Jump to content

Marco Del Greco

Membri
  • Content Count

    36
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    4

Marco Del Greco last won the day on September 16 2014

Marco Del Greco had the most liked content!

Community Reputation

9 Newbie

About Marco Del Greco

  • Rank
    Novizio

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. I Giardini della Filarmonica - Musica Svelata giovedì 2 luglio 2015 ore 20 Sala Casella, Accademia Filarmonica Romana, via Flaminia 118, Roma Il Sigaro di Armando Omaggio a Franco Donatoni Marco Del Greco: Franco Donatoni - Algo, due pezzi per chitarra Alessandro Viale: Pierre Boulez - 12 notations per pianoforte Samuele Telari: Franco Donatoni - Feria IV, due pezzi per accordeon Aron Chiesa: Luciano Berio - Sequenza IX per clarinetto Rebecca Raimondi: Franco Donatoni - Ciglio per violino solo Il sigaro di Armando è il titolo del primo concerto di questa giornata, omaggio a Franco Donatoni, fra i grandi protagonisti della stagione dell’Avanguardia italiana, maestro e punto di riferimento indiscusso nel Novecento per un’intera generazione di compositori. Il concerto prende spunto dal titolo del libro che raccoglie una serie di scritti del compositore veronese datati fra il 1964 e il 1982. Un “vagabondaggio critico” come l’ha definito Piero Santi curatore della pubblicazione, che è venuto ad assecondare il pensiero compositivo di Donatoni, lascito anch’esso di una meditazione che è tutt’uno col processo della scrittura musicale. In programma tre pezzi per strumento solo scritti da Donatoni nell’arco di vent’anni, cui si aggiungono le celeberrime 12 notations di Boulez per pianoforte e la Sequenza IX per clarinetto di Berio che verrà eseguita da Aron Chiesa fresco vincitore del Premio Valentino Bucchi, edizione 2015. Biglietto 10 euro Ridotto studenti 5 euro http://www.filarmonicaromana.org/index.php/calendario-concerti/item/237-donatoni
  2. Non ho la registrazione di Yamashita, di che anno è? Sapete consigliarmi dove acquistarla on-line (mi sono imbattuto in siti giapponesi incomprensibili...)? Sto studiando una selezione di questi capolavori che dovrò suonare tra due settimane (avendoli già suonati lo scorso anno a Parma http://www.cristianoporqueddu.it/forumchitarraclassica/viewtopic.php?t=4113): credo che Castelnuovo-Tedesco riversi qui una grande sapienza drammatica ed un linguaggio che nelle altre opere per chitarra sia raro trovare. Quindi da lui non si poteva chiedere di più a riguardo. L'andare oltre, interpretativamente parlando, e cercare di trovare qualcosa che non ci può essere, potrebbe essere eccessivo (mi riferisco al ritorno alla crudezza delle tavole). Per quanto riguarda la frittura di corde, si sa, i giapponesi sono ghiotti di tempura...a parte gli scherzi saprò farmi un'idea ad ascolto effettuato. [OT] Pare che il famoso "Colosso", una delle opere simbolo dell'ultimo Goya, non sia opera sua: http://www.corriere.it/foto_del_giorno/home/09_gennaio_26/colosso_b7b3dc36-ebca-11dd-92cf-00144f02aabc.shtml
  3. Consiglio vivamente di leggere tre saggi di Piero Buscaroli, dannatamente seri ed illuminanti: La morte di Mozart Al servizio dell'Imperatore e Piero Buscaroli svela l'imbroglio del Requiem
  4. Eccovi un'intervista fatta ai ragazzi della Scuola Media ad indirizzo musicale "Tino Buazzelli" di Frascati (dove felicemente lavoro), durante la prova generale del concerto finale dello scorso anno scolastico. http://www.sound36.com/readart.asp?articolo=295 Forse andrebbe fatta vedere a certi inquilini di Viale Trastevere...
  5. Un concerto per chitarra e orchestra? Sarebbe importante sapere quale, quando e dove. Il concerto per chitarra ed orchestra da camera di Roman Vlad Ode Super "Crhysea phorminx" del 1962-1964, quindi credo nella metà degli anni Sessanta. Non sono a consoscenza dell'esistenza di una registrazione. Questa è una bellissima notizia.
  6. Io ed è uno dei miei concerti preferiti. Comunico ad Rms inoltre che l'ottima registrazione è pubblicata dalla Stradivarius e, credo, facilmente reperibile.
  7. Aggiornamenti del programma: Sabato 27 settembre h 18.00 Novità editoriali: Edizioni Romana musica Presentazione/concerto a cura di Francesco Taranto “Découpages” di Carlo Carfagna e “Antologia di Studi” di Alessandro De Pau Domenica 28 settembre h 18.00 "Mario Gangi: tra professione e didattica" Incontro-conferenza a cura di Carlo Carfagna h 20.00 Concerto "Omaggio a Mario Gangi" Programma: Mario Gangi Ninna nanna a Pabù per chitarra sola (1977) Fandango dalla “Suite spagnola” per flauto e chitarra (1948) Carlo Carfagna Dedicatoria per flauto e chitarra Antonio De Rose Agganci (a Mario Gangi) per flauto e chitarra Antonio De Rose, chitarra Daniela Troiani, flauto Mario Gangi Quattro Studi dal Metodo (1971) Massimo Delle Cese, chitarra Sonatina (1996) Tempo I, Andantino Cantabile, Allegro Marco Del Greco, chitarra Suite Italiana per 2 chitarre (1989) Allegro vivo, Adagio, Allegro spigliato Marco Del Greco, chitarra Antonio Muci, chitarra h 21.15 Concerto di Fabio Zanon come da programma
  8. A proposito di Severino Gazzelloni e Mario Gangi, sono riuscito a trovare un film del 1970 nel quale la colonna sonora è interamente realizzata dai due grandi Maestri (musiche ed esecuzione); Scipione detto anche l'Africano, con Marcello Mastroianni, Ruggero Mastroianni, Vittorio Gassman, Silvana Mangano. L'ho visto ieri sera: bellissimo ed esilarante, soprattutto per chi è ferrato sulla storia romana. (una battuta su tante: riferendosi a Fabio Massimo che tentava di prendere tempo su una difficile decisione "'a Fabio Ma', temporeggia, temporeggia.....")
  9. Quoto in pieno! Ritornando in topic, non mi scandalizzerei minimamente (anzi ne sarei entusiasta) se, invitato come ospite del suo programma radiofonico, un celebre solista di musica classica si cimentasse anche in qualcosa di meno serio... Io ci penso.
  10. Io ti consiglierei Alessandro Toni, anche se non so se fa già parte della tua black-list... Se ti interessa ti posso inviare i suoi recapiti via messaggio privato. Altrimenti conosci Rosazza?
  11. Effettivamente l'annotazione che hai fatto è calzante. Sì, il primo Découpage è scritto con un linguaggio che si può definire atonale, ed è il più "contemporaneo" dei tre. Il secondo non si può certo dire tonale, ma sicuramente usa un linguaggio meno duro, da notare è l'estrema libertà metrica. Nel Ballet d'Amalthée vi sono due temi fortemente contrastanti: il primo (Allegretto moderato), ritmico e basato interamente sull'intervallo di seconda; il secondo (Andante appassionato) dove si respira un lirismo a dir poco tardoromantico. Ritengo che sia una composizione non tecnicamente difficilissima: utile quindi per far avvicinare alla musica contemporanea giovani (e non) chitarrisiti, magari portandola già ad un compimento inferiore o ad un medio.
  12. Ritornando in topic, voglio segnalare una mostra personale del pittore Afro Basadella (dedicatario di Suoni Notturni) che chiuderà il 18 aprile a Roma: "Afro, dagli anni della Galleria della Cometa al dopoguerra", Galleria Francesca Antonacci, via Margutta 54. Fra l'altro è a due passi dal Conservatorio, ne vale la pena. http://www.teknemedia.net/archivi/2008/2/29/mostra/28694.html Sito della curatrice: http://www.francescaantonacci.com/
  13. Caro gasgas, mi scuso se non ho risposto prima. Sono in partenza per la Svizzera. Quando tornerò, inizio settimana prossima, sarò lieto di darti maggiori informazioni, magari con un'analisi più approfondita. P.S. Credo sia possibile nonchè sufficiente l'uso della seconda persona singolare nei riguardi del sottoscritto
  14. Carlo Carfagna ha terminato la composizione del suo ultimo brano: "Découpages-trois pièce comme ça". Il lavoro consta di tre movimenti: I-Découpage gris II-La poupée sorcière III-Ballet d'Amalthée amoureuse Il primo movimento, di carattere rapsodico-improvvisativo, ha la particolarità, già presa in considerazione da Carfagna nel primo tempo delle "Scene Gentili", di prendere ispirazione da un colore. Il secondo (Andante poco agitato-Allegretto), un omaggio a Dukas dall'atmosfera onirica. Il terzo si apre con un ironico ed allo stesso tempo travolgente ritmo di danza, seguito da un Andante appassionato di estrema liricità. Il ritorno del ritmo di danza sfocia poi in una rassicurante cadenza conclusiva. I Découpages saranno a breve editi dalla casa editrice Erom. Per maggiori informazioni: http://it.wikipedia.org/wiki/Carlo_Carfagna http://www.erom.it/
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.