Jump to content
Nuovi CD di musica del XX e del XXI secolo

Specialisti della mano dei musicisti


Antonio
 Share

Recommended Posts


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  33
  • Content Count:  289
  • Reputation:   0
  • Joined:  12/11/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Windows

Salve e buonasera a tutti.

Un mio amico studente di chitarra da un paio di anni, tre mesi fa all'incirca, in seguito all' eccessivo sforzo della mano sinistra su di una posizione prevista da un brano per chitarra (quantomeno egli sostiene che cominciò a provar dolore proprio in seguito a questo episodio), cominciò a provar un dolore molto acuto collocato nella falange dell'anulare, grosso modo laddove inizia il palmo della mano. Il dolore ovviamente si accentuava ogni qualvolta tentava di riprendere in mano lo strumento per studiare. Osservando che giorno dopo giorno il dolore non diminuiva, si rivolse ad un chirurgo della mano della zona, il quale gli diagnosticò una tenovaginalite, e non una tendinite diversamente da quello che ci si aspettava. A quanto mi ha detto l'amico, però, l'infiammazione gli è stata diagnosticata senza fare alcun esame, analisi, accertamento, ecc., e anzi il dottore gli fornì anche una cura (adesso non ricordo in cosa consistente nello specifico). Il giovane, al termine della cura, aveva percepito solo piccolissimi, insignificanti giovamenti. Dopo ancora qualche tempo, sperando invano che il riposo risolvesse il problema, decise di fare di sua spontanea volontà delle analisi specifiche, ecografie, radiografie, ecc, per quantomeno constatare la presenza o meno di qualche anomalia. Nelle analisi non è uscito nulla, proprio nulla, ma lui ad oggi, dopo 3 mesi, sostiene di avvertire ancora fastidio nel movimento (però almeno ammette che rispetto agli inizi, tre mesi prima, è molto migliorato, nel senso che riesce meglio a muoversi sulla tastiera della chitarra, mentre agli inizi neanche poteva appoggiarvi l'anulare sulla tastiera). Quindi il ragazzo si chiede, data l'assenza di risultati nelle analisi, se l'impulso del dolore abbia inizio altrove collocandosi poi nella falange dell'anulare sinistro, e che magari ciò sia dovuto non ad un problema specifico della mano, ma ad esempio alla postura, alla spina dorsale, ecc.

 

L'amico m'ha gentilmente chiesto di aiutarlo nel trovare qualche specialista nella zona (ma addirittura dice che sarebbe addirittura disponibile a spostarsi in ogni dove purchè riesca a risolvere questo problema molto fastidioso) e così mi sono rivolto a voi. Conoscete qualche buon specialista all'interno del territorio campano ? Come detto, sono graditissimi anche consigli su eventuali specialisti non propriamente campani.

Non so se sia lecito citare nomi e cognomi qui su di un forum, magari chi volesse aiutarci, potrebbe inviarmi un pm con le informazioni.

 

Un grazie a tutti.

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  35
  • Content Count:  417
  • Reputation:   78
  • Joined:  01/08/2007
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Ritengo utile citare un nome che tra i musicisti del nord Italia è molto noto: Renzo Mantero, di Savona.

So che non è propriamente vicino alla Campania, ma mi dicono essere un chirurgo molto bravo nel suo settore.

Il sito web è: http://www.chirurgiamanomantero.it

Inoltre, a Modena, esiste un centro specializzato in chirurgia della mano, ma al momento non ricordo gli estremi: mi riservo di chiedere ulteriori informazioni e comunicartele.

 

Spero questo possa essere di qualche aiuto per il tuo allievo.

 

EB

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  238
  • Content Count:  1,196
  • Reputation:   0
  • Joined:  01/31/2006
  • Status:  Offline

La tenovaginalite è una infiammazione che interessa sia il tendine che la guaina sinoviale, determinando un'alterata produzione di liquido sinoviale e una dolorosa limitazione funzionale dell'articolazione. Rientrano in questa definizione piu' ampia anche la sindrome del tunnel carpale e la malattia di De Quervain.

Gli esami e le diverse indagini possono variare a seconda che l'insorgenza del dolore abbia una causa microtraumatica o da sovraccarico.

 

Purtroppo talvolta queste patologie non vengono affrontate con la sperata celerità e ricchezza di indagini cliniche, anche perchè oltre ad essere di complessa definizione, non tutti i chirurghi della mano conoscono in maniera specifica i problemi dei musicisti e la necessità (anche in termini psicologici) di una rapida ripresa funzionale, possibilmente ad integrum.

Anche se in caso di un improvviso dolore articolare, il il riposo è sempre buona prassi, credo di poter affermare (pur non essendo medico), che sarebbe auspicabile un approccio multidisciplinare, mirato ad elaborare un piano personalizzato di cura, sia medica che fisioterapica (se non chirurgica), evitando il rimbalzo del paziente da uno specialista ad un altro o, peggio ancora, il "fai da te" degli esami diagnostici (frutto anche dei tempi di attesa decisamente inacettabili quando si ha una patologia in fase acuta).

Una nevrite ulnare, diagnosticatami con quasi un anno di ritardo e curata maldestramente, provocò l'interruzione definitiva degli studi musicali.

Quindi capisco bene il tuo amico.

 

Il medico che ti suggerisce Ermanno Brignolo opera attualmente in una struttura privata, dopo aver diretto per molti anni il Centro di Chirurgia della mano dell'Ospedale Civile "San Paolo" di Savona, presso la quale i suoi collaboratori ed ex allievi continuano l'attività in regime di SSN.

 

Aggiungo (salvo rimozione da parte dei moderatori) anche il nominativo del dott. Pierluigi Tos, direttore del Centro di Chirurgia della Mano dell'Ospedale Civile di Torino, chirurgo della mano e pianista, studioso dei problemi articolari dei musicisti. Qui si può leggere un suo articolo su La sindrome da sovraccarico nei musicisti strumentisti

 

Esiste inoltre un sito del Gruppo Medart: medicina per gli artisti di Imola, che oltre a raggruppare uno staff di specialisti, organizza annualmente un convegno dedicato alle patologie dei musicisti.

 

Un'altro centro di Chirurgia della mano che si occupa di musicisti si trova all'Ospedale Civile di Firenze - Careggi: in un servizio trasmesso un anno fa dalla RAI venne presentato proprio il caso di un chitarrista.

 

In tutti i grandi ospedali italiani esiste ormai un centro di chirurgia della mano: la cosa piu' difficile è trovare uno specialista che sappia davvero approcciare nel modo migliore i problemi specifici dei musicisti, con la stessa tenace pazienza che, purtroppo, è richiesta al paziente.

 

Se è inevitabile che chi fa della musica il proprio lavoro sia esposto con maggiore facilità alle patologie della mano e a quelle dovute alle ore di studio in una postura forzata, tanto piu' è importante non solo riuscire a risolvere i diversi disturbi, ma anche imparare a mantenere la corretta postura, prevenendo l'insorgenza di nuove patologie o migliorando il decorso di quelle eventualmente presenti.

Auguri.

 

 

 

Butterfly

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  2
  • Content Count:  5
  • Reputation:   0
  • Joined:  09/25/2007
  • Status:  Offline

ciao

 

saluto butterfly con la quale ha già avuto la possibilità di parlare e so che è persona competente.

anche io ho un problema simile ed ho trovato disponibile, cauto e competente il professore Passaretti direttore dell'unità di chirurgia della mano dell'ospedale Pellegrini di Napoli.

Penso che essendo campano il tuo amico sarà più facile raggiungerlo.

Comunque per la risoluzione di questi problemi ci vuole in genere molto tempo e pazienza.

Auguri

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  33
  • Content Count:  289
  • Reputation:   0
  • Joined:  12/11/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Windows

Beh ragazzi non so proprio come ringraziarvi. Ho già rigirato le preziose informazioni raccolte fino ad oggi al mio amico ( non allievo ! :D ) che è rimasto entusiasta e ve n'è molto grato.

 

Non so se esista già, ma qualora non fosse così, sarebbe utilissimo secondo me creare una lista di tutte le strutture sparse per l'Italia che si occupano dei problemi sanitari legati ai musicisti. Cosa ne pensate ?

Link to comment
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.