Jump to content
Nuovi CD di musica del XX e del XXI secolo

Grand Ouverture Op.61, Mauro Giuliani


Recommended Posts


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  3
  • Content Count:  5
  • Reputation:   0
  • Joined:  05/14/2007
  • Status:  Offline

Vorrei avere cortesemente qualche parere autorevole sulla velocità di esecuzione della Grande Ouverture di Giuliani; A quanto pare l'andante sostenuto dovrebbe aggirarsi intorno ai 65-70 bpm ma a mio avviso a questa velocità l'introduzione perde molto del suo carattere maestoso e drammatico diventanto un po troppo triste e noiosa;
é corretto (nel rispetto della volontà dell'autore) suonare l'introduzione 80-85 bpm e l'allegro maestoso 115-120?
Grazie giampaolo

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  89
  • Content Count:  2,241
  • Reputation:   100
  • Joined:  11/24/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Vorrei avere cortesemente qualche parere autorevole sulla velocità di esecuzione della Grande Ouverture di Giuliani; A quanto pare l'andante sostenuto dovrebbe aggirarsi intorno ai 65-70 bpm ma a mio avviso a questa velocità l'introduzione perde molto del suo carattere maestoso e drammatico diventanto un po troppo triste e noiosa;

é corretto (nel rispetto della volontà dell'autore) suonare l'introduzione 80-85 bpm e l'allegro maestoso 115-120?

Grazie giampaolo

 

La funzione dell'introduzione è drammatica. Il dramma nasce dal contrasto di caratteri tra l'introduzione e l'allegro. In linea di principio, bisogna tendere (senza esagerazioni) a esaltare tale contrasto, non a spianarlo, con stacchi di tempo molto diversi e soprattutto con un uso attento delle dinamiche. Comunque, l'introduzione e l'allegro hanno un elemento in comune, il motivo anacrusico con tre note in levare e un appoggio in battere (strutturazione motivica che, pur mutando nei valori, mantiene sempre lo stesso aspetto in tutto il brano), e questo aspetto andrà posto in primo piano nell'esecuzione: contrasto si, ma tra fattori che hanno origine comune.

 

dralig

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  89
  • Content Count:  2,241
  • Reputation:   100
  • Joined:  11/24/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Vorrei avere cortesemente qualche parere autorevole sulla velocità di esecuzione della Grande Ouverture di Giuliani; A quanto pare l'andante sostenuto dovrebbe aggirarsi intorno ai 65-70 bpm ma a mio avviso a questa velocità l'introduzione perde molto del suo carattere maestoso e drammatico diventanto un po troppo triste e noiosa;

é corretto (nel rispetto della volontà dell'autore) suonare l'introduzione 80-85 bpm e l'allegro maestoso 115-120?

Grazie giampaolo

 

La funzione dell'introduzione è drammatica. Il dramma nasce dal contrasto di caratteri tra l'introduzione e l'allegro. In linea di principio, bisogna tendere (senza esagerazioni) a esaltare tale contrasto, non a spianarlo, con stacchi di tempo molto diversi e soprattutto con un uso attento delle dinamiche. Comunque, l'introduzione e l'allegro hanno un elemento in comune, il motivo anacrusico con tre note in levare e un appoggio in battere (strutturazione motivica che, pur mutando nei valori, mantiene sempre lo stesso aspetto in tutto il brano), e questo aspetto andrà posto in primo piano nell'esecuzione: contrasto si, ma tra fattori che hanno origine comune.

 

dralig

Link to comment
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.