Jump to content
Nuovi CD di musica del XX e del XXI secolo

Barrios e Segovia


Maurizio Pennisi
 Share

Recommended Posts


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  13
  • Content Count:  129
  • Reputation:   0
  • Joined:  05/06/2006
  • Status:  Offline
  • Device:  iPad

Non ho mai trovato incisioni di musiche di Barrios da parte di Segovia.

Esistono?

 

So che Segovia andò a trovare Barrios quando il compositore sudamericano stava male e rimase piuttosto dispiaciuto di ciò...

Non so se siano notizie attendibili.

 

 

Maurizio

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  89
  • Content Count:  2,241
  • Reputation:   99
  • Joined:  11/24/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Non ho mai trovato incisioni di musiche di Barrios da parte di Segovia.

Esistono?

 

So che Segovia andò a trovare Barrios quando il compositore sudamericano stava male e rimase piuttosto dispiaciuto di ciò...

Non so se siano notizie attendibili.

 

 

Maurizio

 

Sull'argomento esiste tutta un'agiografia filobarriosiana, secondo la quale il cattivo e potente tiranno Segovia avrebbe ignorato, o addirittura umiliato e denigrato, il buono e povero Barrios, impedendogli di diventare famoso come chitarrista e poi ostacolando la diffusione della sua musica.

Sono tutte storie senza il minimo fondamento. Segovia conobbe Barrios a Buenos Aires nel 1921. Barrios lo andò a trovare in albergo, suonò per lui, ne ebbe elogi e un trattamento cordiale e amichevole. Si rividero nel 1943 a San Salvador, Barrios era ormai alla fine della sua vita e Segovia lo trattò umanamene. In occasione del loro primo incontro, Barrios suonò a Segovia "La catedral". Segovia gli chiese la musica e Barrios disse che gliel'avrebbe data, ma poi non lo fece. Nella biblioteca musicale di Segovia di Barrios non c'è praticamente nulla, solo una copia manoscritta (non autografa) di "Julia Florida". Questo significa che Segovia non mise mai un pezzo di Barrios sul leggio, se conosceva qualcosa era solo dall'ascolto di qualche esecuzione (ma di chi?). Intervistatori petulanti hanno messo talvolta Segovia di fronte a domande sulla musica di Barrios. Lui rispose svogliatamente, la musica scritta dai chitarristi del Novecente non gli interessava. Tutto qui. Il resto, i mormorii, sono leggende o pettegolezzi.

 

dralig

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  13
  • Content Count:  129
  • Reputation:   0
  • Joined:  05/06/2006
  • Status:  Offline
  • Device:  iPad

Grazie infinite, Maestro.

 

Probabilmente, la chiave di lettura sta proprio nel fatto che Segovia gli chiese lo spartito della "Catedral" e lui non glielo diede (questo dovette indisporre Segovia).

 

Posso solo commentare, forse un po scontatamente, che è un vero peccato...!!!

 

 

Maurizio

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  39
  • Content Count:  161
  • Reputation:   0
  • Joined:  03/07/2006
  • Status:  Offline

Una domanda per il Maestro Gilardino, o per chi altro sappia rispondermi ovviamente: quando intorno al '35 Barrios fu portato da coloro che lo avevano ripulito dalle pennedel Dio Tupa in Europa, ci fu qualcuno che gli mise i bastoni fra le ruote, impedendogli di conquistarsi un posto nell'ambiente; Maestro, in altra sede, tempo fa, disse che Segovia direttamente non ebbe parte nella faccenda, ma non poteva riferire con chiarezza come si erano svolti i fatti. E' cambiato qualcosa? :)

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  89
  • Content Count:  2,241
  • Reputation:   99
  • Joined:  11/24/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Grazie infinite Maestro,

 

Probabilmente, la chiave di lettura sta proprio nel fatto che Segovia gli chiese lo spartito della "Catedral" e lui non gliela diede (questo dovette indisporre Segovia).

 

Posso solo commentare, forse un po scontatamente, che è un vero peccato...!!!

 

 

Maurizio

 

Barrios non era quel che si dice un campione di coerenza. Quanto a Segovia, se anche poteva apprezzare, per alcuni aspetti, "La Catedral", non era certo in quel genere di musica che, nel 1921 - quando era ancora soltanto un giovane concertista in cerca di fortuna nella sua seconda tournée argentina - riponeva le sue speranze di richiamare su di sé e sulla chitarra l'attenzione del mondo musicale colto. A Buenos Aires, lui coltivava le relazioni con personaggi come Julian Aguirre, Lopez Buchardo, forse Gilardo Gilardi - cioè i musicisti che avrebbero potuto fare, in quel paese, la sua fortuna (e così avvenne difatti), e delle musiche di un chitarrista bohemien, che tra l'altro a Buenos Aires non godeva affatto di buona stampa (il padre della Anido scrisse contro Barrios la più distruttiva recensione che io abbia mai letto a carico di un chitarrista), non avrebbe saputo che cosa farsene. Segovia aspettava Ponce e i compositori che poi sarebbero arrivati, e se qualcosa è da rimpiangere, è che non abbia convocato Ravel e Stravinskij, Hindemith e Bartok: Barrios era Barrios anche senza Segovia.

 

dralig

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  89
  • Content Count:  2,241
  • Reputation:   99
  • Joined:  11/24/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Una domanda per il Maestro Gilardino, o per chi altro sappia rispondermi ovviamente: quando intorno al '35 Barrios fu portato da coloro che lo avevano ripulito del dio Tupa in Europa, ci fu qualcuno che gli mise i bastoni fra le ruote, impedendogli di conquistarsi un posto nell'ambiente; Maestro, in altra sede, tempo fa, disse che Segovia direttamente non ebbe parte nella faccenda, ma non poteva riferire con chiarezza come si erano svolti i fatti. E' cambiato qualcosa? :)

 

No, non è cambiato niente. Non fu Segovia a ostacolare Barrios in Europa - primo, Barrios non ebbe, dove suonò, che un blando successo; secondo, andare in Germania nel 1935 a cercare fortuna in campo artistico, da parte di un mezzo sangue che fino a pochi mesi prima ostentava la sua discendenza dalla stirpe guarani e si chiamava con il nome di un cacicco indio, Mangoré, era comunque una causa persa.

 

dralig

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  39
  • Content Count:  161
  • Reputation:   0
  • Joined:  03/07/2006
  • Status:  Offline

 

No, non è cambiato niente. Non fu Segovia a ostacolare Barrios in Europa - primo, Barrios non ebbe, dove suonò, che un blando successo; secondo, andare in Germania nel 1935 a cercare fortuna in campo artistico, da parte di un mezzo sangue che fino a pochi mesi prima ostentava la sua discendenza dalla stirpe guarani e si chiamava con il nome di un cacicco indio, Mangoré, era comunque una causa persa.

 

 

Bhé essendo tali le circostanze, effettivamente pe Barrios la partita era persa in partenza.

La ringrazio.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.