Jump to content
Nuovi CD di musica del XX e del XXI secolo

Studi di Composizione


Recommended Posts


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  29
  • Content Count:  282
  • Reputation:   0
  • Joined:  02/16/2006
  • Status:  Offline
  • Device:  Android

Salve a tutti, volevo chiedere a tutti i compositori presenti sul forum, e ovviamente a tutti coloro che vogliano dare il proprio contributo, quali libri sono più usati nel corso tradizionale di composizione, intendo libri di armonia, contrappunto, forma. Questo, per vedere un attimo dove orientare le scelte di acquisto, libri da acquistare ovviamente oltre ai testi indicati dal mio docente. Vi ringrazio in anticipo, un caro saluto.

 

Francesco

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  29
  • Content Count:  657
  • Reputation:   0
  • Joined:  04/21/2006
  • Status:  Offline
  • Device:  Android

Ne avevamo già parlato un pò di tempo fa, dai un'occhiata qua:

 

http://www.cristianoporqueddu.it/forumchitarraclassica/viewtopic.php?t=1198

 

Magari trovi quello che cerchi.

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  29
  • Content Count:  282
  • Reputation:   0
  • Joined:  02/16/2006
  • Status:  Offline
  • Device:  Android

grazie infinite ad entrambe, consigli esaustivi ;)

vi saluto, a presto :)

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  37
  • Content Count:  621
  • Reputation:   1
  • Joined:  12/19/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Di fuga conoscevo un trattato migliore del Dubois, che ha una traduzione veramente da brividi (non si capisce niente).

 

L'altro (di cui non ricordo il nome), era un po' prolisso (cento pagine solamente dedicate alla risposta del soggetto), ma valido.

 

Su armonia e contrappunto, consiglierei l'uso dei trattati francesi, i più severi.

 

 

Per Fabio: anche io ho deciso di raddoppiare le sensibili, e l'effetto fa davvero schifo.

:)

 

Per armonia, il Dubois è l'ideale, ma usa anche Mozart e Beethoven o i Corali di Bach.

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  37
  • Content Count:  621
  • Reputation:   1
  • Joined:  12/19/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

il compositore che non abbia coscienza delle potenzialità dell'informatica musicale e della musica "elettronica" è un mezzo compositore

Tipo Bach.

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  37
  • Content Count:  621
  • Reputation:   1
  • Joined:  12/19/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Secondo me, ognuno ha il diritto di intraprendere la strada che vuole, e di conseguenza anche i mezzi.

A me, per esempio, interessa molto di piu' la musica (sempre usando mezzi tecnologici) di Joe Zawinul rispetto a quella di Francesconi o Ugalberto de Angelis.

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  37
  • Content Count:  621
  • Reputation:   1
  • Joined:  12/19/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Che Dio ce la mandi bona!

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  37
  • Content Count:  621
  • Reputation:   1
  • Joined:  12/19/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Salve a tutti, volevo chiedere a tutti i compositori presenti sul forum, e ovviamente a tutti coloro che vogliano dare il proprio contributo, quali libri sono più usati nel corso tradizionale di composizione, intendo libri di armonia, contrappunto, forma. Questo, per vedere un attimo dove orientare le scelte di acquisto, libri da acquistare ovviamente oltre ai testi indicati dal mio docente. Vi ringrazio in anticipo, un caro saluto.

 

Francesco

 

Acquista subito "La composizione musicale" di Bruno Bettinelli edizioni Rugginenti. E' una guida allo studio con bibliografia ragionata.

Personalmente utilizzai per armonia

gli esercizi di Piston, e quelli de Il manuale di Armonia di De La Motte ed.La Nuova Italia.

contrappunto lo studiai sul trattato di contrappunto e fuga di Dubois Editore Ricordi,

La tecnica del contrappunto vocale nel Cinquecento di Dionisi Zanolini ed. Suvini e Zerboni e

La tecnica del contrappunto strumentale nell'epoca di Bach sempre Suvini e Zerboni

Analisi del repertorio partii dalla Northon anthology di Palisca Norton-Anthology-Western Musica vol 1 e 2

Orchestrazione dal già citato Casella Mortari moltissimi testi dedicati ai singoli strumenti...

tutto questo naturalmente è solo l'inizio di quello che dovrebbe essere un costante apprendistato, che pian piano si stacca dai testi della tradizione per arrivare al proprio testo

...come fare per comporre lo si può insegnare, cosa comporre no...ma anche "cosa" comporre, può essere alimentato dalle suggestioni, emozioni e sentimenti che questo bel mondo ti suggerisce...allora probabilmente solo ad un certo punto, troverai più utile osservare e osservarsi che leggere di stantie regolette...comincerai a farti le tue, di regole, magari in barba a tutto ciò che di bello è stato già detto e teorizzato dogmaticamente in campo compositivo...

non dimenticare le numerose risorse online...non so se avevo già postato, a proposito di orchestrazione Rimsky-Korsakov.html...

non dimenticare...l'interprete è il miglior amico del compositore (in ambito chitarristico raramente accade il contrario), insieme alle partiture dei Grandi.

Purtroppo il De la Motte non lo ristampano più...

Era il manuale migliore, almeno si capiva perchè Beethoven era classico e non romantico.

Link to comment
Share on other sites

  • 1 year later...

  • Group:  Membri
  • Topic Count:  29
  • Content Count:  282
  • Reputation:   0
  • Joined:  02/16/2006
  • Status:  Offline
  • Device:  Android

vorrei riprendere l'argomento, per chiedere una cosa che mi tormenta....

 

ieri camminavo per Bari in direzione del Conservatorio e sono passato in un negozio di musica, e il mio occhio è caduto sul trattato di Armonia e Composizione di Beethoven; sconvolto, ho chiesto di visionarlo, e ho deciso di comprarlo, ma non avendo molti soldi con me, ho rinviato. Nel frattempo ho cercato informazioni ma pare che nessuno lo usi. E' davvero strano, un così grande Maestro, trascurato. Come è possibile?

 

Francesco

Link to comment
Share on other sites

Guest Nicola Mazzon

Purtroppo il De la Motte non lo ristampano più...

Era il manuale migliore, almeno si capiva perchè Beethoven era classico e non romantico.

 

Il De la Motte è ristampato eccome, visto stamattina.

Link to comment
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.