Jump to content

Consigli per audio-recording con due microfoni


opocaJ

Recommended Posts


  • Group:  Members
  • Topic Count:  11
  • Content Count:  74
  • Reputation:   0
  • Joined:  01/05/2009
  • Status:  Offline
  • Device:  Android

Salve!!! volevo chiedere qualche dritta per i microfoni e la loro locazione in studio...devo premettere che in questo studio non si registra musica classica, ma dato che posso approfittare di una produzione artistica con un gruppo, perche no? so solo che a disposizione c'è un microfono Neumann che è buonissimo (per lo meno per la chitarra acustica) e qualche altro oggettino di buona qualità. Registrerei in una stanza ben insonorizzata ma non credo che il riverbero sia molto presente, ad ogni modo, è meglio abbandonare l'idea, o posso provare? quanti microfoni?quali? mando in anticipo tante grazie a chi avrà voglia di rispondere...

Link to comment
Share on other sites

Guest Neuland

Non ho capito bene: registrerai solo te o farai una traccia per una produzione di un gruppo?

 

Se suoni una traccia: con un solo microfono puo andare bene: registrerai una traccia mono, che nel mixing sarà, come suono finale, adatto alle circostanze sonore del grupo.

 

Se registri solo te con la chitarra classica: la registrazione mono con un solo microfono è un pò povero come risultato sonoro; meglio captare almeno due segnali con due microfoni. Visto che ti troverai in un ambiente secco forde proverei con un mic direzionato un pò dall'alto leggermente a sinistra della buca (non sulla buca, che porta troppi bassi) e il secondo direzionato sulla tastiera trail VIII e XII tasto. Così hai due segnali di qualità sonora distinta che si mescola poi a piacere. Altrimenti prova la stereofonia con un piccolo AB (due mics a distanza di 20-30 centimetri tra di loro e distante 60 cm dalla chitarra).

 

Meglio avere tempo per provare la microfonia ottimale, così non si deve cercare di ricreare il suono desiderato con il mixing e gli effetti (tecnici della muscia pop/rock tendono a fare questo).

 

Saluti, Neuland

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Members
  • Topic Count:  35
  • Content Count:  476
  • Reputation:   8
  • Joined:  11/21/2005
  • Status:  Offline

Non sono un tecnico di registrazione, ma ho un po' di esperienza diretta.

 

Assumendo che lo scopo sia una registrazione solistica di chitarra classica, probabilmente il modo più classico e affidabile è quello suggerito da Neuland quando parla di "stereofonia".

I due microfoni impiegati, in questo caso, devono essere dello stesso tipo, ed esistono anche supporti per asta fatti in modo che i due microfoni vengano posizionati ad una distanza conveniente tra loro.

 

Se, come mi sembra di aver capito, non c'è una coppia di microfoni uguali, consiglio di sperimentare la tecnica stereo che si chiama Mid-Side recording, che è descritta anche qui:

 

http://www.uaudio.com/webzine/2005/december/text/content4.html

 

In questo modo si può usufruire di una tecnica stereofonica classica anche usando due microfoni diversi, dei quali almeno uno deve poter avere la possibilità di registrare con la polarità chiamata "figura ad otto", mentre l'altro può essere un normale microfono direzionale (cardioide).

 

L'elemento più problematico forse è la mancanza di riverbero dello studio descritto da opocaj, ma sicuramente vale la pena di fare qualche tentativo, il riverbero si può provare ad aggiungerlo dopo.

La Mid- Side secondo me dovrebbe prendere un po' più di "ambiente" rispetto alla tecnica dei due microfoni paralleli AB.

 

Auguri

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Members
  • Topic Count:  14
  • Content Count:  255
  • Reputation:   9
  • Joined:  12/08/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

le migliori registrazioni di chitarra che abbia mai ascoltato sono quelle effettuate da Lucio Matarazzo

di seguito un link ad una discussione

 

http://www.cristianoporqueddu.it/forumchitarraclassica/viewtopic.php?t=

Ciao Fabio e grazie dei complimenti!

 

Nel 3D di cui hai segnato il link elenco quali sono i "mezzi" con cui ho registrato e registro, anche se ora che ho cominciato ad interessarmi ai video le cose si sono leggermente complicate.

 

Purtroppo ogni discussione in merito però risulta alquanto vana se non si conosce l'ambiente dove la registrazione viene effettuata e le sue caratteristiche acustiche (spazi, distanze tra pareti, materiale alle pareti e relativi rivestimenti, materiale del pavimento, etc.).

 

Di solito gli studi di registrazione dove si registrano in prevalenza altri generi di musica hanno tutti una caratteristica molto precisa: "ambiente" quanto più assorbente e "separato" possibile.

Questo perché la musica, che per brevità chiamerò genericamente "elettrica", segue protocolli di registrazione e di mixing (con elaborazioni varie) completamente diversi dalla musica acustica, per non dire di quella che, anche qui genericamente, chiamiamo classica.

Ciò spiega anche il perché si ricerchi un segnale quanto meno possibile influenzato dall'ambiente.

 

Nella musica acustica invece l'ambiente gioca un ruolo essenziale nella registrazione dei suoni. Non a caso i più moderni riverberi software detti a "convoluzione" si basano su algoritmi che riproducono proprio ambienti reali, dalle sale agli auditorium, alle cattedrali, etc. più interessanti ed importanti, o altri ambienti per usi diversi, soprattutto per quanto riguarda le sonorizzazioni dei video dei film.

 

In ultima analisi, tenendo presenti alcuni criteri generali o tecniche (quelle citate da Neuland o da Piero vanno benissimo, anche se sono diverse da quelle che uso io) per avere una buona registrazione bisogna provare, provare, provare...... ;)

 

LuM

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Members
  • Topic Count:  11
  • Content Count:  74
  • Reputation:   0
  • Joined:  01/05/2009
  • Status:  Offline
  • Device:  Android

Sono d'accordo con Lei Lucio, e sono consapevole dell'influenza totale dell'ambiente nella musica acustica, lo sono altrettanto del fatto che lo studio dove si suole fare(e dove faccio) del rock non hanno niente a che vedere con gli auditorium e quant'altro. Ad ogni modo avvo chiesto qualche consiglio solamente perchè avevo l'opportunità di sfruttare uno studio, un bel paio di microfoni etc... perchè si sa quanto la registrazione sveli le pecche tecniche od espressive, e sono desideroso di sentire se qualcosa di "carino" esce dalle mie mani...non ambisco certo di registrare in modo professionale, sono sempre un pivello, è solo, ripeto, per vedere quante cose ancora non vanno. Grazie mille per i consigli dettagliati!

Link to comment
Share on other sites

alcuni criteri generali o tecniche (quelle citate da Neuland o da Piero vanno benissimo, anche se sono diverse da quelle che uso io)

 

Sarebbe chiesto troppo se volessimo avere qualche informazione in più rispetto ai tuio criteri? Non è che dai lezioni anche in quell'arte della registrazione?

 

Molto curioso,

 

Neuland

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.