Jump to content
Nuovi CD di musica del XX e del XXI secolo

Horowitz e mio padre


akaros
 Share

Recommended Posts


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  29
  • Content Count:  657
  • Reputation:   0
  • Joined:  04/21/2006
  • Status:  Offline
  • Device:  Android

Salve a tutti, ho trovato su una rivista la pubblicazione di un libro dal titolo "Horowitz e mio padre", ho cercato su internet qualche informazione e ho trovato questo:

 

http://www.unilibro.it/find_buy/Scheda/libreria/autore-salatko_alexis/sku-12382071/horowitz_e_mio_padre_.htm

 

Qualcuno lo ha letto? sapete dirmi com'è? credo abbia l'impronta di un rimanzo, forse piacevole e interessante da leggere. Credo che a breve lo acquisterò, magari fra un pò passerò di qui e vi farò sapere qualcosa...

 

bye

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  238
  • Content Count:  1,196
  • Reputation:   0
  • Joined:  01/31/2006
  • Status:  Offline

La trama sembra bella e questo editore pubblica solitamente opere destinate al successo.

 

 

 

 

Butterfly

Link to comment
Share on other sites

Allora attenzione: se è un libro di un editore "di successo" potrebb'essere sospetto. Per alcuni qui, almeno per quanto riguarda certa musica di successo, sembra essere così. ;) Buona lettura, cmq.

 

Ciao,

 

Neuland

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  238
  • Content Count:  1,196
  • Reputation:   0
  • Joined:  01/31/2006
  • Status:  Offline

Dipende da cosa si intende per "successo". Per alcuni significa un numeroso consenso (magari anche economico), per altri il consenso delle persone intelligenti. Fosse anche una sola. O anche di quelle che ama. ;)

 

Ci sono case editrici, anche di ridotte dimensioni imprenditoriali, che si contraddistinguono per la qualità delle opere offerte ai lettori.

Il valore di molti autori, anche prima d'oggi, si è affermato spesso in questo modo.

 

Sinceramente non conosco Salatko Alexis. Cercando informazioni in internet ho trovato solo questa intervista ascoltabile on line, in cui parla di qesto romanzo.

 

La trama del libro, ispirata peraltro a fatti veri, parrebbe concentrarsi su un tema antico e affrontato da molte opere letterarie e cinematografiche: è la vita che sceglie per noi.

 

Mi ricorda un celebre film con Shirley McLein, in cui due ballerine classiche, subito dopo il fortunato debutto, si trovano a un bivio della vita: una diventerà una celebre étoile, l'altra abbandonerà le scene mettendo su famiglia. Sogni, rimpianti, gioia e solitudine assicurati per entrambe.

 

 

 

Butterfly

Link to comment
Share on other sites

Dipende da cosa si intende per "successo". Per alcuni significa un numeroso consenso (magari anche economico), per altri il consenso delle persone intelligenti. Fosse anche una sola. O anche di quelle che ama.

 

Cara Butterfly,

 

hai ragione, il successo ha tanti lati da valutare. E' comunque la editoria letteraria che ha creato il termine "bestseller", quindi misura in vendite. La piccola casa editrice magari non avrà mai un vero bestseller nel catalogo, ma un successo, anche per loro, deve avere vendite per poter'esserene uno. La giustissima stima per un lavoro valido, amato dagli intelligenti e sensibile, ma un fallimento economico rimane comunque un insuccesso; magari non per sempre, se future generazione onorano il genio.

 

Quella tendenza di tener per buoni e di alta qualità solo lavori artistici, che non vendono e, in via di principio, ritenere meno validi quelli che hanno anche successo economico, è abbastanza diffuso nel mondo della musica, e anche in quello della chitarra. Io credo che sia meglio cercare di capire cos'è veramente che fa vendere invece di dire, come troppo spesso succede, "ha successo, ma non sa suonare" e lamentare l'ingiustizia. Aiuterebbe, forse, come si può fare ad avere un ritorno economico di lavoro artisticamente valido; è questo che dall'arte può fare una professione.

 

Scusate il terribile off-topic, ma cosa dovevo aggiungere dopo i commenti di Butterfly qui sopra? ;)

 

Neuland

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  238
  • Content Count:  1,196
  • Reputation:   0
  • Joined:  01/31/2006
  • Status:  Offline

Dipende da cosa si intende per "successo". Per alcuni significa un numeroso consenso (magari anche economico), per altri il consenso delle persone intelligenti. Fosse anche una sola. O anche di quelle che ama.

 

Cara Butterfly,

 

hai ragione, il successo ha tanti lati da valutare. E' comunque la editoria letteraria che ha creato il termine "bestseller", quindi misura in vendite. La piccola casa editrice magari non avrà mai un vero bestseller nel catalogo, ma un successo, anche per loro, deve avere vendite per poter'esserene uno. La giustissima stima per un lavoro valido, amato dagli intelligenti e sensibile, ma un fallimento economico rimane comunque un insuccesso; magari non per sempre, se future generazione onorano il genio.

 

 

Mi riferivo a specifiche pubblicazioni di questa casa editrice che, approdate al pubblico con non eccessiva quantità di vendite, sono poi stati ripubblicati riscuotendo consensi di critica (e di vendita) e diventando dei bestsellers.

 

Quella tendenza di tener per buoni e di alta qualità solo lavori artistici, che non vendono e, in via di principio, ritenere meno validi quelli che hanno anche successo economico, è abbastanza diffuso nel mondo della musica, e anche in quello della chitarra. Io credo che sia meglio cercare di capire cos'è veramente che fa vendere invece di dire, come troppo spesso succede, "ha successo, ma non sa suonare" e lamentare l'ingiustizia. Aiuterebbe, forse, come si può fare ad avere un ritorno economico di lavoro artisticamente valido; è questo che dall'arte può fare una professione.

 

Scusate il terribile off-topic, ma cosa dovevo aggiungere dopo i commenti di Butterfly qui sopra? ;)

 

Neuland

 

Mai affermato niente del genere. I commenti di Butterfly erano riferiti alla tua battuta:

 

Allora attenzione: se è un libro di un editore "di successo" potrebb'essere sospetto. Per alcuni qui, almeno per quanto riguarda certa musica di successo, sembra essere così. Buona lettura, cmq.

 

Ciao,

 

Neuland

 

 

Ciao ;)

 

 

 

Butterfly

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Admin
  • Topic Count:  1,016
  • Content Count:  3,763
  • Reputation:   424
  • Joined:  11/14/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Windows

Quella tendenza di tener per buoni e di alta qualità solo lavori artistici, che non vendono e, in via di principio, ritenere meno validi quelli che hanno anche successo economico, è abbastanza diffuso nel mondo della musica,

 

Ma perchè tutto deve essere intabellato dentro degli schemi? Non è un grafico o una statistica. Non si parla di andamento del gradimento.

 

Io credo che sia meglio cercare di capire cos'è veramente che fa vendere

 

E io credo che questa stramaledetta necessità di vendere, di piacere al pubblico e di avere successo intendendo per successo un numero X di CD venduti o di concerti fatti sia diametralmente opposta allo stesso concerto del fare arte.

 

Aiuterebbe, forse, come si può fare ad avere un ritorno economico di lavoro artisticamente valido; è questo che dall'arte può fare una professione.

 

Che tristezza, Neuland. Davvero trasformerebbe le sei corde in una specie macchinetta per fare soldi?

Pensa veramente che tutti coloro che suonano uno strumento lo facciano per finire a scimmiottare mezzo soggetto di una fuga (magari trascritta) da Maurizio Costanzo o per avere la propria faccia sull'Espresso?

 

Mi lasci dire, Neuland, che è fuori strada. E non di qualche metro.

Probabilmente non tiene conto di fattori che vanno oltre il denaro e che di questo se ne infischiano altamente.

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  29
  • Content Count:  657
  • Reputation:   0
  • Joined:  04/21/2006
  • Status:  Offline
  • Device:  Android

Qui si dovrebbe aprire un altro 3D dato che è un argomento molto interessante ma poco inerente al mio post iniziale. Che ne dite? ne parliamo?

Link to comment
Share on other sites

 

Quella tendenza di tener per buoni e di alta qualità solo lavori artistici, che non vendono e, in via di principio, ritenere meno validi quelli che hanno anche successo economico, è abbastanza diffuso nel mondo della musica, e anche in quello della chitarra. Io credo che sia meglio cercare di capire cos'è veramente che fa vendere invece di dire, come troppo spesso succede, "ha successo, ma non sa suonare" e lamentare l'ingiustizia. Aiuterebbe, forse, come si può fare ad avere un ritorno economico di lavoro artisticamente valido; è questo che dall'arte può fare una professione.

 

Scusate il terribile off-topic, ma cosa dovevo aggiungere dopo i commenti di Butterfly qui sopra? ;)

 

Neuland

 

Mai affermato niente del genere.

 

 

Ciao ;)

 

 

Butterfly

 

In effetti non volevo dire che lo abbia affermato: E' un mio pensiero e il tentativo di dare un motivo per la mia battuta, tutto qui.

 

Neuland ;)

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.