Vai al contenuto
Novità

Marcello Rivelli

Membri
  • Numero contenuti

    391
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    26

Marcello Rivelli last won the day on Giugno 16

Marcello Rivelli had the most liked content!

Reputazione Forum

88 Buon consigliere

Su Marcello Rivelli

  • Rank
    Saltuario
  1. Marcello Rivelli

    Franck, Opera 18 trascritta per due chitarre

    Ti ringrazio tantissimo. A Roma, in un negozio specialistico mi è stato detto che hanno solo la versione per 4 chitarre appunto e non sanno dirmi se e quando sarà ri-disponibile nuovamente la versione per duo. Avevo piacere di studiarla con una collega. Grazie per la disponibilita. M
  2. Marcello Rivelli

    Franck, Opera 18 trascritta per due chitarre

    Si Cristiano. La versione per due chitarre. Mi é stato detto che al momento non é reperibile. M
  3. Marcello Rivelli

    Studio n. 1 H.V. Lobos

    Se a qualcuno può interessare, posto i primi esercizi che realizzai per mio studio personale su questo bellissimo studio, in cui la difficoltà principale è ottenere l'equilibrio delle "voci" che realizzano l'arpeggio. Come se un coro a sei voci cantasse ognuno una sola nota ma ottenendo una fusione ritmica e armonica il più possibile fluida e amalgamata. L'obiettivo è prendere coscienza e non farsi ingannare dalla figura del "semplice" arpeggio che al suo interno nasconde una miriade di risonanze lasciate in vibrazione fino alla ri-articolazione del ritorno delle "sei voci". Si inizia dalle prime due e man mano si aggiungono le altre voci fino a completare l'arpeggio così come scritto. Può sembrare banale ma ... buon lavoro m esercizi dallo studio n. 1.pdf
  4. Marcello Rivelli

    Franck, Opera 18 trascritta per due chitarre

    Buongiorno a tutti. Ho ordinato la versione del Prélude,Fugue et Variations op.18 di César Franck trascritta per due chitarre da M. Ophee, Editions Orphée ma mi é arrivata la versione per quattro chitarre (Sic). Volevo chiedere cortesemente se qualcuno ha la versione per due chitarre magari in versione pdf, sono abituato ad acquistare le musiche originali ma sembra fuori catalogo al momento e non so come reperire questo brano a cui sono interessato. Se qualcuno gentilmente ne ha una copia magari in pdf ne sarei grato e magari potrei inviare a mia volta una copia di questa versione. grazie marcello Senza titolo 2.pdf
  5. Marcello Rivelli

    Uno dei più sensazionali video del web

    Quando la "chitarra" cercava di stare al passo della Musica.. e Bream sperava, magari in una "paginetta" dal grande Igor.. cosa che per fortuna ha fatto in tantissimi altri casi.. Bei tempi.. m
  6. Marcello Rivelli

    Sospesi i diplomi del vecchio ordinamento del 2013?

    Allo stato attuale delle cose, i diplomi dei corsi di "vecchio" ordinamento saranno validati ed equiparati agli attuali bienni di secondo livello, soltanto se conseguiti entro dicembre 2017. Purtroppo per tutti quelli che non conseguiranno tale titolo entro questa data accadrà di vedersi riconosciuto il titolo soltanto come il valore del triennio di I livello. (no comment). Quindi, salvo una rivoluzione generale (ma in Italia una partita di calcio vale più di molte problematiche "leggermente" più serie..) la soluzione è frequentare i bienni.. (o studiare sul serio e lasciar perdere i pezzi di carta). http://www.francoribaudo.it/ribaudo-pd-approvato-emendamento-su-equipollenza-titoli-afam-si-pone-fine-a-discriminazioni-tra-gli-studenti/ buona giornata m
  7. Marcello Rivelli

    Equipollenza diplomi vecchio ordinamento post 2012

    Al momento le cose stanno così: il diploma decennale del corso ordinario ("vecchio ordinamento") per chi ancora lo frequenta è equipollente al II Livello solo se conseguito entro il 2012 (fino a poche settimane fa) ed è stato prolungato l'effetto fino al dicembre 2017. Altrimenti per chi studia ancora nei corsi ordinari decennali e non consegue il diploma entro questa data, in automatico sarà equiparato soltanto al Triennio di I livello. In sostanza allo stato attuale e per il "momento" studiare musica passa per il percorso Triennio+Biennio, come minimo, se si vuole avere almeno un pezzo di carta. Spero di esser stato chiaro.. buona giornata m
  8. Marcello Rivelli

    Equipollenza diplomi vecchio ordinamento post 2012

    Ho trovato uno dei file in pdf abbastanza aggiornato. In pratica ricalca la scansione "vecchio ordinamento" (in cui per molte cose credo ancora) e manca della parte "compositiva" che da pochi anni ho "aggiunto". Quella è la parte che al momento mi sta più a cuore e che sto elaborando completamente dai primi anni di insegnamento. Un'idea è contenuta nelle schede che ho fatto per Dot Guitar di alcuni studi ma la "modalità" di approccio è in pratica quella, non è tanto l'elenco (seppur può essere indicativo) delle opere che utilizzo, ma la modalità ad ampio raggio delle discipline interessate (scrittura compositiva, armonia, contrappunto, "orchestrazione", forme) implicito ed esplicito nel/del repertorio per chitarra. Se servono chiarimenti, sono qui.. marcello Programmi chitarra.pdf
  9. Marcello Rivelli

    Equipollenza diplomi vecchio ordinamento post 2012

    Questa è la "mia" scansione temporale dei tempi di studio che di norma utilizzo, salvo casi particolari ma che di solito non fanno testo o perlomeno non da "modello". Ho sempre considerato (e considero) il corso di chitarra un percorso e non una "corsa" ai soli esami con i relativi programmi". La mia idea (da sempre) è che il corso non sia esclusivamente e solo "strumentale" ma piuttosto simile, per capirci a quello che era il corso di "vecchio ordinamento" di organo e composizione organistica, dove l'allievo veniva a contatto con aspetti molteplici della musica e non solo tecnici- strumentali, (per capirci considero virtuoso un musicista non un acrobata delle scale). Sono convinto che finalmente sia arrivato il "tempo" che uno strumentista debba formarsi "completamente" e non solo fare scale dalla mattina alla sera, suonare un brano significa innanzi tutto capire cosa è scritto nelle note e spesso quello si impara "altrove" (se il docente non è bravo solo a "diteggiare" invece che a decifrare il "contenuto"), quindi ben vengano le/delle riflessioni e critiche (non sterili polemiche) su eventuali programmi e modalità di studio "oggi" della chitarra, o meglio, non esiste la chitarra ma il suo repertorio, e, di conseguenza un docente deve innanzi tutto (per me) capire il significato scritto nelle musiche per chitarra, il resto è manovalanza "ginnica" seppur raffinata e importante ma viene dopo "il pensiero" (libero pensiero). p.s. a giorni allego un file del programma per anno che di solito utilizzo, con i testi e le opere che preferisco, il tempo di sistemare gli appunti a matita e le varie modifiche attuate sul campo. È una scansione decennale del programma "classico" su cui sono intervenuto con le mie idee, aggiungendo, togliendo ecc..ecc..una sorta di tabella di marcia che prediligo personalmente. m tabella modello generico scansione temporale.pdf
  10. Marcello Rivelli

    Equipollenza diplomi vecchio ordinamento post 2012

    Non capisco perché in Italia le cose devono essere sempre complicate. (Bella affermazione, ma essendo italiano..mi rendo conto della citazione stupida). Hanno modificato (se andrà in porto fino in fondo nei vari passaggi legislativi) il termine per vedersi riconosciuto il "valore" dei titoli del "vecchio ordinamento"dal 2012 al dicembre 2017. (Personalmente mi fa anche piacere, essendo uno degli iscritti al "vecchio stile"). Forse però dimenticano che i corsi in oggetto non termineranno in quella data per coloro che ancora li frequentano. Era cosi difficile stilare delle norme che prevedessero una giusta equità per coloro che appunto ancora frequentano e sono iscritti ai suddetti corsi? Anche un bambino capirebbe che se la riforma parte da un anno "x" e sono ancora in essere i corsi precedenti, forse ci vorranno un "x" numero di anni (essendo alcuni corsi decennali) per completare l'iter. Un conto sarebbe stata la totale disattivazione e/o passaggio ai nuovi trienni e bienni in concomitanza dell'attivazione del "nuovo percorso", allora, via il "vecchio" e avanti il "nuovo" (senza polemiche ma..) ma senza dimenticare, forse, che uno che ha "sgobbato" dieci anni non può vedersi riconosciuto lo stesso titolo come chi fa un "Triennio" se conseguito entro una data "x"!! è una classica "barzelletta" all'italiana? gli esami sono gli stessi, i programmi e le prove idem per quale motivo una data fa scattare la non equipollenza? se ancora non cessano la loro "esistenza"? le risposte che mi vengono in mente sono tante e abbiamo imparato ormai (sulla nostra pelle) i giochetti e le furbizie che vengono continuamente creati per la sopravvivenza di molti "scenari". Senza polemica.. (ci hanno letteralmente stancato).. aspetteremo il prossimo ricorso per coloro che si "diplomeranno" dopo il 2017, a meno che saranno obbligati, se ci tengono al pezzo di carta, a passare di fatto alle nuove "delizie" in cui un "triennio" in alcuni casi non raggiunge un ex compimento medio, ma volete mettere? adesso avete una "laurea" non un semplice diploma.. (magari avessi un "diploma" dei tempi di Abbado, con Ghedini in commissione!! ), no comment, ma oggi si studia "Ear training" volete mettere? (io tiravo giù dai dischi in vinile i pezzi delle musiche che mi piacevano a 16 anni) mica il setticlavio? (vorrei vedere quanti colleghi sono in grado di leggere ancora una prova di solfeggio in sette chiavi?! ma direte giustamente Voi: a che serve? tanto leggiamo in chiave di violino!? salvo scoprire che a volte alcuni chitarristi non sanno che la chitarra è strumento traspositore (e anche a volte novelli compositori da "triennio" che scrivono con il "Midi" e si chiedono perché il suono della chitarra non "sembra " lo stesso.. no comment..) scusate, il caffè era lievemente amaro.. buon proseguimento.. p.s. a chi interessa un giorno vi faccio vedere il mio programma di studio della chitarra in dieci anni (non tre + due) quello va bene per gli avvocati al massimo.. (sempre con rispetto per la categoria, ci mancherebbe), ovviamente è "vecchio stile" anche se arriva e oltrepassa Sciarrino.. m
  11. Un ulteriore passo in avanti per risolvere la discriminazione attuata. http://www.francoribaudo.it/ribaudo-pd-approvato-emendamento-su-equipollenza-titoli-afam-si-pone-fine-a-discriminazioni-tra-gli-studenti/
  12. Marcello Rivelli

    Dopo la SMIM,direttamente il Triennio?

    Il problema è un tantino complesso e riguarda più profondamente aspetti dell'educazione musicale generale non tanto la chitarra nello specifico. Studiare uno strumento musicale dovrebbe voler dire amare e studiare il suo repertorio. Come dire, non insegnare a "suonare" la chitarra ma insegnare il repertorio, la "letteratura" di un dato strumento che a sua volta richiede conoscenze "laterali" e da affiancare dalle diverse discipline musicali (se si è competenti da farlo, altrimenti esige collaborazione di altre figure professionali). Questo è un punto cruciale secondo me, dopo tanti anni di insegnamento credo di aver avuto pochissimi allievi che iniziavano il percorso conoscendo la "chitarra classica" (parlo di alunni della scuole secondaria) se non intesa come pezzo di legno, diversa dalle sorelle acustiche ed elettrica. Molto più spesso l'immagine generale si riferisce alla musica che ascoltano i ragazzi musica leggera e di consumo e quindi associano gli strumenti a quel tipo di musica. Da qui inizia l'avventura del far scoprire la "musica" attraverso lo strumento chitarra.. il percorso di cui tu parli riguarda persone che hanno "scelto" (secondo me). Quanti vogliono suonare una "canzone" sulla chitarra? e quanti vogliono suonare un preludio di Villa Lobos? è un po' come dire che nell'immaginario collettivo il pallone è associato al gioco del calcio quasi sempre se non nella stragrande maggioranza, ma esistono ovviamente altre discipline sportive che utilizzano il pallone, altrettanto valide. Quanti in Conservatorio studiano la chitarra classica per il suo repertorio?..figuriamoci nelle scuole secondarie..Raffaele, è l'allievo a scegliere secondo me se sarà in grado di farlo e se sarà stato aiutato a conoscere e ampliare gli orizzonti..poi se son rose.. m
  13. Marcello Rivelli

    Dopo la SMIM,direttamente il Triennio?

    I Conservatori allo stato attuale sono Istituzioni di Alta cultura, giusto?..quindi il problema si pone nella fascia intermedia: scuole secondarie di primo e secondo grado (medie e licei per dirla in parole povere). Il problema non è tanto forse il solo e unico esame di ammissione al Triennio, come purtroppo molti continuano a concepire. Lo studio della chitarra è un percorso (era un percorso che si attuava in non meno di dieci anni nei corsi ordinari in via d'estinzione) che si attua in un curriculum ben corposo di competenze da conseguire, l'esame di ammissione è solo la dimostrazione di aver raggiunto gli obiettivi incorporati in una lista di brani che formano l'esame di ammissione ma da non confondere assolutamente con il "solo" esame, ma dimostrare che "suonare" i soli brani compresi in quell'elenco sia invece indice di aver raggiunto una preparazione musicale e tecnica equivalente almeno ad un ex-settimo anno minimo (nei casi felici e seri). Purtroppo ho la sensazione che molti continuano a concepire lo studio di uo strumento musicale pensando esclusivamente al contenuto dell'esame, in questo caso, a quello di ammissione del Triennio, nei casi precedenti si ragionava con i programmi dei compimenti inferiori, medio e superiore..e tutto quello che esiste "in mezzo"?.. Allo stadio attuale le possibilità sembrano essere: 1) avere la fortuna di una buona base nelle scuole media ad indirizzo musicale 2) poter proseguire nei licei musicali e conseguire almeno una preparazione da "quasi" livello di periodo medio (almeno un buon sesto/settimo anno dei tempi andati.. 3) conseguire una preparazione con un buon ancor meglio ottimo insegnante..privato?.. vedremo... m
  14. Marcello Rivelli

    Ligeti e la chitarra

    Interessante trascrizione. (per la comparazione, la versione originale) mr
  15. Il post di Christian ha risvegliato nella mia memoria alcuni appunti che ho usato e uso per i mie allievi. Una delle cose che mi ha sempre affascinato di questo studio, sono le molteplici possibilità di come poter articolare la formula dell'arpeggio delle sedici semicrome. Una sorta di studio trascendentale dove, le vibrazioni che vengono messe in atto creano una miriade di texture sonore. Queste che trovate allegate nel pdf sono le prime quattro di una serie di dodici che mi sono divertito a ricercare negli anni. Spesso uso questo studio al mattino per "riscaldarmi" e iniziare le mie sessioni di studio. La mia passione per Bach mi fa vedere la sua scrittura ovunque, e tutto sommato, conoscendo l'amore di Villa Lobos per il Kantor.. questo "studio-preludio" non sarebbe poi così errato considerarlo il primo dei dodici studi "trascendentali" regalati alla chitarra, quindi oltre alle importanti diteggiature funzionali mi permetto di andare un attimino oltre, provando a suggerire di indagare lo "studio delle risonanze" che questo studio mette in atto con la sua figurazione e lo stimolo a cercare soluzioni "interne" e personali pur conservando lo "scheletro" figurale. Il primo rigo mostra il modello come lo conosciamo. Il secondo A si presta alla scansione ritmica suggerita dalla diteggiatura del post di Christian, (anche se , all'ascolto, lui stesso abbandona la rigida pulsione ritmica delle sole duine). Il modello B suggerisce il movimento interno della struttura ritmica che regge l'arpeggio: la scansione della triade minore di Mi, nel suo semplice svolgersi, ma da riuscire a controllare nel peso e equilibri con le altre note. Il modello C si spinge oltre, cerca di portare la percezione ritmica e sonora della sovrapposizione delle note superiori. Il modello D è una piccola "invenzione" per divertirsi a capire quante possibilità "Gouldiane" si possono ricercare..anche se qualcuno potrebbe obiettare di esser andati troppo oltre..ma non ne sono convinto (per niente)... buon divertimento, se può interessarvi, le altre otto ve le risparmio, assomigliano a degli studi di Bogdanovic..e sono dei "divertimenti" che attuo per non annoiarmi nel fare "tecnica".. m HVL studio n 1.pdf
×

Informazione importante

Usando il Forum dichiari di essere d'accordo con i nostri Terms of Use.