Jump to content

Butterfly

Membri
  • Content Count

    1,196
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Newbie

About Butterfly

  • Rank
    Frequente
  1. Auguri di buon anno a tutti! Anche se per vari motivi, ho smesso di studiare da circa un anno, seguo sempre le vicende musicali legate alla chitarra e continuo a studiare, ascoltando musica e approfondendo le materie teoriche. E' una cosa troppo bella per lasciarla e spero di riprendere presto. Mi fate sempre molta compagnia, grazie Auguri anche a chi si è dimenticato di me, cancellando dalla posta elettronica il mio messaggio, senza nemmeno leggerlo (arriva apposita notifica), anzi auguri ancora più cari Un caro saluto a tutti e buon 2010! Butterfly
  2. Le poche strade aperte al traffico, fuori del centro storico de L'Aquila, si percorrono in silenzio e anche un po' alla svelta, fra ali di palazzi sventrati e tra i cui squarci si guarda quasi con imbarazzo, come se si violasse una intimità svelata ai nostri occhi per errore. Uffici, camere e cucine, balconi con il bucato ancora appeso, oggetti di tutti i giorni ancora al loro posto, come assurde quinte di scene teatrali senza attori, in cui la quotidianeità è fermata per sempre. Da quelle stanze qualcuno è fuggito, altri sono rimasti feriti, altri ancora hanno visto morire la propria famigl
  3. Alla fine, in qualche modo, tra intoppi e diversioni, l'argomento è stato trattato. Oggi alcune centinaia di chitarristi sanno che è esistito in Italia un egregio chitarrista alessandrino, che aveva buona formazione musicale (un diploma in violino nella classe di Giaccone non era cosa da poco), che suonava da mancino con accordatura dall'acuto al grave, che ha accompagnato Arnoldo Foà nella recitazione di un famoso poema lorchiano registrato in un LP Fonit Cetra, che ha lavorato con Bruno Maderna e con il Quartetto di Torino. Si chiamava Piero Gosio. dralig Infatti, e di questo La r
  4. Tornando in topic, sarebbe interessante approfondire ancora, invece, sia la figura del chitarrista che ha originato le considerazioni di partenza, che le riflessioni sulla particolare tecnica utilizzata. Scusate, anche io sono andata un po' ot. Butterfly
  5. La tecnica è la stessa, cambia tutta la diteggiatura. E' difficile per un destrimane. dralig Conobbi, molti anni fa, un ragazzo di cui rammento solo il nome di battesimo (Luca), animatore della parrocchia che all'epoca frequentavo. Costui era (e credo sia ancora) un chitarrista mancino che, conscio della sua "anomalia" e consapevole del fatto che, in ambito oratoriale, era assai improbabile trovare chitarre con le corde montate in ordine inverso, aveva imparato a suonare - sempre tenendo il manico della chitarra rivolto verso destra - indifferentemente con le corde invertite o meno. R
  6. Ehm...(nei fumetti della mia epoca infantile l'interiezione con cui si manifesta imbarazzo si scriveva così, e non mi sono aggiornato), a voler dir lo vero, io a Salvatore Di Giacomo, e precisamente alla sua lirica "Nu pianeforte 'e notte", avrei reso devoto ed esplicito (nel titolo, con un passo della lirica in epigrafe) omaggio, con il secondo movimento della mia "Sonata mediterranea" per chitarra sola. Questa composizione ha attratto l'interesse di eccellenti interpreti (tra gli altri, l'ha incisa in CD il prode Giulio Tampalini), ma il suo autore è rimasto single. dralig Ho pu
  7. Io sono un ex-concertista di chitarra con studi di composizione che, da 29 anni, ha barattato il concertismo con la composizione; accanto a questo fulcro primario, ho svolto (e svolgo, sia pure a rilento, da qualche anno) attività didattica e di ricerca musicologica. In questo quadro - di per sé già abbastanza personale - non è né obbligatorio né proibito occuparsi di altri generi di musica. Si dà però il caso che le passioni e le incombenze proprie di ciò che ho scelto di fare riempiano la giornata e gli spazi mentali a tal punto che ben poco resta per ogni altra cosa: non soltanto lamento de
  8. "Corde della mia chitarra perchè vi fermate, perchè non suonate". In questi versi c'è tutto un dramma chitarristico, altro che contesto d'epoca (ho dovuto sospendere momentaneamente le mie lezioni, per motivi di salute, così da un po' devo arrangiarmi con scale, spartiti e solfeggio). Per alleggerire un po' la discussione: può essere di interesse anche per altri capire come si può suonare la chitarra essendo mancini, senza invertirte le corde? Ho osservato attentamente il filmato ma mi piacerebbe capire meglio proprio la tecnica: mi sembra così difficile... Posso dire una cosa
  9. Grazie ancora, Matanya. E' un argomento molto interessante. Quando studio un brano, mi piace approfondire anche questi aspetti di storia della musica. Butterfly
  10. Inoltre, lo stile della musica, compreso le liriche, è definitivamente quello di una musica pop moderna di Mosca di ventunesimo secolo. Niente fare con le canzoni russe tradizionali iniziali di diciannovesimo secolo. Grazie Matanya! La tua risposta è riferita al video di Youtube? La mia empirica impressione di "qualcosa" della musica russa nella melodia di "Que ne suis-je la fougère" è proprio sbagliata? ------------------------------------- Thanks Matanya! Is Your answer about the video of Youtube? My empirical impression of " something " of the Russian music in the melody of
  11. Segnalo che sta nuovamente circolando la "bufala informatica", con file *.pps allegato, intitolato "Danza lenta", già diffuso a partire dal 2005. Non inganni la firma del prof. Cicognani, direttore dell'Unità Operativa Pediatrica dell'Ospedale S. Orsola-Malpighi di Bologna, che ha già segnalato l'illiceità dell'iniziativa all'url http://www.pediatria1bologna.it/its...ata=stories# Oltre a verificare sempre l'autenticità e la provenienza di questi messaggi, mi permetto di ricordare l'opportunità di non lasciare mai "in chiaro" i recapiti elettronici delle persone a cui si inoltrano, maga
  12. Mi piacerebbe sapere se è necessario rinnovare periodicamente la registrazione di un'opera creativa alla SIAE oppure se il versamento della tariffa richiesta assicura la titolarità del copyright a tempo indeterminato. Grazie! Butterfly
  13. Allora rispondi alla domanda che ti ho fatto prima: NOI chi? Ecco "ciò che sente" chi dovrebbe "governare il mondo", cioè un bel po' di banale maleducazione maschilista. Io ho citato la tua età con tenerezza. Il rispetto si deve, sempre, all persona, non alla sua età. Ora, pregandoti di non attribuirmeli , vorrei farti notare che ci sono persone che a 70 anni farebbero impallidire certa gioventù solo anagrafica. Io non ti ho dato del marmocchio, ci pensi da solo però a parlare come tale. La superficialità della frasetta fatta sui "pesi" non vale nemmeno mezzo commento.
  14. Siamo semplicemente l'ultimo baluardo di umanità sulla terra, e grazie a Dio. Siamo chi? Non ti sembra un po' narcisistico considerarsi "l'ultimo baluardo di umanità sulla terra" in virtù della propria specifica fede? Anche molti scienziati "laici" sostengono posizioni differenti da quelle auspicate da Fabio e gli stessi comitati di bioetica sono solitamente composti da studiosi di diversa ispirazione. I cattolici sono un puntino nel mondo, mentre i grandi temi interessano tutta l'umanità. Di baluardi, quindi, ce ne sono tantissimi, magari suonano ancora il tamburo con il gonnellino d
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.