Jump to content
Novità

Search the Community

Showing results for tags 'alfredo franco'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Categories

  • Articles on Original Repertoire

Forums

  • Inizia da qui
  • News
    • Inizia da qui e presentati alla community
    • Community Messages from Administrators
    • Appuntamenti ed eventi
    • CD releases
    • Other topics about CD releases
    • Publications
    • Other topics about CG publications
    • Classical music magazines
    • Various topics
    • Online support
    • Guitar building
  • Repertoire
    • Articles on original repertoire
    • Other topics about CG repertoire
    • Transcriptions
    • Interpretazioni
    • Composition for classical guitar
  • Practicing guitar
    • Leggi e musica
    • Suggerimenti per tecnica e programmi
    • Triennio e Biennio
    • Quinto anno, Ottavo anno, Diploma
  • Area di ritrovo
    • Market for Classical Guitar
    • Off-Topic Area
    • Events archive

Categories

  • Guitar scores
  • Abel Carlevaro Library
  • File Audio Mp3
  • Depliants and rules
  • Guide, metodi e articoli
  • CGWC

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


Found 28 results

  1. Nuova pubblicazione presso UtOrpheus. Il lavoro, per chitarra, è dedicato ad Alberto Mesirca.
  2. Le Edizioni UtOrpheus pubblicano Settembrina. Homage to Jean Sibelius per Flauto e Chitarra.
  3. Le Edizioni Ut Orpheus pubblicano un nuovo lavoro per voce (soprano), e chitarra di Alfredo Franco: Sette Tamerici su liriche da “Myricae” di Giovanni Pascoli.
  4. Le Edizioni UtOrpheus pubblicano i 24 Preludi e Ricercari per Chitarra di Alfredo Franco; revisione a cura di Leonardo de Marchi. I 24 Preludi e Ricercari sono un’opera con finalità didattiche in cui il compositore Alfredo Franco (1967) sintetizza la sua predilezione per alcune forme musicali ormai canonizzate dalla tradizione musicale. Difficile non scorgere in filigrana un omaggio a uno dei più significativi cicli pedagogici per chitarra del XX secolo, vale a dire i 24 Preludi che il compositore messicano Manuel Maria Ponce (1882-1948) scrisse su stimolo del celeberrimo Andrés Segovia. Analogamente a Ponce, Franco struttura una raccolta che va a coprire tutte le 24 tonalità del sistema temperato equabile; ad ogni Preludio segue un Ricercare, forma contrappuntistica di tipo imitativo ben rappresentata nella letteratura rinascimentale per liuto, che esplora le possibilità polifoniche dello strumento nella tonalità d’impianto del corrispondente Preludio.
  5. Il chitarrista finlandese Patrik Kleemola interpreta la Fantasia n.5 su tre canzoni antiche.
  6. 14 downloads

    La registrazione del brano che @Alfredo Franco ha gentilmente condiviso con la community del Forum Italiano di Chitarra Classica. Alcune indicazioni interpretative in questo PDF.
  7. Version 1.0.0

    21 downloads

    Una breve riflessione nella canicola d'Agosto.
  8. Version 1.0.0

    21 downloads

    Piccolo preludio meccanico. Per chitarra (o per altro strumento). Un piccolo omaggio al Satie delle Vexations.
  9. I 7 Preludi per chitarra scritti dal compositore italiano Alfredo Franco sono pubblicati dalle Edizioni Musicali Bèrben di Ancona. La prima esecuzione è stata effettuata nel mese di Giugno 2014 dall'autore di questo scritto durante un recital per chitarra sola tenuto a Firenze (Italia). Il primo preludio (“Adagio”) è un lento e riflessivo procedere di una malinconica melodia che pare non trovare quiete tra le varie tonalità e registri. Attraverso costrutti musicali composti sempre da due battute, il compositore da forma ad un’entità ben definita che si sviluppa da un registro medio basso fino ad una illusoria scheggia di luce la cui visione conduce solo ad un nuovo acchetarsi. Il secondo (“Allegretto con spirito”) è un pettegolo ostinato sul quale galleggia una linea melodica singhiozzante, quasi alla ricerca di una forma e di un’identità. Dopo una brevissima esposizione l’autore rovescia i ruoli nell’intelaiatura polifonica a due voci e chiude con parti accordali quasi-improvvisative. La codetta finale svela il vero ruolo della cellula tematica riposizionandola, per un solo istante, nel ruolo che gli compete. Nel terzo preludio (“Cantabile”) le tessiture polifoniche a due e tre voci si alternano a brevi sezioni accordali che ne riprendono la costruzione armonica quasi come osservando da un prisma un medesimo soggetto. Le due linee che del semplice ma efficace disegno polifonico del quarto preludio (“Adagio”), interrotte solo da una cellula quasi-improvviso, caratterizzano l’intera pagina che ricorda il procedere inesorabile del tempo. Nel quinto preludio (“Un po’ grottesco”) l’uso che il compositore fa di diverse figurazioni ritmiche in uno spazio relativamente ristretto (mi ritorna in mente la geniale costruzione della cellula fondamentale del terzo movimento della Sonata Mediterranea di Angelo Gilardino) e dei repentini cambi di registro, guida l’ascoltatore in un percorso dove il virtuosismo è affidato interamente alla capacità dell’interprete di attingere dalla propria tavolozza timbrica. Il sesto preludio (“Alla rimembranza”) è quello più criptico. Le improvvise alterazioni della quantità di volume e della velocità di esecuzione con l’uso di una figurazione che si contrae e si distende quasi a ricordare un primordiale movimento respiratorio, rendono l’andamento instabile e incerto. L’ultimo preludio (“Vivo”) è un dirompente divertimento dove delle ossessive ottave – sul registro grave e su quello medio-alto – marcano a fuoco il battito cardiaco della pagina. L’insistente andamento si rarefa prima con un disegno dove la prima corda è un ricordo del martellante inizio e poi in parti più dense che smarriscono il continuum e portano alla fine. La sensazione finale è quella di una serie di preludi concepiti per essere eseguiti senza interruzione. Da questo link è possibile ascoltare la registrazione dei Sette Preludi di @Alfredo Franco
  10. 68 downloads

    A Short Elegy, Composizione per chitarra sola di @Alfredo Franco, distribuita gratuitamente.
  11. Nel bel mezzo di una sessione di registrazione facente parte del calendario dedicato alla musica per chitarra sola di Angelo Gilardino dal 1965 al 2013, ho registrato i Sette Preludi per Chitarra del compositore torinese @Alfredo Franco di cui sono il dedicatario. Nel corso del 2016 ne ho curato la pubblicazione con le Edizioni Bèrben e ne ho eseguito una selezione dal vivo in vari concerti. Sui Sette Preludi per chitarra di @Alfredo Francoc'è anche un articolo nella sezione Articoli sul Repertorio.
  12. 24 Preludi e Ricercari per chitarra (2017) Versione digitale in formato PDF su Sheetmusicplus. Maggiori informazioni: http://www.sheetmusicplus.com/title/24-preludi-e-ricercari-for-guitar-digital-sheet-music/20523106 Leggi la scheda di questo/a pubblicazione
  13. Le Edizioni Bèrben di Ancona pubblicano "Novembrina" del compositore piemontese Alfredo Franco (1967). La composizione può essere integralmente ascoltata da qui:
  14. Le Edizioni Bèrben di Ancona pubblicano i nuovi "Sette Preludi per Chitarra" di Alfredo Franco (1957) I sette preludi possono essere ascoltati da qui:
  15. Segnaliamo che i due bellissimi Cahiers di @Alfredo Franco sono stati registrati in CD da @Marcello Rivelli (Cahier n.1) e da @Ermanno Brignolo (Cahier n.2) per dotGuitar/CD. Questa la pubblicazione del Cahier N.1 a cura di Marcello Rivelli. Tracklist: Le roi écrit une lettre Un beau Dimanche Complainte de Michelin Il était une bergère Me promenant le long du rivage La passion Joseph vendu par ses frères Son son Je suis le libre berger Complainte du juif errant La prise de mantoue Baron Letron
  16. Segnaliamo che i due bellissimi Cahiers di A.Franco sono stati registrati in CD da M.Rivelli (Cahier n.1) e da Ermanno Brignolo (Cahier n.2) per la weblabel dotGuitar/CD. Questa la pubblicazione del Cahier N.2 a cura di Ermanno Brignolo Tracklist: La Chanson De La Jolie Fille La Chanson De L'Adieu La Chanson Du Complainte La Chanson De La Dame Blanche La Chanson Des Tois Filles La Chanson Du Prince La Chanson Menteuse La Chanson Du Secours La Chanson De L'Anel La Chanson Oubliée La Chanson De La Jeune Age La Dernière Chanson
  17. I 7 Preludi per chitarra scritti dal compositore italiano Alfredo Franco sono pubblicati dalle Edizioni Musicali Bèrben di Ancona. La prima esecuzione è stata effettuata nel mese di Giugno 2014 dall'autore di questo scritto durante un recital per chitarra sola tenuto a Firenze (Italia). Il primo preludio (“Adagio”) è un lento e riflessivo procedere di una malinconica melodia che pare non trovare quiete tra le varie tonalità e registri. Attraverso costrutti musicali composti sempre da due battute, il compositore da forma ad un’entità ben definita che si sviluppa da un registro medio basso fino ad una illusoria scheggia di luce la cui visione conduce solo ad un nuovo acchetarsi. Il secondo (“Allegretto con spirito”) è un pettegolo ostinato sul quale galleggia una linea melodica singhiozzante, quasi alla ricerca di una forma e di un’identità. Dopo una brevissima esposizione l’autore rovescia i ruoli nell’intelaiatura polifonica a due voci e chiude con parti accordali quasi-improvvisative. La codetta finale svela il vero ruolo della cellula tematica riposizionandola, per un solo istante, nel ruolo che gli compete. Nel terzo preludio (“Cantabile”) le tessiture polifoniche a due e tre voci si alternano a brevi sezioni accordali che ne riprendono la costruzione armonica quasi come osservando da un prisma un medesimo soggetto. Le due linee che del semplice ma efficace disegno polifonico del quarto preludio (“Adagio”), interrotte solo da una cellula quasi-improvviso, caratterizzano l’intera pagina che ricorda il procedere inesorabile del tempo. Nel quinto preludio (“Un po’ grottesco”) l’uso che il compositore fa di diverse figurazioni ritmiche in uno spazio relativamente ristretto (mi ritorna in mente la geniale costruzione della cellula fondamentale del terzo movimento della Sonata Mediterranea di Angelo Gilardino) e dei repentini cambi di registro, guida l’ascoltatore in un percorso dove il virtuosismo è affidato interamente alla capacità dell’interprete di attingere dalla propria tavolozza timbrica. Il sesto preludio (“Alla rimembranza”) è quello più criptico. Le improvvise alterazioni della quantità di volume e della velocità di esecuzione con l’uso di una figurazione che si contrae e si distende quasi a ricordare un primordiale movimento respiratorio, rendono l’andamento instabile e incerto. L’ultimo preludio (“Vivo”) è un dirompente divertimento dove delle ossessive ottave – sul registro grave e su quello medio-alto – marcano a fuoco il battito cardiaco della pagina. L’insistente andamento si rarefa prima con un disegno dove la prima corda è un ricordo del martellante inizio e poi in parti più dense che smarriscono il continuum e portano alla fine. La sensazione finale è quella di una serie di preludi concepiti per essere eseguiti senza interruzione. View full article on repertoire
  18. Nuova interpretazione ad opera di Cristiano Porqueddu della composizione per chitarra sola, Novembrina - The Anatomy of Melancholy. Qui li link per l'ascolto: e qui il link relativo allo spartito pubblicato dalle Edizioni Berben: http://www.tfront.com/p-430128-novembrina-the-anatomy-of-melancholy-for-guitar-revised-and-fingered-by-cristiano-porqueddu.aspx
  19. Le Edizioni Bèrben di Ancona pubblicano "Novembrina" del compositore piemontese Alfredo Franco (1967). La composizione può essere integralmente ascoltata da qui: Maggiori informazioni: http://www.berben.it Leggi la scheda di questo/a pubblicazione
  20. Le Edizioni Bèrben di Ancona pubblicano i nuovi "Sette Preludi per Chitarra" di Alfredo Franco (1957) I sette preludi possono essere ascoltati da qui: Maggiori informazioni: http://www.berben.it Leggi la scheda di questo/a pubblicazione
  21. Alberto Mesirca, Giacomo Palazzesi, Leonardo De Marchi e Cristiano Porqueddu interpretano musica di Alfredo Franco. https://soundcloud.com/alfredo_franco/sets/playlist-1
  22. Giacomo Palazzesi interpreta la Fantasia No.3 del compositore torinese Alfredo Franco.
  23. Ricevo la nuova composizione per chitarra sola “7 Preludi per chitarra” di Alfredo Franco. Si tratta di 7 piccole miniature che in spazi ridottissimi riescono a germogliare in nitidi pensieri musicali . Il primo preludio (“Adagio”) è un lento e riflessivo procedere di una malinconica melodia che pare non trovare quiete tra le varie tonalità e registri. Attraverso costrutti musicali composti sempre da due battute, il compositore da forma ad un’entità ben definita che si sviluppa da un registro medio basso fino ad una illusoria scheggia di luce la cui visione conduce solo ad un nuovo acchetarsi. Il secondo (“Allegretto con spirito”) è un pettegolo ostinato sul quale galleggia una linea melodica singhiozzante, quasi alla ricerca di una forma e di un’identità. Dopo una brevissima esposizione l’autore rovescia i ruoli nell’intelaiatura polifonica a due voci e chiude con parti accordali quasi-improvvisative. La codetta finale svela il vero ruolo della cellula tematica riposizionandola, per un solo istante, nel ruolo che gli compete. Nel terzo preludio (“Cantabile”) le tessiture polifoniche a due e tre voci si alternano a brevi sezioni accordali che ne riprendono la costruzione armonica quasi come osservando da un prisma un medesimo soggetto. Le due linee che del semplice ma efficace disegno polifonico del quarto preludio (“Adagio”), interrotte solo da una cellula quasi-improvviso, caratterizzano l’intera pagina che ricorda il procedere inesorabile del tempo. Nel quinto preludio (“Un po’ grottesco”) l’uso che il compositore fa di diverse figurazioni ritmiche in uno spazio relativamente ristretto (mi ritorna in mente la geniale costruzione della cellula fondamentale del terzo movimento della Sonata Mediterranea di Angelo Gilardino) e dei repentini cambi di registro, guida l’ascoltatore in un percorso dove il virtuosismo è affidato interamente alla capacità dell’interprete di attingere dalla propria tavolozza timbrica. Il sesto preludio (“Alla rimembranza”) è quello più criptico. Le improvvise alterazioni della quantità di volume e della velocità di esecuzione con l’uso di una figurazione che si contrae e si distende quasi a ricordare un primordiale movimento respiratorio, rendono l’andamento instabile e incerto. L’ultimo preludio (“Vivo”) è un dirompente divertimento dove delle ossessive ottave – sul registro grave e su quello medio-alto – marcano a fuoco il battito cardiaco della pagina. L’insistente andamento si rarefa prima con un disegno dove la prima corda è un ricordo del martellante inizio e poi in parti più dense che smarriscono il continuum e portano alla fine. La sensazione finale è quella di una serie di preludi concepiti per essere eseguiti uno dietro l’altro, magari all’inizio di un recital. Ringrazio Alfredo Franco per la dedica.
  24. Segnaliamo che i due bellissimi Cahiers di A.Franco sono stati registrati in CD da M.Rivelli (Cahier n.1) e da Ermanno Brignolo (Cahier n.2) per la weblabel dotGuitar/CD. Questa la pubblicazione del Cahier N.2 a cura di Ermanno Brignolo Tracklist: La Chanson De La Jolie Fille La Chanson De L'Adieu La Chanson Du Complainte La Chanson De La Dame Blanche La Chanson Des Tois Filles La Chanson Du Prince La Chanson Menteuse La Chanson Du Secours La Chanson De L'Anel La Chanson Oubliée La Chanson De La Jeune Age La Dernière Chanson Maggiori informazioni: http://www.dotguitar.it/zine/cd/brignolo_cahier.html Leggi la scheda di questo/a novità discografica
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.