Jump to content
Novità

Search the Community

Showing results for tags 'mario castelnuovo-tedesco'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Categories

  • Articles on Original Repertoire

Forums

  • Inizia da qui
  • News
    • Inizia da qui e presentati alla community
    • Community Messages from Administrators
    • Appuntamenti ed eventi
    • CD releases
    • Other topics about CD releases
    • Publications
    • Other topics about CG publications
    • Classical music magazines
    • Various topics
    • Online support
    • Guitar building
  • Repertoire
    • Articles on original repertoire
    • Other topics about CG repertoire
    • Transcriptions
    • Interpretazioni
    • Composition for classical guitar
  • Practicing guitar
    • Leggi e musica
    • Suggerimenti per tecnica e programmi
    • Triennio e Biennio
    • Quinto anno, Ottavo anno, Diploma
  • Area di ritrovo
    • Market for Classical Guitar
    • Off-Topic Area
    • Events archive

Categories

  • Guitar scores
  • File Audio Mp3
  • Depliants and rules
  • Guide, metodi e articoli
  • CGWC

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


Found 27 results

  1. La casa discografica Da Vinci Publishing pubblica il nuovo CD del chitarrista italiano @Angelo Marchese interamente dedicato alla musica di Mario Castelnuovo-Tedesco. La tracklist completa: Dalle note introduttive This cd program is dedicated to the solo guitar music composed by Mario Castelnuovo-Tedesco, who devoted great part of his work to the six strings instrument. The performer here undertakes those compositions that didn’t have a place – or they only had a little one- into the repertoire of their famous inspirer – Andrés Segovia. They didn’t actually have the same celebrity of other works by the Florentine master, such as Sonata (Omaggio a Boccherini), Capriccio Diabolico (Omaggio a Paganini), Tarantella, Concerto n. 1 in Re per chitarra e orchestra, Quintetto per chitarra e archi and Platero y yo. That doesn’t mean that the other Castelnuovo-Tedesco’s compositions were less valiant and worthy. Andrés Segovia himself , while praising their beauty and formal perfection, regretted he couldn’t include them into his programs since – travelling a lot for his work- he didn’t have the necessary time to renew his repertoire. Castelnuovo-Tedesco and Segovia met in Florence between 1928 and 931, in the house of Passigli, a patron. Anyway, it was only in 1932, when they met in Venice on the occasion of the contemporary music festival, that the great guitarist asked the already famous author for a piece. Segovia didn’t directly talk to Castelnuovo-Tedesco, but to his wife, Clara, praising her to be his ambassador. The composer was really glad to accept his proposal and, one month later, Segovia, who was at that time living in Geneva, already had the manuscript of the Variazioni attraverso i secoli. With a great ease, Castelnuovo-Tedesco, by the reading of Variazioni su un tema di Mozart by Fernando Sor and Variazioni e Fuga sulla Follia di Spagna by Manuel M. Ponce- just published- had been able to take possess of the guitar writing and he so imagined his idiomatic coordinates to astonish Segovia, who immediately honoured Castelnuovo-Tedesco’s new work. Segovia really felt at ease with the initial Ciaccona – recalling the Italian Baroque_- with the Schubertian Preludio, with the Walzer full of Viennese moods. But maybe he, who deeply wanted his understimated instrument to gain an ancient and regal dignity- felt a little embarrassed with the final Fox Trot that seemed to have been conceived for a jazz orchestra. And so, between 1934 and 1939, Segovia asked to Castelnuovo-Tedesco those compositions (we have already mentioned before ) that would have accompained him all along his glorious career. And he obviously put aside those Variations ( that he really liked ), because of their impertinent conclusion (that he didn’t like at all) . Emigrated into the United States in 1939, and settled in Beverly Hills in 1940, Castelnuovo-Tedesco got back in touch with his guitarist friend (who in the meanwhile had moved to Montevideo). So he started again to compose pieces for him and in 1943 he wrote the beautiful Serenata per chitarra o orchestra da camera, which is unfortunately still neglected. His muse and the Segovian rigid control, moved hin to compose many pages for solo guitar, among which those ones we can listen in this programme. The magnific Rondò was born in 1946. Since the compositions of the previous decade it was just clear that Castelnuovo-Tedesco, in treating an instrument with so restricted polyphonic features, wasn’t willing to renounce to any details of his artistic profile. But it wasn’t enough for him. It was actually writing this piece for Segovia that he reached his apex into the construction of a rondo-form, elevated to the highest degree of architectonic knowledge, with precious marquetries between refrains and strophes. He himself called it his “rondo’ model” that to the perfection of the design joined the fascination of themes and melodic digressions. On the background we can glimpse the shadow of one of the favourite masters of Castelnuovo-Tedesco, Felix Mendelssohn. And the performers are here right in their soft acting, with a barcarolle allure also in the rapid figurations , without any form of inappropriate virtuosity. In 1955, the Florentine master composed two works full of fancy and colours: Tre Preludi Mediterranei and Suite of Spanish Dances from the XVI Century (after Cervantes) entitled Escarraman. These three pieces weren’t commissioned to him by Segovia but by the musical publishing. The Preludi Mediterranei were actually dedicated to Renato Bellenghi, owner of Edizioni Musicali Forlivesi; Escarraman was instead commissioned by the New York’s branch of the Ricordi publisher. The Preludi Mediterranei can be defined – with metaphorical license – as “paintings”, and Escarraman is instead a sort of dance arose from literature. Really sensitive to the suggestions coming from other forms of art, in his Preludi the composer evoked the myths of the Italian sea. His willing is especially clear in Nenia, the tender aulodia in which is not difficult to recognize some reminiscences of the wonder lyric by his master Ildebrando Pizzetti entitled I pastori (on the text by D’Annunzio), and in the tumultuous dance of the third Preludio, recalling memories of pagan feasts. The poetical origins of Escarraman is instead a little more cryptic. The composer was moved by his dear friend Arturo Loria, a writer, to read the Miguel de Cervantes’ intermezzo, El rufián viudo, in which the great Spanish dealt with the picaresque genre. During a banquet, in which a mournful widower finds his new consort among the approval of less than reputable tablemates, Escarraman suddenly appears. He seems to be able to express is controversial nature of brigand, escaped convict and, at the same time, devoted peregrine marching toward a faraway sanctuary , mainly through his dance skill rather than through the autobiographical description (“This is the tale of my strange history/worthy of being treasured in my memory”). Accompanied by two guitarists he throws himself into the feats of the baile, raising the general wonder. Castelnuovo-Tedesco images the music for this dance, in which popular rhythms and courtly style merge, recalling the splendors of the Spain of the Siglo de oro. In 1956, Segovia asked to his friend to compose a Passacaglia. He was really sad about the ugliness of another Passacaglia written for him by a famous Spanish composer. So he tried to find consolation in Castelnuovo-Tedesco, who helped him with the Omaggio a Roncalli. This title is full of cultural references: Roncalli, Bergamasque guitarist and composer of the end of the XVII Century, was the author of that Passacaglia of which Ottorino Respighi had made a splendid version for strings into the first of his three suites intitled Antiche Arie e Danze per liuto. A story that isn’t Spanish at all but rather mostly Italian…. - Angelo Gilardino
  2. 1968-2018: 50° anniversario della morte di Mario Castelnuovo-Tedesco. Edizioni Curci, in collaborazione con il CIDIM - Comitato Nazionale Italiano Musica, celebra il compositore con la pubblicazione degli inediti e della prima biografia. A cura di Angelo Gilardino.
  3. La registrazione integrale dell'intervista a Mario Castelnuovo-Tedesco a cura Michael Inman, conduttore della trasmissione Music and Sound nel 1958 (Los Angeles Radio). Prima parte Seconda parte:
  4. Version

    4 downloads

    Registrazione del 1969 del Concerto in Re di Mario Castelnuovo-Tedesco (1895 - 1968) a cura de la Orchestres Des Concerts De Madrid diretta da José Buenagu (Valencia, 1935). Solista: Ernesto Bitetti. Intervista a José Buenagu qui.
  5. Il 24 Gennaio 2018 avrà luogo la presentazione della pubblicazione dedicata alla biografia di Mario Castelnuovo-Tedesco a cura di @Angelo Gilardino. Lo annuncia l'autore: Mercoledì 24 gennaio 2018, nella Sala della Regina della Camera dei Deputati, avrà luogo la presentazione del mio libro "Mario Castelnuovo-Tedesco - Un fiorentino a Beverly Hills", che le Edizioni Curci di Milano stanno per pubblicare. Si tratta della biografia del maestro scritta sulla base di documenti di prima mano. L'iniziativa di presentare questo volume alla Camera dei Deputati costituisce il primo atto ufficiale dello Stato nei confronti della memoria di un musicista che, in vita, non fu oggetto di benevolenza da parte delle istituzioni, sia governative che musicali. Si deve alla sensibilità dell'on. Raffaello Vignali quest'azione significativa, alla quale sono lieto di offrire la mia piena collaborazione. Oltre alle autorità, agli eredi del compositore e agli esponenti del mondo della cultura e dell'arte, all'evento prenderanno parte interpreti di alto profilo, che eseguiranno alcune composizioni dell'autore fiorentino. Sono a disposizione di coloro che volessero essere presenti. Poiché le norme di sicurezza per l'accesso alla sala richiedono un "pass" da rilasciare dietro presentazione di un documento di identità, prego di inviarmi con un messaggio privato l'indirizzo di posta elettronica al quale far pervenire in tempo utile il necessario invito. -Angelo Gilardino
  6. Bruno Grossi e Andrea Dieci interpretano la Sonatina op. 205 per flauto e chitarra di Mario Castelnuovo-Tedesco I. Allegretto grazioso II. Tempo di Siciliana (Andantino grazioso e malinconico) III. Scherzo-Rondò Bruno Grossi, flute - Andrea Dieci, guitar Registrazione dal vivo 24 Settembre 2003, Milano
  7. Mario Castelnuovo-Tedesco, Il Rapporto con Andrés Segovia, I Caprichos de Goya, L’opera, Francisco Goya y lucientes, pintor, I Caprichos a confronto, Bibliografia Nel CD allegato Roberto Tascini interpreta Castelnuovo Tedesco: Caprichos de Goya, Tarantella, Sonatina canonica op.196 (pour deux Guitares), Sonatina op.205 (pour flute et Guitare) Maggiori informazioni: http://www.guitartshop.com/epages/86319.sf/it_IT/?ObjectPath=/Shops/86319/Products/44 Leggi la scheda di questo/a pubblicazione
  8. Mario Castelnuovo-Tedesco, Il Rapporto con Andrés Segovia, I Caprichos de Goya, L’opera, Francisco Goya y lucientes, pintor, I Caprichos a confronto, Bibliografia Nel CD allegato Roberto Tascini interpreta Castelnuovo Tedesco: Caprichos de Goya, Tarantella, Sonatina canonica op.196 (pour deux Guitares), Sonatina op.205 (pour flute et Guitare)
  9. 1968-2018: 50° anniversario della morte di Mario Castelnuovo-Tedesco. Edizioni Curci, in collaborazione con il CIDIM - Comitato Nazionale Italiano Musica, celebra il compositore con la pubblicazione degli inediti e della prima biografia. A cura di Angelo Gilardino. Maggiori informazioni: http://www.edizionicurci.it/printed-music/default.asp Leggi la scheda di questo/a pubblicazione
  10. Version

    9 downloads

    Grazie al forum-blog brasiliano dedicato alla chitarra "Violão erudito" ecco disponibile la registrazione del concerto che Andrés Segovia diede a Montevideo, nel 1939, e durante il quale diede la prima esecuzione del "Concerto in re op. 99" di Mario Castelnuovo-Tedesco.
  11. L'etichetta discografica dotGuitar pubblica l'esordio della chitarrista italiana Carlotta Dalia "Gran Solo" La tracklist è la seguente: Mario Castelnuovo-Tedesco Sonata “Omaggio a Boccherini” Op.77 - Allegro con spirito - Andantino quasi canzone - Tempo di minuetto - Vivo ed energico Domenico Scarlatti - Sonata K14 - Sonata K208 Johann Sebastian Bach - Allemande - Courante Fernando Sor - Gran Solo Op.14 Mario Castelnuovo-Tedesco - “El sueño de la razón produce monstruos”
  12. DotGuitar pubblica il mio cd di debutto "Colloquio con Andrés Segovia". It is all but common to find a present-day, young guitar concert performer who would elect an icon like Andrés Segovia as the ideal mentor for an imaginary conversation spanning across time. As the utmost representative of the guitar’s rebirth in the twentieth century, Segovia, well after his death in 1987, continued to embody a sort of myth which concert goers – and, as a matter of fact, even those who do not attend concert halls – identified with the guitar. It is a pairing which has only another match in the history of music, and that is the one between Paganini and the violin. However, whereas two generations of guitarists after the Spanish maestro’s departure fostered and submitted to the charismatic sway of his personality, the youngest adepts appear to have sidelined Segovia’s art, pursuing newer, sundry paths. In his CD Andrea De Vitis reinstates Segovia as the centrepiece of his research. It is a move one must construe as a poetical choice, a yearning to take up anew a way of conceiving the art of guitar playing. One has to listen just a few moments to realize he is not yet another of Segovia’s pathetic imitators who, to no avail, went on for over half a century cloning the maestro’s style, and then giving themselves off as his heirs. This is instead a performer standing on his legs, striving to work out a well defined style of his own. He re-approaches Segovia because he chooses to do so, and can afford it, without getting lost imitating his model. (Testo tratto dalle note di copertina di Angelo Gilardino; traduzione di Sergio Gilardino) Anteprima:
  13. L'etichetta discografica dotGuitar pubblica l'esordio della chitarrista italiana Carlotta Dalia "Gran Solo" La tracklist è la seguente: Mario Castelnuovo-Tedesco Sonata “Omaggio a Boccherini” Op.77 - Allegro con spirito - Andantino quasi canzone - Tempo di minuetto - Vivo ed energico Domenico Scarlatti - Sonata K14 - Sonata K208 Johann Sebastian Bach - Allemande - Courante Fernando Sor - Gran Solo Op.14 Mario Castelnuovo-Tedesco - “El sueño de la razón produce monstruos” Maggiori informazioni: https://itunes.apple.com/it/album/gran-solo/id1198271715 Leggi la scheda di questo/a novità discografica
  14. Mario Castelnuovo Tedesco (1895 - 1968) "Capriccio Diabolico" - versione per chitarra e orchestra Chitarra: Carlos Barbosa Lima Solisti di Sofia diretti da Plamen Djurov Ringrazio Frédéric Zigante per il video.
  15. DotGuitar pubblica il mio cd di debutto "Colloquio con Andrés Segovia". It is all but common to find a present-day, young guitar concert performer who would elect an icon like Andrés Segovia as the ideal mentor for an imaginary conversation spanning across time. As the utmost representative of the guitar’s rebirth in the twentieth century, Segovia, well after his death in 1987, continued to embody a sort of myth which concert goers – and, as a matter of fact, even those who do not attend concert halls – identified with the guitar. It is a pairing which has only another match in the history of music, and that is the one between Paganini and the violin. However, whereas two generations of guitarists after the Spanish maestro’s departure fostered and submitted to the charismatic sway of his personality, the youngest adepts appear to have sidelined Segovia’s art, pursuing newer, sundry paths. In his CD Andrea De Vitis reinstates Segovia as the centrepiece of his research. It is a move one must construe as a poetical choice, a yearning to take up anew a way of conceiving the art of guitar playing. One has to listen just a few moments to realize he is not yet another of Segovia’s pathetic imitators who, to no avail, went on for over half a century cloning the maestro’s style, and then giving themselves off as his heirs. This is instead a performer standing on his legs, striving to work out a well defined style of his own. He re-approaches Segovia because he chooses to do so, and can afford it, without getting lost imitating his model. (Testo tratto dalle note di copertina di Angelo Gilardino; traduzione di Sergio Gilardino) Anteprima: Maggiori informazioni: http://dotguitar.typepad.com/dotguitar/2015/04/dotguitarcd-winners-andrea-de-vitis.html Leggi la scheda di questo/a novità discografica
  16. Salve a tutti! Qualcuno sa indicarmi un modo per poter avere le partiture del Capriccio diabolico e della Tarantella revisionate da Gilardino-Biscaldi? Ho provato in tutte le librerie della mia città, ho cercato sui siti internet delle case editrici ed in alcuni e-shop ma non le trovo... grazie Domenico
  17. Salve! ho comprato la partitura edizione schott del Concerto op.99 castelnuovo-tedesco e ho notato che le registrazioni di Kraft e Yepes hanno un finale con degli accordi arpeggiati mentre la versione schott presenta il tema del terzo movimento anche alla chitarra!!! chi devo seguire? aiuto!
  18. Approccio per la seconda volta e in maniera più seria a questa intrigante pubblicazione della Bèrben, revisionata con onestà dal Maestro Gilardino. Ho una domanda per il Maestro o per chi ha già studiato il primo capriccio ed è a proposito delle quartine di sedicesimi che compaiono per la prima volta alla fine della declamazione del tema e poi caratterizzano altre sezioni del brano. Tali quartine sono unite a gruppi di nove o più note da una legatura di frase: tale legatura sottintende un unico legato tecnico?
  19. Leggendo la copia del manoscritto stampato nella seconda metà del fascicolo, ho notato che nel quarto tempo il finale è dotato di tre alternative, volevo sapere il perchè della scelta della seconda alternativa tutto qua.
  20. Sono curioso di sapere come affrontate o che scelte avete fatto per affrontare l'arduo passaggio in seconda pagina, per capirci quello dove ci sono i 2 sol# da tenere insieme al do#. Ho sentito che quasi tutti i chitarristi semplificano il passaggio non raddoppiando le note. Voi cosa ne pensate. Personalmente stendo l'indice di traverso per prendere sia il sol# in terza corda sia il do# in seconda.
  21. quanti e quali sono i concerti per chitarra e orchestra di castelnuovo-tedesco? oggi ho ascoltato per la prima volta Serenade. ciao
  22. Eppure, Castelnuovo Tedesco che sapeva benissimo usare la parola accellerando (non serve che faccia la lista già alla fine della pagina c'è uno stringendo, ad esempio) non la usa in quelle ottave iniziali. Non solo, scrive espressamente staccato e diminuendo. Ottave discendenti staccato, arpeggio ascendente legato. Hai mai provato ad eseguire tutta la parte introduttiva esattamente come sta scritta? vedrai che il contrasto con la seconda idea (la cavatina) dal carattere lirico ne risulterà probabilmente ancora più incisiva. Quando ho usato provocatoriamente la parafrasi del Carducci ("T'odio empia vacca" non è uguale a "T'amo pio bove") mi riferivo proprio a questo. Io ho visto, nella mia carriera, un grande sfoggio di "personalità". Un uso smodato della parola "originalità" o "libertà" che nascondeva troppo spesso (non è certamente il tuo caso) la più completa ignoranza anche delle conoscenze più elementari del testo. Decidere di operare dei cambiamenti è, per un interpete serio, una cosa molto seria. In passato ho definito questa "ignoranza consolidata e fiera del suo operare": cialtroneria. Non sono mai riuscito a trovare una parola che meglio esprima il disagio che provo quando un testo viene bellamente stravolto. Per continuare nella nostra "favoletta" (così dralig non mi critica) sul Capriccio Diabolico, il modulo iniziale (ottave discendenti e arpeggio ascendente) viene riproposto due volte in un climax ascendente. La prima volta in re minore cominciando con l'ottava di la, la seconda volta in sol minore cominciando però una quarta sopra (ottava di re) per poi arrivare alla sezione di accordi ripetuti su di un modello molto più piccolo (solo quattro note) che presenta subito una mutazione. Si comincia con un do maggiore, poi si modula a mi bemolle maggiore e si presenta la prima idea accessoria. Quanti rispettano l'associazione primaria (ascendente/crescendo) e usano una dinamica a terrazze per connotare i due moduli (attava di la/su re minore - attava di re/su sol minore)? Sempre su questo cammino, il primo accordo del modulo (quattro battute/semifrase) è sempre un accentuato così come il terzo accordo della seconda battuta. Gli altri accordi sono presentati con un bel segno di marcato. Quante esecuzioni conosci con un suono diverso per i due segni (diversi) espressivi? La parte di arpeggi ascendenti contiene invece l'unica indicazione crescendo. Il secondo periodo comincia con una ripetizione ossessiva dello stesso frammento con l'indicazione di carattere F deciso. Il disegno ritmico è costante, tre crome staccate poi un accordo con un accento. Questo fino alle ultime quattro prima del 4/4. Di queste quattro crome la prima ha un accento (ancora!) e le altre nulla. L'indicazione su queste ultime tre crome è trattenuto. Questi tre accordi vengono usati per modulare. Stiamo approdando ad un'area di grande interesse, mi bemolle maggiore (II grado abbassato) per introdurre un frammento tematico della sezione successiva (il tema lirico che giustamente facevi notare) "meno mosso più dolce", mf, espressivo quasi recitativo, crescendo e poi diminuendo, poi sol minore con la terza al basso per risolvere attraverso una dominante discreta, appena presentita, al secondo tema ancora una volta presentato in tonica. Ora, questa rapida descrizione del materiale (parte!) della prima pagina dovrebbe servire ad un buon interprete a cercare il significato profondo che sicuramente era chiaro (questa è la premessa della musica classica, negando questa premessa non possiamo definirla tale) al compositore. Il compositore sapeva (eccome) dove mettere gli accenti, dove suggerire maggiore tensione e dove risolvere questa tensione. Forse nell'uso dello staccato delle ottave discendenti del primo modulo c'è una precisa volontà di togliere perso, alleggerire (confermato anche dal diminuendo) la tensione drammatica, suggerire la pompa con cui il grande virtuoso si presenta in pubblico. In questo la dedica "Omaggio a Paganini" dovrebbe essere illuminante. Il grande virtuoso non ha fretta, assapora ogni singola ottava ben sapendo l'effetto che esse produrrano sul pubblico. Cominciare con un rubato non scritto toglie probabilmente forza a quelle aree dove invece il rubato è richiesto dal compositore. Ora, io non dico che suonare esattamente come è scritto sia l'unico modo di restituire con la debita espressività il testo del compositore, però è sicuramente il modo più onesto di capire cosa quel compositore voleva. Negare questo processo cognitivo (analisi interpretativa) in base a teorie più o meno autoreferenziate io lo chiamo cialtroneria. Offrire alternative che parlino dell'interprete in misura uguale (o maggiore) di quanto non parlino del compositore è un'operazione senz'altro lecita che però mette l'interprete nella scomoda posizione di trovare un'alternativa "all'altezza" di quella suggerita dal compositore. Ai miei allievi faccio notare che i compositori che studiano sono, per lo più, già passati alla storia ed il loro talento è cosa risaputa ed indiscussa... di provare quindi ad eseguire il testo così com'è, provando ad estrarre tutte le informazioni di cui sono capaci per rendere "vera" e coinvolgente la loro esecuzione. Voglio scusarmi in anticipo se a qualcuno puo essere sembrato che voglio salire in cattedra. Non è questa la sede. Per una lezione seria c'è l'Accademia di Firenze o quella di Salisburgo. Cordialmente EC
  23. http://www.libraweb.net/Immagini/Riviste/Medie/28.JPG http://www.libraweb.net/sommari.php?chiave=28 "Studi ispanici" è una rivista specializzata di ispanistica che pubblica un volume all'anno. Il volume del 2006 è dedicato a una serie di saggi che prendono in esame le relazioni tra la letteratura spagnola e la musica ad essa ispirata. Pur non essendo docente universitario, né un ispanista di carriera, sono stato invitato a scrivere un saggio e l'ho dedicato al "Romancero gitano" di Mario Castelnuovo-Tedesco, da Garcia Lorca. Nello studio, ho preso in esame le relazioni tra il testo poetico e la musica e alcuni aspetti dello stile compositivo di MCT. Il volume contiene molti saggi interessanti, tra i quali quello di Luigi Attademo sulle Canciones di Lorca e un catalogo di Giovanni Guanti, che elenca tutte le musiche di autori italiani ispirate alla letteratura spagnola. dralig
  24. Grazie, M° , per la sua chiarezza e per le informazioni interessanti che ci rivela! Era uno dei miei studi preferiti (insieme all'11 e al 6) di HVL e l'ho sempre suonato ignorando tale errore... Per quanto riguarda la Sonata di Castelnuovo Tedesco, che è parte del mio programma di diploma, che edizione mi consiglia? Finora ho studiato l'edizione Schott (a cura di Segovia). Il mio insegnante mi faceva notare che la diteggiatura che Segovia affida all'edizione Schott non è quella che effettivamente seguiva in concerto. Inoltre mi pare di aver capito che la sua opinione in merito alle edizioni di Segovia è piuttosto negativa. Vorrei sapere perchè, e quale "versione" della Sonata mi consiglia di seguire. Grazie. Andrea
  25. Maestro Gilardino, ho avuto la fortuna di ascoltare il Capriccio Diabolico nella "versione reale" durante un concerto del festival di Lagonegro lo scorso 23 Agosto. I tagli fatti da Segovia erano più che una correzione di qualche nota... All'inizio parevano elementi poco importanti ma poi l'intera parte finale è stata completamente rivoltata. Lei come "riscopritore" di questo originale come valuta l'operato di Segovia e perchè ha tagliato tutta quella musica? Non si trattava di musichetta da balera... Era MCT! Grazie per il tempo che vorrà dedicare alla risposta.
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.