Jump to content
Nuovi CD di musica del XX e del XXI secolo

Il costo degli spartiti di musica


Marco Fingardi
 Share

Recommended Posts


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  5
  • Content Count:  29
  • Reputation:   7
  • Joined:  03/08/2014
  • Status:  Offline
  • Device:  Windows

Ciao a tutti. Vorrei aprire una discussione sul costo stratosferico degli spartiti musicali. Ci sono edizioni composte da due o tre pagine in vendita a 16 euri..... sono cose da pazzi.

Come si può pretendere che la musica si diffonda con queste cifre?

Che ne pensate?

buona domenica a tutti

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  71
  • Content Count:  608
  • Reputation:   36
  • Joined:  01/28/2008
  • Status:  Offline
  • Device:  Windows

beh dovrebbero i costi per comprare li dovrebbero mettere in pdf e venderli a brani singoli (quindi molto meno cari) come fanno con gli studi di Gilardino autorizzati dalla sua casa editrice e se non sbaglio anche le musiche di Porqueddu.  

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  35
  • Content Count:  417
  • Reputation:   78
  • Joined:  01/08/2007
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

16€ è il costo di una pizza e una birra. Li spendiamo senza pensarci più che tanto tutti i fine settimana, e ci compriamo qualcosa che dura mezz'oretta sapendo che poi finirà - letteralmente - nel cesso. Non ho mai sentito nessuno lamentarsi per questo.

Per contro, uno spartito è virtualmente imperituro, è il frutto di mesi di lavoro - oltre che anni di maturazione personale - e potenzialmente ci consente di guadagnare anche qualcosa nei concerti, concorsi, dischi e via dicendo... Senza parlare dell'arricchimento culturale, ma qui la faccenda diventa complicata.
Come conseguenza, tutti a lamentarsi del costo "stratosferico". "Cose da pazzi", addirittura!!

Allora, Marco, inizi col soppesare il valore di quelle pagine: opere come Homenaje di MdF (3 pagine) o la Sarabande di Poulenc (1 pagina) forse meritano criteri di giudizio diversi dal peso del libro.
Poi valuti anche il ruolo che vuole dare alla musica e a chi la scrive: lei non ha problemi a riconoscere la dignità professionale di un pizzaiolo, mentre quelle di un compositore e di un editore le sono aliene. Mi permetta di dire che il problema è suo. Sfortunatamente, lei è in abbondante compagnia, ma non significa che siate nella ragione, a mio modo d'intendere.

EB


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Link to comment
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.