Vai al contenuto
Novità

Piero Bonaguri

Membri
  • Numero contenuti

    476
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    5

Piero Bonaguri last won the day on Dicembre 26 2012

Piero Bonaguri had the most liked content!

Reputazione Forum

8 Neutrale

Su Piero Bonaguri

  • Rank
    Saltuario
  1. Piero Bonaguri

    Chi era Frate Cassio da Velletri?

    La puntata del21 dicembre scorso della trasmissione radiofonica "Frammenti" era in parte dedicata al cd "Nostalgia". Nel podcast della trasmissione qui sotto linkato è possibile ascoltare (verso il minuto 20) il bel Valzer di Fra Cassio da Velletri, tratto dal cd. Salvo errori dovrebbe essere la prima registrazione asoluta del pezzo. http://radioframmenti.blogspot.it/2013/01/mr-guitar-e-nostalgia-1932-1962-due-cd.html
  2. Piero Bonaguri

    Chi era Frate Cassio da Velletri?

    Mi scuso per l'autocitazione, ma nel mio ultimo cd "Nostalgia" (2012), reperibile presso Sinfonica e dedicato ad opere per chitarra degli anni 1930-1960 (circa), ho registrato anche alcune pagine di Fra Cassio, tra le quali le citate Tre Coserelle. Mi sembrano tutti pezzi notevoli, nei quali il gusto un po' salottiero (tranne per l'austero Preludio in do minore), gusto comune a tante pagine e paginette per chitarra dell'epoca, non riesce a celare la qualità finissima della musica, qualità invece assolutamente non comune in quel tipo di repertorio italiano che costituiva spesso l'inserto musicale della rivista "La chitarra" - immagino anche di altre pubblicazioni, ma su La Chitarra vado sul sicuro perché forse ne possiedo la raccolta completa. Le partiture di Fra Cassio mi sono state fornite da Marco Bazzotti, che è anche produttore del cd - collegato alla ripubblicazione di parti della rivista La Chitarra, recentemente avvenuta per Sinfonica a cura di Bazzotti e Vincenzo Pocci. Bazzotti potrebbe avere in animo di ripubblicare queste musiche - spero di sì, ne varrebbe la pena. Non mi sento però autorizzato a diffonderle senza la sua autorizzazione.
  3. Piero Bonaguri

    Equiparazione bienni e trienni ordinamentali a laurea

    Sul sito UNAMS viene pubblicata, da ieri, una cronistoria in tre puntate che racconta come si è arrivati a questo provvedimento. La ricostruzione parte da lontano e naturalmente è "di parte" . Pur non essendo io iscritto a quel sindacato sono colpito dal racconto dei fatti (che in parte conosco e condivido). Immagino che se ci sono inesattezze le altre parti chiamate in causa potranno intervenire per correggerle. Tra l'altro viene spiegata, nella puntata di oggi, l'origine di quelle righe aggiunte all'ultimo momento e che creano problemi a chi attualmente sta terminando gli studi nel vecchio ordinamento. Insomma, mi pare una lettura interessante anche per chi volesse controbattere la ricostruzione dei fatti che fa UNAMS nel linguaggio colorito della Liguori, sperando che chi ha qualcosa da controbattere riesca a farlo in modo altrettanto convincente. Finora sono uscite la prima e la seconda puntata, spero che la terza esca presto. Ecco il link: http://www.unams.it/Istituti_alta_cultura/default_i.htm
  4. Piero Bonaguri

    Mauro Tamburrini suona musica di Iervolino

    OT: Grazie dei saluti che contraccambio! fine OT
  5. Piero Bonaguri

    Mauro Tamburrini suona musica di Iervolino

    Non c'è di che. Il negozio è serio, l'anno scorso ho preso lo zoom direttamente da loro a Forlì. Ci saranno certamente videocamere meno costose in comemrcio, ma spesso il punto debole di questi prodotti è l'audio, non essendo pensati per un uso specifico come è quello dei musicisti; in questo prodotto si parla di un audio a 96.000 khz e 24 bit stereo, meglio della qualità cd... Il nuovo Zoom impone la tecnica di ripresa stereo MS; avranno avuto i loro motivi per farlo, certo è una delle tecniche stereo possibili e la possibilità di agire sul livello del segnale S è un'ulteriore chance per l'utilizzatore.
  6. Piero Bonaguri

    Mauro Tamburrini suona musica di Iervolino

    Nel sito dove ho comprato l'hq3 l'anno scorso adesso reclamizzano l'hq2 a194 euro. Se è una evoluzione dell'hq3, a quel prezzo mi sembra un bel'acquisto... http://www.strumentimusicalionline.org/IT/cerca/zoom__q2hd__registratore_audio_video_digitale_hd_palmare__.aspx
  7. Piero Bonaguri

    Mauro Tamburrini suona musica di Iervolino

    Come rapporto qualità prezzo credo che una delle cose migliori sia lo zoom hq3, registra audio stereo formato cd e video in alta definizione, il suo software permette di caricare direttamente su youtube con la possibilità di un minimo di editing audio e l'aggiunta di qualche effetto
  8. Non pretendo di dare risposte esaurienti. Mi pare che spesso all'estero le cose funzionino meglio che da noi dal punto di vista delle strutture, dei soldi, del personale. Ad esempio in Italia la riforma è stata gestita, almeno nel mio conservatorio, a "costo zero" nel senso che lo stesso personale di segreteria e gli stessi spazi hanno dovuto gestire una situazione fattasi di colpo complicatissima con la presenza simultanea di allievi del VO, preaccademico, trienni sperimentali, trienni ordinamentali, bienni sperimentali...accumulo di nuove materie, bandi per gli affidamenti, eccetera. Questo per anni ci ha fatto vivere nel caos, con corsi che partivano ad aprile o dopo, eccetera... Quando vedo gli spazi e le attrezzature, non dico del Royal College di Stoccolma o del Conservatoire di Lyon, ma perfino della Arts Academy di Hong Kong, e penso a come siamo messi noi dal punto di vista economico, organizzativo, burocratico... Quello poi che dicono i tuoi allievi, caro Carlo, non è contraddittorio con la situazione che ho appena descritto. Noi abbiamo (più o meno consapevoli) una tradizione, siamo circondati di cose belle (l'itinerario che faccio tutte le settimane a Bologna per recarmi da casa al conservatorio è mozzafiato, ogni tanto devo ricordarmelo perché si rischia di abituarsi a tutto nella vita), certe cose le abbiamo nei cromosomi...ricordo l'emozione con cui un compositore, che mi accompagnò a Firenze nella sala dei Cinquecento dove dovevo eseguire un suo pezzo, mi diceva che secondo lui l'aria di quel luogo era ancora satura di tutta la storia che ci precede...questo, senza essere retorici e senza chiudere gli occhi di fronte ai problemi, per me non è uguale a zero. Quanto ne siamo consapevoli o meno è un altro problema - certo pertinente anche quello. Ho letto il simpatico post sui coltelli...che dire? Favoritismi e cose simili credo ci siano in quantità...però preferisco guardare all'entusiasmo che hanno i ragazzi e che prende anche me quando penso alla bellezza con cui ci possiamo confrontare ogni giorno nel nostro lavoro in mezzo a mille ostacoli e meschinità, magari anche nostre; guardo quello e mi vien voglia di studiare, insegnare, suonare... A Bologna abbiam fatto 'sta due giorni su Segovia, le tre classi di chitarra han suonato, i tre docenti pure, anche in duo, son venuti a trovarci gratis Company , Tagliavini ed il poeta Rondoni che ha letto la sua commovente poesia su Segovia...insomma, abbiam fatto cultura, in quel bellissimo spazio che è la Sala Bossi...per chi c'era è stata una cosa bella; per me questo è altrettanto reale che guardare le cose che non vanno in me e negli altri, solo che questa bellezza mi fa venir voglia di lavorare meglio che si può...
  9. Alle chiare spiegazioni di Olivieri aggiungerei che probabilmente in Europa la cosa è più facile e forse anche più chiara la terminologia di riferimento. Il nostro conservatorio "riformato" con il nuovo ordinamento equivale ad esempio, in Spagna, al Conservatorio Superior. Giustamente a quel punto loro hanno anche altri conservatori, che da noi mancano, per i livelli inferiori di studio. A Madrid c'è un Conservatorio Superior ed altri conservatori, a La Coruna c'è il Superior ed un altro, in un edificio vicino. La legge recentemente approvata dice che ogni conservatorio italiano adesso deve attrezzarsi per mettere ad ordinamento i corsi di secondo livello, ed ha un anno di tempo per farlo: "105. Entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge le istituzioni di cui all'articolo 2, comma 1, della legge 21 dicembre 1999, n. 508 concludono la procedura di messa a ordinamento di tutti i corsi accademici di secondo livello." Una volta fato questo, il biennio conseguito avrà il valore che la legge gli attribuisce.
  10. Il biennio italiano non è un Master. La riforma italiana prevede infatti altri due livelli dopo il biennio (gli esami non finiscono mai, direbbe qualcuno...). master e dottorato. Bisognerà controllare bene le equipollenze con i titoli europei, ma credo che che con il biennio italiano si possa accedere al master, sia in Italia (se e quando ci sarà; a Bologna ne volevano attivare per ora uno solo, non ricordo in quale disciplina) che in Europa.
  11. Piero Bonaguri

    Equiparazione bienni e trienni ordinamentali a laurea

    Giusto, è un punto da chiarire, anche perché chi si diploma da ora in poi con il Vecchio Ordinamento potrà essere solo o un allievo interno al quale è stato dato a suo tempo il diritto di concludere il percorso di studi che aveva iniziato, o un privatista al quale, per lo stesso motivo, il Ministero ha concesso analogo diritto per qualche anno. Il ritardo nel rendere ordinamentale il biennio è solo dello Stato...perché discriminare?
  12. Piero Bonaguri

    Equiparazione bienni e trienni ordinamentali a laurea

    Nel sito UNAMS (non sono iscritto, ma ricevo le loro news) c'era un messaggio in data 18 dicembre dove si diceva che dopo l'approvazione della legge il legale del sindacato sarebbe stato a disposizione per chiarirne gli effetti pratici. Che i bienni diventino ordinamentali credo non possa che far piacere a tutti. Io non sono (non sono più) un entusiasta sostenitore della riforma; ma che al termine del nuovo (e per me assai discutibile) programma di studi si conseguisse solo un titolo "sperimentale" aveva proprio il sapore di una beffa. Che il nuovo titolo abbia spendibilità come laurea, finché quel che conta sono i pezzi di carta (e in Italia è così), è un'altra notizia che non può che rallegrare tutti, tranne forse il mondo della università. Oltre tutto si tratterà di una spendibilità in ambito europeo, come sono spendibili in Italia i titoli presi nei paesi europei. La equiparazione dei vecchi diplomi al biennio mi sembra, anch'essa, un atto dovuto (capisco che qui si va più sull'opinabile). Se ci fosse stata subito sarebbe stato meglio, prima non si poteva farlo anche perché il biennio era solo sperimentale.Non è certamente un bene che la legge di riforma del 1999 diventi pienamente operativa solo adesso. Una curiosità che mi rimane è: i possessori del vecchio diploma potranno ancora chiedere di iscriversi al biennio? Direi di sì, perché si tratta di due titoli diversi, anche se equipollenti come punteggio. Al momento, cioè, di fare domanda per un posto di lavoro chi ha il diploma vecchio più il biennio avrà punti corrispondenti al possesso di due lauree specialistiche, chi avrà solo il diploma avrà quindi meno punti. Però la curiosità rimane: finora i vecchi diplomi erano equiparati al triennio ed i loro possessori potevano automaticamente (previo esame di ammissione) accedere al biennio, adesso cosa cambia? E forse la questione più spinosa a cui accenna implicitamente Santorsa è: chi si è sottoposto ai due anni di biennio per avere un titolo di secondo livello può ritenersi defraudato dal fatto che questa legge ora lo riconosce già al vecchio diploma? E' anch'essa, a mio parere, una questione aperta da porre nelle opportune sedi legali; anche se, con due percorsi di studio diversi, ed un diverso titolo di studio (e quindi doppio punteggio per chi avrà vecchio diploma più biennio) non è che il sacrificio fatto abbia ricompensa pari a zero. Però è vero che uno potrebbe dire: "se non mi avessero detto che il mio vecchio diploma valeva solo come un nuovo triennio - come si diceva, ed ora non si può più dire - non mi sarei iscritto al biennio". Ed anche questo ha un senso. Ci sono quindi importanti questioni aperte, soprattutto per chi in questi lunghi anni dal 1999 ad oggi ha fatto scelte basandosi sulla situazione di una legge approvata, ma non ancora totalmente operativa. Questo non toglie che, per tutti gli altri ed anche per il futuro, si tratti di una ottima notizia, almeno così mi pare.
  13. Piero Bonaguri

    Equiparazione bienni e trienni ordinamentali a laurea

    Allora adesso è legge, approvata dalla camera. Notizie qui: http://www.unams.it/Istituti_alta_cultura/default_i.htm
  14. Piero Bonaguri

    Equiparazione bienni e trienni ordinamentali a laurea

    Ha ragione, sorry...meglio ancora!
  15. Piero Bonaguri

    Equiparazione bienni e trienni ordinamentali a laurea

    Certo, ci sono tanti problemi... E anch'io penso che la equiparazione del vecchio titolo andrebbe fatta con i bienni- chissà che non si arrivi anche a quello. Se però, dopo tanti anni di attesa (la legge è del 1999) e senza dover riiniziare da capo il cammino per per arrivare a questo riconoscimento nella nuova legislatura, il biennio cessa finalmente di essere sperimentale e diventa ordinamentale, ottenendo una equipollenza (ai fini dei concorsi) con la laurea... beh, a me sembra un gran bel risultato, per i conservatori e soprattutto per i loro studenti.
×

Informazione importante

Usando il Forum dichiari di essere d'accordo con i nostri Terms of Use.