Jump to content
Nuovi CD di musica del XX e del XXI secolo

Sonate per chitarra di Ferdinando Carulli


Guest Enzo Rossi
 Share

Recommended Posts

Guest Enzo Rossi

vorrei trovare delle "sonate per chitarra sola" di Carulli, non ho per niente le idee chiare in proposito se non che dovrebbero chiamarsi più o meno così.
ringrazio chi potrà aiutarmi
ciao

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  89
  • Content Count:  2,241
  • Reputation:   100
  • Joined:  11/24/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

vorrei trovare delle "sonate per chitarra sola" di carulli, non ho per niente le idee chiare in proposito se non che dovrebbero chiamarsi più o meno così.

ringrazio chi portà aiutarmi

ciao

 

 

Nel volume "Oeuvres choisies" pubblicato da Minkoff (ristampa delle edizioni d'epoca) troverà:

 

Trois Sonatines op. 7

Grande Sonate op. 16

Les Amours d'Adonis et Vénus, Sonate sentimentale op. 42

 

Da Suvini Zerboni troverà:

 

Tre Sonate op. 21

 

dralig

Link to comment
Share on other sites

Guest Piero Viti
vorrei trovare delle "sonate per chitarra sola" di Carulli, non ho per niente le idee chiare in proposito se non che dovrebbero chiamarsi più o meno così.

ringrazio chi potrà aiutarmi

ciao

 

Della "Grande Sonata" op.16 di Carulli esiste anche una mia revisione in edizione moderna pubblicata dalle Edizioni Eurarte - Varenna (Lecco).

 

Saluti

Piero Viti

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  89
  • Content Count:  2,241
  • Reputation:   100
  • Joined:  11/24/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

vorrei trovare delle "sonate per chitarra sola" di Carulli, non ho per niente le idee chiare in proposito se non che dovrebbero chiamarsi più o meno così.

ringrazio chi potrà aiutarmi

ciao

 

Della "Grande Sonata" op.16 di Carulli esiste anche una mia revisione in edizione moderna pubblicata dalle Edizioni Eurarte - Varenna (Lecco).

 

Saluti

Piero Viti

 

Scusami Piero, ignoravo questa tua performance in veste di revisore. Abituato a leggere le tue ponderate recensioni dei lavori altrui, non me l'aspettavo. Come diceva Massimo Mila di un collega, sei passato dalla parte dei critici a quella dei criticabili.

 

dralig

 

PS Non avendo ancora letto la tua edizione dell'op. 16 mi domando se tu abbia rilevato il piccolo plagio che, nella Sonata in questione, Carulli ha commesso ai danni di Giuliani. Suppongo che non ti sia sfuggito.

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Admin
  • Topic Count:  1,016
  • Content Count:  3,633
  • Reputation:   227
  • Joined:  11/14/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Windows

PS Non avendo ancora letto la tua edizione dell'op. 16 mi domando se tu abbia rilevato il piccolo plagio che, nella Sonata in questione, Carulli ha commesso ai danni di Giuliani. Suppongo che non ti sia sfuggito.

 

In quale parte del brano?

Link to comment
Share on other sites

Guest Piero Viti
vorrei trovare delle "sonate per chitarra sola" di Carulli, non ho per niente le idee chiare in proposito se non che dovrebbero chiamarsi più o meno così.

ringrazio chi potrà aiutarmi

ciao

 

Della "Grande Sonata" op.16 di Carulli esiste anche una mia revisione in edizione moderna pubblicata dalle Edizioni Eurarte - Varenna (Lecco).

 

Saluti

Piero Viti

 

Scusami Piero, ignoravo questa tua performance in veste di revisore. Abituato a leggere le tue ponderate recensioni dei lavori altrui, non me l'aspettavo. Come diceva Massimo Mila di un collega, sei passato dalla parte dei critici a quella dei criticabili.

 

dralig

 

PS Non avendo ancora letto la tua edizione dell'op. 16 mi domando se tu abbia rilevato il piccolo plagio che, nella Sonata in questione, Carulli ha commesso ai danni di Giuliani. Suppongo che non ti sia sfuggito.

 

Caro dralig,

ho sospettato che ci fosse qualcosa alla Giuliani specialmente nel Rondò o in qualche sezione del 1° movimento, ma sinceramente non ho approfondito: ti sarei grato se mi indicassi l'episodio plagiato!

 

Grazie

Saluti

Piero

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  89
  • Content Count:  2,241
  • Reputation:   100
  • Joined:  11/24/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

 

 

 

Caro dralig,

ho sospettato che ci fosse qualcosa alla Giuliani specialmente nel Rondò o in qualche sezione del 1° movimento, ma sinceramente non ho approfondito: ti sarei grato se mi indicassi l'episodio plagiato!

 

Grazie

Saluti

Piero

 

Il primo episodio dell'Allegro nella Sonata di Carulli ("La chasse commence") è evidentemente la Variazione XI dell'op. 47 di Giuliani (Variazioni facili su un'aria nazionale austriaca). Per sapere chi, tra i due, ha derubato l'altro, basta valutare la congruenza del passo in questione nei rispettivi contesti. Anni fa, avevo segnalato questo furtarello in altra sede, e l'amico e collega Dell'Ara aveva preso le parti di Carulli. Figuriamoci. Fritz, porti via questo fagiano, è disgustosamente salato.

 

 

dralig

Link to comment
Share on other sites

Guest Piero Viti

 

 

 

Caro dralig,

ho sospettato che ci fosse qualcosa alla Giuliani specialmente nel Rondò o in qualche sezione del 1° movimento, ma sinceramente non ho approfondito: ti sarei grato se mi indicassi l'episodio plagiato!

 

Grazie

Saluti

Piero

 

Il primo episodio dell'Allegro nella Sonata di Carulli ("La chasse commence") è evidentemente la Variazione XI dell'op. 47 di Giuliani (Variazioni facili su un'aria nazionale austriaca). Per sapere chi, tra i due, ha derubato l'altro, basta valutare la congruenza del passo in questione nei rispettivi contesti. Anni fa, avevo segnalato questo furtarello in altra sede, e l'amico e collega Dell'Ara aveva preso le parti di Carulli. Figuriamoci. Fritz, porti via questo fagiano, è disgustosamente salato.

 

 

dralig

 

...temo che stiamo parlando di due brani differenti.

 

Angelo, credo che tu ti riferisca alla Sonata op.16 [a] (secondo la classificazione di Mario Torta, anche se sulla copertina originale è segnata come op.42!), Sonate Sentimentale (Gli Amori d'Adone e Venus), mentre la Sonata che io ho revisionato è la Grande Sonate op.16 .

Quest'ultima ha una struttura più classica ed equilibrata, scritta con buon mestiere ed un'inventiva 'abbastanza "fresca" (bello il secondo movimento in perfetto stile "napoletano"), anche se non mancano alcuni luoghi comuni strumentali che a tratti (ed erano quelli a cui mi riferivo) suonano "alla Giuliani".

Nella Sonate Sentimentale, il passaggio da te indicato rappresenta, invece, uno schiacciante caso di plagio, ed hai perfettamente ragione nell'averlo riconosciuto!

Io propendo per il furto da parte di Carulli (la variazione di Giuliani calza bene con il tema, anche se il contesto armonico è alquanto banale e sovrapponibile a tante altre situazioni!).

 

Saluti

Piero

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  89
  • Content Count:  2,241
  • Reputation:   100
  • Joined:  11/24/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

 

...temo che stiamo parlando di due brani differenti.

 

 

Allora, anziché temerne, dobbiamo rallegrarcene!

 

Angelo, credo che tu ti riferisca alla Sonata op.16 [a] (secondo la classificazione di Mario Torta, anche se sulla copertina originale è segnata come op.42!), Sonate Sentimentale (Gli Amori d'Adone e Venus), mentre la Sonata che io ho revisionato è la Grande Sonate op.16 .

Quest'ultima ha una struttura più classica ed equilibrata, scritta con buon mestiere ed un'inventiva 'abbastanza "fresca" (bello il secondo movimento in perfetto stile "napoletano"), anche se non mancano alcuni luoghi comuni strumentali che a tratti (ed erano quelli a cui mi riferivo) suonano "alla Giuliani".

Nella Sonate Sentimentale, il passaggio da te indicato rappresenta, invece, uno schiacciante caso di plagio, ed hai perfettamente ragione nell'averlo riconosciuto!

Io propendo per il furto da parte di Carulli (la variazione di Giuliani calza bene con il tema, anche se il contesto armonico è alquanto banale e sovrapponibile a tante altre situazioni!).

 

Saluti

Piero

 

Prima di andare a Parigi, Carulli fece una capatina esplorativa a Vienna, nel 1806, giusto in tempo, io credo, per constatare che la piazza era appena stata occupata da un giovane "napoletano", non verace, qual era lui, Carulli, bensì arioso, cioè proveniente da una delle provincie del Regno. E questi, oltre a comporre e a suonare da dio, passava pure, agli occhi della critica, per una sorta di Antinoo - a quell'epoca la Germania e l'Austria andavano matte per tutto ciò che proveniva dai luoghi scavati da Winckelmann. Questa fu, a mio giudizio, l'ottima ragione che indusse don Ferdinando - che a quell'epoca aveva già una ventina di chili di troppo rispetto a un Antinoo - a far vela per Parigi, dove tirava un'aria più respirabile.

 

dralig

Link to comment
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.