Jump to content
Nuovi CD di musica del XX e del XXI secolo

Grande Sonata in La Maggiore, Niccolò Paganini


 Share

Recommended Posts


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  6
  • Content Count:  49
  • Reputation:   0
  • Joined:  02/19/2006
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Nella battuta 99 del primo tempo c'è un passaggio che ho trovato particolarmente difficile. Avendo pollice e indice impegnati nel suonare i bassi, non riesco a eseguire la sequenza la-sol-fa-mi-re-do a tempo, con i soli anulare e medio. Potete consigliarmi qualche esercizio tecnico specifico o, eventualmente, una diteggiatura alternativa?

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  89
  • Content Count:  2,241
  • Reputation:   100
  • Joined:  11/24/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Nella battuta 99 del primo tempo c'è un passaggio che ho trovato particolarmente difficile. Avendo pollice e indice impegnati nel suonare i bassi, non riesco a eseguire la sequenza la-sol-fa-mi-re-do a tempo, con i soli anulare e medio. Potete consigliarmi qualche esercizio tecnico specifico o, eventualmente, una diteggiatura alternativa?

 

Semplifichi il passaggio, eliminando l'ultimo "mi" delle ultime due quartine dell'accompagnamento e trasformando il "la" precedente da semicroma in croma. Armonicamente non cambia nulla, ritmicamente nemmeno, è solo una ridondanza scritturale per la quale non vale la pena di spendere tempo, anche perché, se il passo non riesce dopo dieci minuti di tentativi, non riuscirà mai.

 

dralig

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  6
  • Content Count:  49
  • Reputation:   0
  • Joined:  02/19/2006
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Ho provato a fare come suggerisce ed, effettivamente, senza suonare l'ultimo mi e suonando il dodiesis con l'indice il passaggio risulta più scorrevole, ma non riesco comunque a reggere il tempo che mi ero prefissato. Peraltro, ho notato che nella versione di Chiesa è suggerita anche la possibilità di eseguire la sequenza dal la al dodiesis eliminando del tutto l'accompagnamento del basso. Se non dovessi riuscire a raggiungere la velocità desiderata lei ritiene preferibile, nell'esecuzione, semplificare del tutto il passaggio, o suonarlo com'è scritto (magari senza l'ultimo mi) rallentando leggermente?

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Admin
  • Topic Count:  1,016
  • Content Count:  3,633
  • Reputation:   227
  • Joined:  11/14/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Windows

Niente rallentando, enzo. E' un momento dove l'ostinazione della linea del basso deve contrapporsi alla cantabilità della voce superiore ma questo non deve avvenire con dilatazioni del tactus.

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  6
  • Content Count:  49
  • Reputation:   0
  • Joined:  02/19/2006
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Niente rallentando, enzo. E' un momento dove l'ostinazione della linea del basso deve contrapporsi alla cantabilità della voce superiore ma questo non deve avvenire con dilatazioni del tactus.

 

Ti ringrazio per il consiglio (mi permetto di darti del tu). Effettivamente, anche all'ascolto, un rallentando mi sembra avere davvero poco senso.

Link to comment
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.