Jump to content
Nuovi CD di musica del XX e del XXI secolo

Chitarra Carlevaro


Guest darkdragon
 Share

Recommended Posts

Guest darkdragon

Guardando alcuni video di Carlevaro su youtube non ho potuto fare a meno di rimanere particolarmente attratto dalla sua chitarra che non ha il classico foro al centro...mi è parso di capire che vi sia una fessura che circonda la tavola armonica, ma non ho capito bene quale tipo di vincolo porti con il resto della struttura.

Mi piacerebbe sapere quale tipo di diffusione ha avuto questo particolare ingegno, e su quali principi è stato costruito (ed eventualmente se qualcuno la utilizza). Spero che lo spunto di discussione non sia fuori luogo

Grazie!

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  13
  • Content Count:  73
  • Reputation:   1
  • Joined:  03/17/2008
  • Status:  Offline

Abel Carlevaro è stato un chitarrista che per tutta la vita ha cercato di risolvere quesiti o aspetti del nostro strumento attraverso la logica. Nella fattispecie, egli ideò un sistema di costruzione basato sulla cosiddetta "pompa sonora" ovvero attraverso la compressione dell'aria. Il "meccanismo" di ciò ovviamente trova ben più ampie velleità fisiche, peraltro a tutt'oggi ancor da dimostrare. Qesta chitarra vide il proprio battesimo ad Hedelberg durante un concerto dello stesso Carlevaro nel 1982. La costruzione, dopo vari ma inutili tentativi con alcuni liutai americani, fu affidata/accettata da Contreras, che ne produsse un certo numero.

Link to comment
Share on other sites

Guest darkdragon
Ecco la spiegazione dal maestro stesso (in spagnolo, con traduzione in giapponese, se dovesse risultare più facilmente comprensibile ;)).

 

 

comunque sia per me è...arabo....avevo trovato il video ma naturalmente non ci ho capito nulla. c'è qualche italiano che l'ha utilizzata - o la utilizza- ?

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  10
  • Content Count:  269
  • Reputation:   0
  • Joined:  04/24/2007
  • Status:  Offline

Se qualcuno di voi non capisce lo spagnolo ditemelo che posso tradurvelo.

Link to comment
Share on other sites

comunque sia per me è...arabo....avevo trovato il video ma naturalmente non ci ho capito nulla. c'è qualche italiano che l'ha utilizzata - o la utilizza- ?

 

Non conosco nessuno, che utilizzi una Contreras/Carlevaro. Neanche il maestro stesso la usava sempre: l'ho sentito suonare in concerto pochi anni prima della sua morte - teneva una masterclass in Svizzera, dove partecipavo anch'io - ma utilizzava una chitarre delle sembianze tradizionali.

 

Per quanto ho sentito dire - che è quindi del tutto inompleto e poco affidabile come informazione - si tratta di uno strumento a doppia fascia: saranno due scatole, di cui la inferiore più grande contiene la più piccola con la tavola armonica. sono incollati una sull'atra, ma non saprei come esattamente... Qualchè liutaio nei paraggi può darci delucodazioni?

 

Saluti, Neuland

Link to comment
Share on other sites

Guest Nicola Mazzon

Non conosco nessuno, che utilizzi una Contreras/Carlevaro.

Io pensavo ci fosse un unico esemplare, ma come tutti gli esperimenti, avrà buonissimi risultati con altrettanti problemi di suono (qualità) in più rispetto a quelle di "stampo" classico.

Link to comment
Share on other sites

Guest darkdragon

Mi sembra anche che abbia una struttura anatomicamente studiata. Probabilmente non si è avuto modo di continuare a migliorarla, o richiede troppi accorgimenti per farla suonare bene, oppure si tratta semplicemente di un flop?

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  13
  • Content Count:  73
  • Reputation:   1
  • Joined:  03/17/2008
  • Status:  Offline

Il mio ricordo va ai primi anni '80. Frequentavo annualmente un corso di perfezionamento ad Heidelberg (Germania) e fu lì che Carlevaro presentò la chitarra. Da ventenne (circa), e come tutti i giovani "affamati" di notizie chitarristiche pressavo sistematicamente il Maestro per capire, conoscere, sapere: ovviamente per me era un mito. Le notizie che egli mi diede della chitarra furono queste: in Uruguay egli aveva compiuto studi di acustica con un ricercatore suo amico e dilettante di chitarra. Dopo anni Carlevaro si convinse di alcuni principi circa la compressione del suono e per questo ideò un modello che in seguito - qualche esperto liutaio- avrebbe costruito e migliorato. Ebbe l'idea quindi e non le "misure" o gli "spessori" del legno e materiali. La mia impressione fu quella che la costruzione dello strumento da parte di Contreras non rispecchiasse i suoi canoni di aspettative, ma nonostante ciò difese il risultato otenuto tanto da incidere con quella chitarra un disco "Carlevaro plays Carlevaro". Alcuni suoi allievi la adottarono forse per eccessiva fiducia o "figlianza" con il maestro In seguito, dopo la sua morte lo strumento non fu quasi più suonato anche se- credo - che Conrtreras continui a mantenerlo nel catalogo (PS: ad un prezzo fuori mercato)

Giorgio Tortora

Link to comment
Share on other sites

  • 1 year later...

  • Group:  Membri
  • Topic Count:  0
  • Content Count:  3
  • Reputation:   0
  • Joined:  06/12/2009
  • Status:  Offline

Ciao.

Io ho una Chitarra Modelo Carlevaro. Costruita dal liutaio Luis Eduardo Miranda di Montevideo, Uruguay. È una chitarra da vero bellissima, e mi fa piacere suonarla.

http://www.guitarrasmiranda.net

Link to comment
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.