Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'evgeny baev'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Categories

  • Articles on Original Repertoire

Forums

  • Inizia da qui
  • News
    • Inizia da qui e presentati alla community
    • Community Messages from Administrators
    • Appuntamenti ed eventi
    • Sardinia Moving Arts
    • CD releases
    • Other topics about CD releases
    • Publications
    • Other topics about CG publications
    • Classical music magazines
    • Various topics
    • Online support
    • Guitar building
  • Repertoire
    • Articles on original repertoire
    • Other topics about CG repertoire
    • Transcriptions
    • Interpretazioni
    • Composition for classical guitar
  • Practicing guitar
    • Leggi e musica
    • Suggerimenti per tecnica e programmi
    • Triennio e Biennio
    • Quinto anno, Ottavo anno, Diploma
  • Area di ritrovo
    • Market for Classical Guitar
    • Off-Topic Area
    • Events archive

Categories

  • Guitar scores
  • Abel Carlevaro Library
  • File Audio Mp3
  • Depliants and rules
  • Guide, metodi e articoli
  • CGWC

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


Found 14 results

  1. Evgeny Baev (19619 ha scritto i "Five Stichera" nel 1990, dopo la visita al famoso Valaam Monastery nel nord della Russia. Nella liturgia ortodosssa uno Sticheron - plurale Stichera - (in russo: стихира, in greco: στιχηρὰ) è un inno strofico collegato ai versi di un salmo. Poiché la musica liturgica della chiesa ortodossa orientale proibisce qualsiasi l'uso di qualsiasi strumento, scrivere stichera per una chitarra è stato un esperimento audace. Il compositore non menziona particolari riferimenti a testi contenuti nei salmi ma si preoccupa di trasmettere una sensazione quasi incantata, supportandola con armonie modali e polifonie di stile prettamente russo. La registrazione di questi lavori fa parte del cofanetto di quattro volumi "Russian Guitar Music of the 20th and 21st centuries" distribuito da Brilliant Classics. Disco disponibile su Amazon. Qui una playlist su YouTube dalla quale è possibile ascoltarli integralmente:
  2. 4 downloads

    Evgeny Baev (Russia, 1952) - The Mistress of Copper Mountain from Malachite Casket (Suite in 7 parts) for guitar (C)2000 Evgeny Baev VP Music Media
  3. 6 downloads

    Evgeny Baev (Russia, 1952) - Sticheron n.2 from 5 Stichera for guitar (C)2000 Evgeny Baev VP Music Media
  4. 3 downloads

    Evgeny Baev (Russia, 1952) - Dwarf n. 3 from The Seven Dwarfs plus One (Suite) for guitar (C)2000 Evgeny Baev VP MusicMedia
  5. Il compositore Evgeny Anatolyevich Baev (1952) nasce a Pervouralsk (Russia) e si forma presso l’Ural’s Conservatory. Premiato al “Competition Composition” di Mosca nel 1999 è un autore molto prolifico: ha scritto 10 Sonate, 5 Suites e vari Studi per chitarra sola; quattro composizioni per duo di chitarra e un concerto per due chitarre, flauto e orchestra. Delle dieci Sonate molte ancora non sono state pubblicate. Tra queste la Sonata I che ha dedicato ad un suo valido allievo, primo interprete del lavoro. La Sonata si articola su tre movimenti tutti di stampo fortemente idiomatico. Il primo (“Allegro”), è interamente costruito su una cellula cromatica di tre sole note che l’autore usa in modo multiforme: sotto forma di melodia, di elemento ritmico ed infine di sottofondo musicale. All’esposizione affidata ad una veloce serie accordale, segue dirompente lo sviluppo del materiale. Spesso diverse osservazioni dello stesso elemento tematico si sovrappongono creando una visione prismatica di uno stesso elemento minimale. L’Andantino centrale, che si sviluppa pacatamente tra la tonalità di la minore e si minore, quieta l’impeto del primo movimento con una sottile linea melodica che colloquia con brevi intrecci polifonici tra il registro medio e basso dello strumento. L’Allegretto finale è di fatto uno scherzo in due parti dove i diversi episodi subiscono ad ogni ripetizione una microscopica trasfigurazione fino a condurre ad un nuovo elemento tematico tonale che si mostra impettito, quasi goliardico. Fa capolino in coda alle due parti un tenebroso rimando all’elemento cromatico scandito nel primo movimento. Evgeny Baev Anatolyevich (1952) was born in Pervouralsk (Russia) and trained at the Ural State Conservatory. An award-winner at the "Composition Competition" in Moscow in 1999, he is a very prolific author: he has written 10 Sonatas, 5 Suites and various Etudes for solo guitar, four compositions for guitar duo and a Concerto for two guitars, flute and orchestra. Of the ten Sonatas, many have not yet been published. Among these is Sonata I which he dedicated to one of his worthy students, the first interpreter of the work. The Sonata has three movements, all of a highly idiomatic characteristic. The first ("Allegro"), is built entirely on a chromatic cell of just three notes that the author uses in a variety of forms: as melody, as rhythmic element and finally as musical background. The exhibition, which is entrusted to a quick series of chords, is followed by the explosive development of the material. Several observations of the same thematic element often overlap to create a prismatic view of the same minimal element. The central Andantino, which develops quietly between the key of A minor and B minor, calms the impetus of the first movement with a subtle melodic line that converses with short polyphonic interweaving between the middle and low register of the instrument. The final Allegretto is in fact a scherzo in two parts where, with each repetition, the different episodes undergo a microscopic transfiguration eventually leading to a new tonal thematic element that is strutting, almost goliardic. A somber reference to the chromatic element pronounced in the first movement appears in the wake of the two parts. La Sonata I di Baev dal cofanetto "Novecento Guitar Sonatas" (C) 2014 Brilliant Classics
  6. Brilliant Classics pubblica un nuovo cofanetto di CD dedicato alla musica originale per chitarra del XX e XXI secolo. Si tratta di Russian Guitar Music of the 20th ans 21st centuries, un CD set composto da quattro volumi che contengono tre ore di musica per chitarra di autori russi e sovietici contemporanei e del secolo passato. Più nel dettaglio, la tracklist è composta dalle seguenti musiche: Boris Vladimirovič Asafiev (1884-1949) 01. Etude No.1 02. Etude No.2 03. Prelude et Valse: I - Prelude 04. Prelude et Valse: II - Valse "12 Preludes for Guitar" 05. Prelude I 06. Prelude II 07. Prelude III 08. Prelude IV 09. Prelude V 10. Prelude VI 11. Prelude VII 12. Prelude VIII 13. Prelude IX 14. Prelude X 15. Prelude XI 16. Prelude XII "Six romances in old style" 17. I - Andante 18. II - In memory of Varlamov 19. III - Adagio 20. IV - Andante 21. V - Tempo di Valzer, Mosso 22. VI - Epilogue 23. Theme with variations after Tchaikovsky Victor Kozlov (1958) 01. Dedication to the Russian land Valeri Kikta (1941) "Sonata for Guitar" 02. I - Moderato, intimo 03. II - Allegro, drammatico Aleksandr Ivanov-Kramskoi (1912-1973) 04. Prelude in D minor 05. Prelude in E minor Sofia Gubaidulina (1931) 06. Serenade 07. Toccata Elena Poplyanova (1961) "Sonata for Guitar" 08. I - Moderato 09. II - Andantino 10. III - Presto Edison Denisov (1929-1996) "Sonata for guitar" 01. I - Toccata 02. II - Berceuse 03. III - Souvenir d'Espagne Vitaly Kharisov (1962) "Four preludes for guitar" 04. Prelude I 05. Prelude II 06. Prelude III 07. Prelude IV "Sonatine" 08. I - Andante rubato 09. II - Allegretto Gherman Dzhaparidze (1939) "Two visions in white (in a cold winter morning)" 10. I - Andante 11. II - Rhytmically free Sergei Rudnev (1955) 12. The old lime tree Evgeny Baev (1952) "Five Stichera for Guitar" 01. Sticheron I 02. Sticheron II 03. Sticheron III 04. Sticheron IV 05. Sticheron V 06. Sonata I "Sonata II" 07. I - Allegro 08. II - Lento 09. III - Alla marcia "Sonata III" 10. I - Agitato 11. II - Andante 12. III - Maestoso Acquisto online su Amazon: https://www.amazon.it/Russian-Guitar-Music-Musica-Russa/dp/B06W2P495T/ Anteprima Elena Poplyanova, Sonata for Guitar - Mov.I Maggiori informazioni: http://www.brilliantclassics.com/articles/r/russian-guitar-music-of-the-20th-and-21st-centuries/ Leggi la scheda di questo/a novità discografica
  7. Brilliant Classics pubblica un nuovo cofanetto di CD dedicato alla musica originale per chitarra del XX e XXI secolo. Si tratta di Russian Guitar Music of the 20th ans 21st centuries, un CD set composto da quattro volumi che contengono tre ore di musica per chitarra di autori russi e sovietici contemporanei e del secolo passato. Più nel dettaglio, la tracklist è composta dalle seguenti musiche: Boris Vladimirovič Asafiev (1884-1949) 01. Etude No.1 02. Etude No.2 03. Prelude et Valse: I - Prelude 04. Prelude et Valse: II - Valse "12 Preludes for Guitar" 05. Prelude I 06. Prelude II 07. Prelude III 08. Prelude IV 09. Prelude V 10. Prelude VI 11. Prelude VII 12. Prelude VIII 13. Prelude IX 14. Prelude X 15. Prelude XI 16. Prelude XII "Six romances in old style" 17. I - Andante 18. II - In memory of Varlamov 19. III - Adagio 20. IV - Andante 21. V - Tempo di Valzer, Mosso 22. VI - Epilogue 23. Theme with variations after Tchaikovsky Victor Kozlov (1958) 01. Dedication to the Russian land Valeri Kikta (1941) "Sonata for Guitar" 02. I - Moderato, intimo 03. II - Allegro, drammatico Aleksandr Ivanov-Kramskoi (1912-1973) 04. Prelude in D minor 05. Prelude in E minor Sofia Gubaidulina (1931) 06. Serenade 07. Toccata Elena Poplyanova (1961) "Sonata for Guitar" 08. I - Moderato 09. II - Andantino 10. III - Presto Edison Denisov (1929-1996) "Sonata for guitar" 01. I - Toccata 02. II - Berceuse 03. III - Souvenir d'Espagne Vitaly Kharisov (1962) "Four preludes for guitar" 04. Prelude I 05. Prelude II 06. Prelude III 07. Prelude IV "Sonatine" 08. I - Andante rubato 09. II - Allegretto Gherman Dzhaparidze (1939) "Two visions in white (in a cold winter morning)" 10. I - Andante 11. II - Rhytmically free Sergei Rudnev (1955) 12. The old lime tree Evgeny Baev (1952) "Five Stichera for Guitar" 01. Sticheron I 02. Sticheron II 03. Sticheron III 04. Sticheron IV 05. Sticheron V 06. Sonata I "Sonata II" 07. I - Allegro 08. II - Lento 09. III - Alla marcia "Sonata III" 10. I - Agitato 11. II - Andante 12. III - Maestoso Acquisto online su Amazon: https://www.amazon.it/Russian-Guitar-Music-Musica-Russa/dp/B06W2P495T/ Anteprima Elena Poplyanova, Sonata for Guitar - Mov.I
  8. Le Edizioni Bèrben di Ancona pubblicano la "Sonata No.1 per chitarra sola" del compositore russo Evgeny Baev (1952). L'opera è inclusa nella tracklist del progetto discografico "Novecento Guitar Sonatas" (C)2014 Brilliant Classics Il brano si articola in tre movimenti: Allegro Andantino moderato Allegretto
  9. Novecento Guitar Sonatas (C) 2014 – Brilliant Classics Anno di pubblicazione: 2014 Etichetta discografica: Brilliant Classics Periodo: 19 Ottobre 2012 – 23 Gennaio 2014 Sede: Chiesa della Solitudine (NU) Chitarra: Giuseppe Guagliardo Corde: Augustine Imperials, Savarez Crystal Il cofanetto di 5 CD Novecento Guitar Sonatas è il secondo tassello del progetto discografico decennale Novecento Guitar. È composto da diciannove sonate per chitarra di autori del Novecento e contemporanei. La tracklist completa è disponibile facendo clic qui. Novecento Guitar Sonatas è il primo tassello della serie di pubblicazioni discografiche "Novecento Guitar". La serie prevede le seguenti uscite: Novecento Guitar Preludes (2012) Novecento Guitar Sonatas (2014) Novecento Guitar Sonatinas (2019) Novecento Guitar Variations (2022) Da IBS.it Opere di Gilbert Biberian, Franco Cavallone, Georges Migot, Evgeni Anatolyevich Baev, Alfred Uhl, Angelo Gilardino, Cristiano Porqueddu e Miklós Rózsa Questo splendido cofanetto di cinque CD tratteggia un quadro molto affascinante della produzione per chitarra del XX secolo. Ad accompagnarci in questo esaltante viaggio è Cristiano Porqueddu, definito dalla stampa specializzata «un punto di riferimento per la nuova generazione di chitarristi», che esegue con brillantezza e assoluta padronanza stilistica un ampio ventaglio di sonate per chitarra di Evgeni Baev, Gilbert Biberian, Franco Cavallone, Joan Manén, Georges Migot, Angelo Gilardino, Miklós Rósza e – last but not least – un brano di sua composizione. Queste opere spaziano tra stili molto diversi, dall’impressionismo all’espressionismo, dalle scritture più semplici alle architetture più complesse, dai motivi di origine popolare, ai toni descrittivi e alla musica assoluta. A proposito dell’antologia di preludi di autori del XX secolo realizzata qualche tempo fa da Porqueddu, il critico di Musicweb ha scritto: «Questa splendida raccolta pone la chitarra sullo stesso piano degli altri strumenti classici [...] dimostrando che si tratta di uno strumento degno della massima considerazione», un giudizio molto lusinghiero, che può essere esteso anche a questo cofanetto di sonate, che costituisce un titolo al tempo stesso interessante e molto gradevole, che saprà piacere sia agli studiosi, sia ai chitarristi sia ai semplici appassionati. Questo cofanetto è corredato da esaurienti note di copertina firmate dallo stesso Cristiano Porqueddu. Originario di Nuoro, Cristano Porqueddu ha iniziato a studiare chitarra classica con il padre e in seguito ha conosciuto il compositore-chitarrista Angelo Gilardino, che gli ha dedicato il Concerto di Oliena per chitarra e orchestra. Dal sito dell'editore: Pioneering guitarist Cristiano Porqueddu follows his fascinating set of Novecento Guitar Preludes – released on Brilliant Classics in 2012 and hailed by MusicWeb International as ‘a most compelling collection [where] the guitar is placed on a par with other classical instruments: something to be treated seriously’ – with this equally intriguing selection of 20th-century guitar sonatas. Featuring a wealth of world premiere recordings, the collection is yet another showcase for Porqueddu’s spirit of adventure.Once again, Porqueddu takes us on a colourful journey that passes through all kinds of different styles and moods: from Gilbert Biberian’s fusion of traditional formal structures with the dance and folk music of the Middle East to Franco Cavallone’s four sonatas that are inspired by such diverse influences as Ravel, Ponce, Bernstein and the 20th-century Italian composers Frazzi and Lupi; from Angelo Gilardino’s evocative sonatas that recall great Italian paintings and warm Mediterranean winter days to Georges Migot’s refined and virtuosic sonata, to name just a few examples. And one of the many world premiere recordings featured here is an exciting new sonata by Porqueddu himself. Cristiano Porqueddu, described as “a point of reference for the new generation of guitarists”, graduated from the Lorenzo Perosi International Academy in Biella, Italy. With an extensive knowledge of the technique and interpretation of 19th- and 20th-century music, he has won numerous international awards and now sits on the jury of several major guitar competitions. Porqueddu has made many acclaimed recordings for Brilliant Classics.
  10. Uno Sticheron (plurale Stichera) è un particolare inno che viene cantato durante la messa della mattina (Orthros) e quella serale (Esperidi) della Chiesa ortodossa. Il compositore russo contemporaneo Evgeny Baev (1952) ha scritto cinque Stichera per chitarra sola che ho scelto per la tracklist del mio prossimo progetto discografico dedicato alla musica russa per chitarra sola del Novecento e Contemporanea. Nei giorni scorsi ho completato una sessione di registrazione dedicata proprio a queste cinque pagine. Per i lettori di questo blog, ecco in anteprima lo Sticheron No.1 di Evgeny Baev. Buon ascolto.
  11. Il compositore Evgeny Anatolyevich Baev (1952) nasce a Pervouralsk (Russia) e si forma presso l’Ural’s Conservatory. Premiato al “Competition Composition” di Mosca nel 1999 è un autore molto prolifico: ha scritto 10 Sonate, 5 Suites e vari Studi per chitarra sola; quattro composizioni per duo di chitarra e un concerto per due chitarre, flauto e orchestra. Delle dieci Sonate molte ancora non sono state pubblicate. Tra queste la Sonata I che ha dedicato ad un suo valido allievo, primo interprete del lavoro. La Sonata si articola su tre movimenti tutti di stampo fortemente idiomatico. Il primo (“Allegro”), è interamente costruito su una cellula cromatica di tre sole note che l’autore usa in modo multiforme: sotto forma di melodia, di elemento ritmico ed infine di sottofondo musicale. All’esposizione affidata ad una veloce serie accordale, segue dirompente lo sviluppo del materiale. Spesso diverse osservazioni dello stesso elemento tematico si sovrappongono creando una visione prismatica di uno stesso elemento minimale. L’Andantino centrale, che si sviluppa pacatamente tra la tonalità di la minore e si minore, quieta l’impeto del primo movimento con una sottile linea melodica che colloquia con brevi intrecci polifonici tra il registro medio e basso dello strumento. L’Allegretto finale è di fatto uno scherzo in due parti dove i diversi episodi subiscono ad ogni ripetizione una microscopica trasfigurazione fino a condurre ad un nuovo elemento tematico tonale che si mostra impettito, quasi goliardico. Fa capolino in coda alle due parti un tenebroso rimando all’elemento cromatico scandito nel primo movimento [toggle title="English" state="close" ] Evgeny Baev Anatolyevich (1952) was born in Pervouralsk (Russia) and trained at the Ural State Conservatory. An award-winner at the "Composition Competition" in Moscow in 1999, he is a very prolific author: he has written 10 Sonatas, 5 Suites and various Etudes for solo guitar, four compositions for guitar duo and a Concerto for two guitars, flute and orchestra. Of the ten Sonatas, many have not yet been published. Among these is Sonata I which he dedicated to one of his worthy students, the first interpreter of the work. The Sonata has three movements, all of a highly idiomatic characteristic. The first ("Allegro"), is built entirely on a chromatic cell of just three notes that the author uses in a variety of forms: as melody, as rhythmic element and finally as musical background. The exhibition, which is entrusted to a quick series of chords, is followed by the explosive development of the material. Several observations of the same thematic element often overlap to create a prismatic view of the same minimal element. The central Andantino, which develops quietly between the key of A minor and B minor, calms the impetus of the first movement with a subtle melodic line that converses with short polyphonic interweaving between the middle and low register of the instrument. The final Allegretto is in fact a scherzo in two parts where, with each repetition, the different episodes undergo a microscopic transfiguration eventually leading to a new tonal thematic element that is strutting, almost goliardic. A somber reference to the chromatic element pronounced in the first movement appears in the wake of the two parts. La Sonata I di Baev dal cofanetto "Novecento Guitar Sonatas" (C) 2014 Brilliant Classics View full article on repertoire
  12. https://soundcloud.com/cristianoporqueddu/evgeny-anatolyevich-baev
  13. Novecento Guitar Sonatas (C) 2014 – Brilliant Classics Anno di pubblicazione: 2014 Etichetta discografica: Brilliant Classics Periodo: 19 Ottobre 2012 – 23 Gennaio 2014 Sede: Chiesa della Solitudine (NU) Chitarra: Giuseppe Guagliardo Corde: Augustine Imperials, Savarez Crystal Novecento Guitar Preludes è il primo tassello della serie di pubblicazioni discografiche "Novecento Guitar". La serie prevede le seguenti uscite: Novecento Guitar Preludes (2012) Novecento Guitar Sonatas (2014) Novecento Guitar Sonatinas (2018) [Info] Novecento Guitar Variations (2020) La tracklist completa: Scarica facendo clic qui. Da IBS.it Opere di Gilbert Biberian, Franco Cavallone, Georges Migot, Evgeni Anatolyevich Baev, Alfred Uhl, Angelo Gilardino, Cristiano Porqueddu e Miklós Rózsa Questo splendido cofanetto di cinque CD tratteggia un quadro molto affascinante della produzione per chitarra del XX secolo. Ad accompagnarci in questo esaltante viaggio è Cristiano Porqueddu, definito dalla stampa specializzata «un punto di riferimento per la nuova generazione di chitarristi», che esegue con brillantezza e assoluta padronanza stilistica un ampio ventaglio di sonate per chitarra di Evgeni Baev, Gilbert Biberian, Franco Cavallone, Joan Manén, Georges Migot, Angelo Gilardino, Miklós Rósza e – last but not least – un brano di sua composizione. Queste opere spaziano tra stili molto diversi, dall’impressionismo all’espressionismo, dalle scritture più semplici alle architetture più complesse, dai motivi di origine popolare, ai toni descrittivi e alla musica assoluta. A proposito dell’antologia di preludi di autori del XX secolo realizzata qualche tempo fa da Porqueddu, il critico di Musicweb ha scritto: «Questa splendida raccolta pone la chitarra sullo stesso piano degli altri strumenti classici [...] dimostrando che si tratta di uno strumento degno della massima considerazione», un giudizio molto lusinghiero, che può essere esteso anche a questo cofanetto di sonate, che costituisce un titolo al tempo stesso interessante e molto gradevole, che saprà piacere sia agli studiosi, sia ai chitarristi sia ai semplici appassionati. Questo cofanetto è corredato da esaurienti note di copertina firmate dallo stesso Cristiano Porqueddu. Originario di Nuoro, Cristano Porqueddu ha iniziato a studiare chitarra classica con il padre e in seguito ha conosciuto il compositore-chitarrista Angelo Gilardino, che gli ha dedicato il Concerto di Oliena per chitarra e orchestra. Dal sito dell'editore: Pioneering guitarist Cristiano Porqueddu follows his fascinating set of Novecento Guitar Preludes – released on Brilliant Classics in 2012 and hailed by MusicWeb International as ‘a most compelling collection [where] the guitar is placed on a par with other classical instruments: something to be treated seriously’ – with this equally intriguing selection of 20th-century guitar sonatas. Featuring a wealth of world premiere recordings, the collection is yet another showcase for Porqueddu’s spirit of adventure.Once again, Porqueddu takes us on a colourful journey that passes through all kinds of different styles and moods: from Gilbert Biberian’s fusion of traditional formal structures with the dance and folk music of the Middle East to Franco Cavallone’s four sonatas that are inspired by such diverse influences as Ravel, Ponce, Bernstein and the 20th-century Italian composers Frazzi and Lupi; from Angelo Gilardino’s evocative sonatas that recall great Italian paintings and warm Mediterranean winter days to Georges Migot’s refined and virtuosic sonata, to name just a few examples. And one of the many world premiere recordings featured here is an exciting new sonata by Porqueddu himself. Cristiano Porqueddu, described as “a point of reference for the new generation of guitarists”, graduated from the Lorenzo Perosi International Academy in Biella, Italy. With an extensive knowledge of the technique and interpretation of 19th- and 20th-century music, he has won numerous international awards and now sits on the jury of several major guitar competitions. Porqueddu has made many acclaimed recordings for Brilliant Classics. Maggiori informazioni: http://www.cristianoporqueddu.com/discography/novecento-guitar-sonatas/ Leggi la scheda di questo/a novità discografica
  14. Le Edizioni Bèrben di Ancona pubblicano la "Sonata No.1 per chitarra sola" del compositore russo Evgeny Baev (1952). L'opera è inclusa nella tracklist del progetto discografico "Novecento Guitar Sonatas" (C)2014 Brilliant Classics Il brano si articola in tre movimenti: Allegro Andantino moderato Allegretto Maggiori informazioni: http://www.cristianoporqueddu.com/works-for-guitar/sonata-1-evgeny-baev/ Leggi la scheda di questo/a pubblicazione
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.