della situazione,bisogna diffondere molto l'offerta che può avere la chitarra nel suo percorso di studio. Marcello,i 3 punti sono precisi,e io aggiungerei a chi studia privatamente o da un Maestro o in una scuola privata (se non è collegata al Conservatorio),di preparare l'alunno ai Corsi pre-accademici dei Conservatori, o da interno o anche solo da privatista . Non perché è meglio cosi,ma per far entrare nel campo musicale il ragazzo ,che ha bisogno di conoscere l'ambiente musicale.
×

Informazione importante

By using this site, you agree to our Terms of Use.