Vai al contenuto
Novità

Cerca nel Forum

Visualizzazione dei risultati per il tag 'discussione generica'..

  • Cerca per Tag

    Tag separati da virgole.
  • Cerca per Autore

Tipo di contenuto


Categorie

  • Articoli sul repertorio originale

Forums

  • Inizia da qui
  • Novità
    • Inizia da qui e presentati alla community
    • Comunicazioni dagli Admin
    • Appuntamenti ed eventi
    • Novità discografiche
    • Altre discussioni sui CD per chitarra
    • Pubblicazioni
    • Altre discussioni sulle pubblicazioni
    • Riviste di musica classica
    • Quattro chiacchiere e voci di corridoio.
    • Supporto online
    • Liuteria
  • Repertorio
    • Articoli sul repertorio originale
    • Altre discussioni sul repertorio
    • Trascrizioni
    • Interpretazioni
    • Comporre per chitarra
  • Studiando
    • Leggi e musica
    • Suggerimenti per tecnica e programmi
    • Triennio e Biennio
    • Quinto anno, Ottavo anno, Diploma
  • Area di ritrovo
    • Mercatino per chitarra
    • Rigorosamente Off-Topic
    • Archivio degli Eventi e appuntamenti

Categorie

  • Spartiti per chitarra
  • File Audio Mp3
  • Depliant e regolamenti
  • Guide, metodi e articoli
  • CGWC

Cerca risultati...

Cerca risultati che...


Data di creazione

  • Start

    End


Ultimo Aggiornamento

  • Start

    End


Filtra in base a...

Iscritto

  • Start

    End


Gruppo


Trovato 2 risultati

  1. Ciao a tutti, vorrei imparare a mettere autonomamente gli abbellimenti nella musica antica, senza dipendere completamente dal revisore. Da che testo comincio a studiare?
  2. Alfredo Franco

    A proposito di trascrizioni

    Stimolato dalla lettura del del topic su Scarlatti e le sue trascrizioni/derivazioni chitarristiche vi propongo una riflessione che vorrebbe riguardare il concetto di trascrizione in senso più ampio. In particolare sto pensando al lavoro, ormai storicizzato, di alcuni chitarristi di inizio secolo che ne fecero un aspetto non secondario della propria vena creativa, mi riferisco, per scendere in un ulteriore particolare, a Llobet ed ai suoi lavori di trascrizione di Albeniz, Granados, de Falla ed altri "minori" del milieu catalano dell'epoca. Leggendo queste pagine, ed ascoltandole attraverso il lavoro che Grondona sta portando avanti nei suoi cd dedicati a Llobet, mi sono fatto persuaso della necessità di rivedere con occhio criticamente diverso questa particolare concezione di chitarra intesa quasi come medium, mezzo, tramite per mettere in relazione realtà differenti. Cosa ne pensate?
×

Informazione importante

Usando il Forum dichiari di essere d'accordo con i nostri Terms of Use.