Jump to content

emilioantonucci

Membri
  • Content Count

    2
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Newbie

About emilioantonucci

  • Rank
    Novizio
  1. Salve a tutti, sono lieto di annunciare la pubblicazione del volume 1 del mio metodo "Lezioni progressive per lo studio della chitarra" e della raccolta "Chitarre in Concerto" per ensemble di chitarre. Il libro si rivolge ai principianti attraverso un percorso didattico graduale, divertente e facile allo stesso tempo. Il metodo viene completato da una serie di brani per musica d’insieme a due, tre, quattro e cinque parti che potranno anche essere suonate da altri strumenti melodici con lo scopo di divertire e d’aiutare gli allievi nella loro crescita musicale. "Chitarre in Concerto" è una raccolta di nove brani famosi (originali e d’autore) per ensemble di chitarre – dal trio all’ottetto - concepita per dare la massima soddisfazione all'allievo, sia principiante sia già più esperto. Le varie parti sono infatti diverse per livello di difficoltà: facile, medio e impegnativo. I brani presentati sono il frutto della mia esperienza diretta con i ragazzi alle prese con la chitarra e la musica d’insieme fin dai primissimi anni di studio. Si rivolge a tutti gli insegnanti che potranno utilizzarlo nelle varie occasioni di attività musicali didattiche e concertistiche. Oltre a essere reperibile in tutte le librerie della Feltrinelli, i libri possono essere visionati anche dai seguenti link: http://www.lafeltrinelli.it/products/2120004604320/Lezioniprogressiveperlostudiodellachitarra/AntonucciEmilio.html http://www.lulu.com/browse/search.php?search_forum=-1&search_cat=2&show_results=topics&return_chars=200&search_keywords=&keys=&header_search=true&sitesearch=lulu.com&q=&fSearch=emilio+antonucci&fSearchFamily=0 http://ilmiolibro.kataweb.it/community.asp?id=9359 Info: www.emilioantonucci.altervista.org/
  2. Gentili amici, desidero mettervi al corrente del mio metodo "Lezioni progressive per lo studio della chitarra". Queste lezioni nascono dalla mia personale esperienza frutto di molti anni d’insegnamento. Partendo dalla realtà dell’allievo e lasciandomi guidare dalle sue esigenze musicali ho cercato di capire ciò di cui aveva bisogno per cominciare a suonare la chitarra. Strutturato in modo tale da poter essere usato da chinque, efficace, per superare i classici ostacoli del principiante e per sviluppare le basi del linguaggio musicale e della tecnica strumentale, è un percorso didattico graduale, divertente e facile allo stesso tempo. Dal punto di vista metodologico sono partito da semplici e famose melodie popolari e classiche realizzate con un ristretto numero di note aggiungendone via via altre fino al completamento di tutta la prima posizione e non solo. Ho anche aggiunto, nella prima parte del metodo, delle basi dei brani arrangiate negli stili e nei generi musicali contemporanei perché ritengo che possano gratificare e aiutare l’allievo nell’esecuzione corretta. In assenza della base i brani sono in ogni caso accompagnati dalla parte del maestro. Gli accordi e le cadenze nelle tonalità principali – disposti in ordine graduale di difficoltà – oltre a provocare una prima coscienza armonica, servono a far conoscere da subito una delle caratteristiche più note dello strumento: l’accompagnamento delle melodie dei brani o delle canzoni. Dal facilissimo accordo di MI minore realizzato sulle corde a vuoto fino ai più difficili accordi con il barrè ho cercato di aiutare l’allievo nella lettura e nell’esecuzione di questi grazie all’uso delle sigle e alla disposizione delle voci sulle prime tre corde con l’aggiunta della tonica sui bassi della chitarra. Lo studio alternato di melodie e accordi in funzione d‘accompagnamento delle stesse porterà all’esecuzione dei primi brani solistici (tratti anche dalla letteratura chitarristica dei Maestri dell’ottocento) offrendo così allo studente una visione della chitarra come strumento musicale completo. Infine ho completato il metodo arrangiando una serie di brani per musica d’insieme a due, tre e quattro parti che potranno anche essere suonate da altri strumenti melodici con lo scopo di divertire e d’aiutare gli allievi nella loro crescita musicale. Con l’augurio che questa mia fatica possa servire a qualcuno, concludo sottolineando che il metodo non sostituisce i metodi dei grandi maestri ma è stato progettato con lo scopo di far divertire non solo l’allievo ma anche, perché no, il maestro. Emilio Antonucci
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.