Jump to content

alezocco

Membri
  • Content Count

    11
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    2

alezocco last won the day on February 14 2018

alezocco had the most liked content!

Community Reputation

4 Newbie

About alezocco

  • Rank
    Novizio
  • Birthday 05/27/1981

Recent Profile Visitors

4,139 profile views
  1. 4 downloads

    Exercises for tactile memory reconstruction in classical guitarists with focal dystonia Questi esercizi sono il risultato di una ricerca personale che ho intrapreso diversi anni fa quando mi e' stata diagnosticata la distonia focale della mano destra. Nello sviluppo delle soluzioni tecniche presentate, tento sempre di seguire alcune idee chiave che ho sviluppato sulla natura della malattia. In particolare, introduco il concetto della perdita della memoria tattile come manifestazione principale (se non addirittura definizione) della distonia. Di conseguenza, miro alla ricostruzione di tale memoria tattile proponendo una serie di esercizi con e senza chitarra. Gli esercizi senza chitarra hanno prevalentemente lo scopo di recuperare la consapevolezza della tensione funzionale della mano destra, e di riprodurre l'apprendimento iniziale della tecnica della mano destra, emulando i suoi movimenti tipici con la sinistra, prima, e riproducendoli con la destra, dopo. Gli esercizi con la chitarra sono mirati al controllo dei movimenti secondari, indicati esplicitamente attraverso notazioni alternative. Pongo particolare attenzione all'articolazione p-i. Personalmente, in questa ricerca, ho visto dei progressi nel controllo di tremori involontari del pollice. Le soluzioni proposte non possono essere efficaci in tutte le situazioni, ma i concetti chiave che mi hanno guidato nella loro formulazione possono essere d'aiuto a sviluppare percorsi alternativi e altrettanto fruttuosi. - Alessandro Zocco
  2. Mi riferivo alla sonata da chiesa di Corelli
  3. Allora, off topic ma fino a un certo punto. (Mi e' stato detto: Sii musicista, non chitarrista!) Qualcuno sa dire se esiste un lavoro filologico sull'influenza di Corelli nella musica di Pergolesi, o viceversa. Stavo ascoltando la sonata 8 in do minore, la seconda e la terza frase del primo tempo, grave, sono incredibilmente evocative dell'incipit dello Stabat Mater di Pergolesi! (E conseguentemente della cantata di Bach, Tilge, Hoechster, meine Suenden) Juxta crucem lacrimosa...
  4. Ciao Roberto, mi piacerebbe capire perche' hai problemi proprio con il 900? In linea di principio la tua sensibilita' (di uomo almeno nato e vissuto nel 900) dovrebbe essere piu' vicina a quella di un Villa Lobos che di un Francesco da Milano, giusto per fare due nomi. E a pensarci bene, non so voi, ma io ho suonato i preludi di Villa Lobos molto prima della musica antica. Ascolto il primo concerto di Castelnuovo-Tedesco per chitarra e orchestra, e mi ci trovo dentro "mani e piedi" dalla prima battuta. Ascolto lo Stabat Mater di Scarlatti padre e, a pensare di entrare in quella musica, devo fare uno sforzo. A me piace sentire un certo rigore filologico nelle interpretazioni sulla chitarra, e sentire che l'interprete e' musicista prima, e chitarrista poi.
  5. Capito qui per caso dopo quasi QUATTRO anni e ringrazio Carlo Carfagna Raffaele e Cristiano per aver partecipato alla discussione. Mi scuso molto per il ritardo Cristiano nel frattempo ha trovato la registrazione. Ora tocca a me provare a procurarmela Grazie di cuore a tutti, speriamo di sentirlo suonare sto concerto! Alessandro
  6. Grazie Cristiano! Avevo chiesto notizie sul concerto di Vlad un due o tre anni fa su questo forum!!!! Chiedi e ti sara' dato. PS A quanto pare, Vlad era un parente vicino (non so se il nonno o il padre) di un fisico dell'ENEA di Frascati, e ho saputo di lui da un collega, anche lui appassionato di musica come me. Vlad, il compositore, (parlo per aver entito dire durante una pausa pranzo) arrivo' tardi per fare l'esame per entrare al conservatorio di Roma, ma alcuni docenti lungimiranti decisero di accettarlo comunque dopo aver notato il suo talento che emergeva gia' nelle sue composizioni. Se non ricordo male, conosceva Massimo Mila, e si narravano leggende secondo le quali avrebbe conosciuto Stravinsky.
  7. Direi che si tratta di una malattia prometeica, originata da una forma di misticismo che dimentica il mondo e il corpo come parte del mondo in una sfida che concepisce lo strumentismo come trascendenza. E' l'anima che va, e non aspetta il corpo. Il quale, umiliato, si nega, si pone infine come ostacolo.

  8. Non ci avevo mai pensato, ma la soluzione e' talmente elegante che viene da pensare che Villa-Lobos abbia voluto strafare volutamente. Comunque, ci sono altri esempi tra i preludi di Villa-Lobos che mi lasciano perplesso. Il finale del quinto preludio, quel glissato e quel fortissimo...con un trombone si potrebbero suonare molto meglio! Tornando al quarto preludio. Ho fatto una ricerca velocissima online, e ho trovato una versione russa dove effettivamente l'accordo finale e' sulla tonica. Non so chi sia l'editore.
  9. Torniamo alle nostre radici. Le corde. Sei.

  10. Mi piacerebbe vedere piu' discussioni sul forum!

  11. Ciao a tutti. Esiste una registrazione del concerto per chitarra e orchestra di Roman Vlad? grazie! alessandro
  12. Tremendo... Ma le scale in Tomas Marco sono p-i? E' una scelta sua, o una indicazione dell'autore? grazie alessandro
  13. Grazie...giusto per presentarmi Sono un ricercatore in fisica. Ho studiato chitarra classica sin da bambino, con Angela Centola, Antonio Borrelli, Laura Mancini, e Maurizio Colonna. Quando stavo per laurearmi in fisica ho abbandonato gli studi accademici musicali ma ho continuato ad esibirmi in pubblico per alcuni anni. Suono occasionalmente ciao alessandro
  14. Ciao a tutti...sono l'ultimo utente!!! alessandro
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.