Jump to content
casablanca

Gli abbellimenti attraverso le epoche

Recommended Posts

salve a tutti,
approfitto della presenza di tanti grandi maestri per chiedere gentilmente un chiarimento. Vorrei sapere in linea generale come vanno eseguiti (se in battere o in levare) gli abbellimenti in relazione ai vari periodi storici. Soprattutto vorrei capire le differenze quando bisogna eseguire un abbellimento in contemporanea ad un basso o a un accordo. Faccio tre esempi a caso di acciaccature doppie: Cimarosa Sonata C.55 (per il barocco), Giuliani Studio op.50 n.31 (per il classico), Tarrega Adelita (periodo romantico).
Spero di non aver fatto troppa confusione ;)
Grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites
salve a tutti,

approfitto della presenza di tanti grandi maestri per chiedere gentilmente un chiarimento. Vorrei sapere in linea generale come vanno eseguiti (se in battere o in levare) gli abbellimenti in relazione ai vari periodi storici. Soprattutto vorrei capire le differenze quando bisogna eseguire un abbellimento in contemporanea ad un basso o a un accordo. Faccio tre esempi a caso di acciaccature doppie: Cimarosa Sonata C.55 (per il barocco), Giuliani Studio op.50 n.31 (per il classico), Tarrega Adelita (periodo romantico).

Spero di non aver fatto troppa confusione ;)

Grazie

 

In Cimarosa, non c'è il minimo dubbio: gli abbellimenti si eseguono "in battere", ossia togliendo valore alla nota reale successiva.

 

In Giuliani, è convenzione invalsa - e suffragata da quanto si legge nelle opere didattiche - eseguire gli abbellimenti ancora in battere, anche se, per esempio, nella coeva letteratura pianistica (Beethoven) è abbastanza normale ascoltare abbellimenti eseguiti "in levare". Diciamo che si potrebbe, in certi casi, quando l'abbellimento non è la classica appoggiatura (che va comunque eseguita in battere) ma per esempio un gruppetto, collocarlo con bella resa estetica in levare. A questo proposito, si possono classificare gli abbellimenti classici (Giuliani e gli italiani, Sor e Aguado, i viennesi) in due categorie: quelli ornamentali (e stanno bene in battere) e quelli melodici, che per il loro profilo si inseriscono nel ductus melodico, e questi stanno meglio eseguiti in levare. Ovviamente, si anticipa, rispetto al "battere", solo l'ornamentazione, e non anche il basso coincidente, che - non abbellito - resta in battere.

Nei romantici, anche se la convenzione chitarristica seguita a far eseguire gli abbellimenti in battere, credo che non ci debbano essere dubbi: in levare. Se vuole, può leggere nel manuale intitolato "La chitarra" (EDT Torino) la trattazione svolta sull'argomento specifico nel capitolo intitolato "La notazione", dove troverà sia la realizzazione scritta degli abbellimenti tarreghiani che la descrizione della tecnica per eseguirli.

 

dralig

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sempre tempestivo e impeccabile.

La ringrazio molto Maestro.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.


×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.