Jump to content

Riflessioni dopo due concerti per le scuole


Piero Bonaguri

Recommended Posts


  • Group:  Members
  • Topic Count:  35
  • Content Count:  476
  • Reputation:   8
  • Joined:  11/21/2005
  • Status:  Offline

Oggi pomeriggio ho scritto questa mail ad un po' di allievi, exallievi, colleghi...non vedo nulla di male nel girarla anche al Forum

 

 

 

Cari allievi, exallievi, amici (fate un po' voi!...),

 

Vi scrivo ancora con l'impressione viva di quanto mi è successo

stamattina ad Urbino, dove ho tenuto due brevi incontri - concerto con

alcune classi (medie superiori ed inferiori).

La cosa era nata quasi casualmente da un'amica insegnante di Urbino

dell'associazione di aiuto allo studio PortoFranco che ha pensato di coinvolgermi in un

progetto educativo (riguardante il "dono di sè" ed il volontariato!)

per... illustrare le figure di Segovia e della pianista russa Judina!

 

Non sono nuovo a tenere incontri per le scuole, ma l'argomento era nuovo

ed anche abbastanza originale...

Da un lato mi sentivo "preparato" perché l'imbattermi recente nella

figura della Judina sta evidenziando una sintonia con il percorso di

approccio alla musica che ho fatto in questi anni, nel quale certo la

figura di Segovia è stata fondamentale. Avevo quindi in mente, più o

meno, alcune cose che volevo dire ed alcune cose che volevo suonare, ma

la scaletta dell'incontro l'avevo lasciata volutamente aperta, e

l'esito non era scontato. E poi, con gruppi di età così diverse! Uno di

maturandi e l'altro di seconda media! E se non stavano zitti, e se si

stufavano...?

Avevo almeno chiesto di dividerli per età, facendo due incontri al

prezzo di uno (beh, visto che era sul dono di sé, almeno un metà prezzo

ci stava...).

 

La sorpresa è stata l'impatto con due gruppi di ragazzi attentissimi,

sia a quello che dicevo che all'ascolto della musica. D'accordo, c'era stato a monte

un lavoro di preparazione degli insegnanti dei ragazzi, il posto era

bello e suggestivo (una saletta piccola ed elegante in centro, con

ottima acustica e mostra di acqueforti ai muri - altra sorpresa da cui

poi ho tratto spunti lì per lì ) - ma, insomma, trovare una apertura di

attesa così viva e disponibile in questi ragazzi è stata una cosa

bellissima che ha prodotto un clima di lavoro veramente bello; come ho

già scritto, per me quando succede una cosa così bella questo non è meno

soddisfacente di un bel concerto riuscito in un posto importante! Il

famoso stupore di cui ogni tanto parlo in classe si vedeva, ed ero

stupito anche io.

 

Il fatto di "sentirmi preparato" mi ha permesso di fare i due incontri

in due modalità diverse, tenendo conto dell'interlocutore: con i maturandi

ho parlato subito della scoperta del valore della musica da cui parto

ora, rintracciando i segni di questo nelle due grandi figure di maestri

e documentando alla fine con quattro-cinque esecuzioni musicali. Con i

ragazzini ho invece iniziato suonando qualcosa di brevissimo, spiegando

come è fatto dal punto di vista formale e legando la forma al senso

espressivo del pezzo, poi sono andato avanti suonando altre cose,

spiegando tra un pezzo e l'altro, dialogando con loro, e ho finito con un

pezzo che mi hanno chiesto loro e dicendo la frase sul senso della

musica con cui avevo iniziato l'incontro con i più grandi.

 

Ho pensato subito di raccontarvi quanto sopra per almeno due motivi:

1) L'argomento "Segovia - Judina" è interessante: se l'incontro con

queste grandi figure di maestri produce qualcosa in noi, questo qualcosa

riecheggia anche nel modo di trasmetterlo e colpisce tutti, dagli adulti

ai ragazzini - per cui non è sbagliato "perdere tempo" ad approfondire

personalmente l' incontro con i due grandi personaggi. Io poi ho voglia

di fare altri momenti così e lancio l'idea anche a voi, almeno a chi non

ha messo definitivamente la chitarra nell'armadio. E' una cosa utile e

di cui c'è bisogno.

2) Voi che insegnate musica e chitarra, magari a ragazzini dell'età di

quella seconda media che ho incontrato oggi, avete tra mano un

potenziale umano di grandissima ricchezza. Siccome ogni tanto qualcuno

di voi si lamenta dei tempi cattivi, di quello che non si può più fare a

scuola, della riduzione della musica a giochino per socializzare e cose

del genere, l'esperienza di oggi mi spinge a dire che, per quanto riguarda

noi insegnanti, è importantissimo tenere alto il tiro e proporre cose

belle, al massimo livello: se ragazzi che non studiano musica hanno

risposto così, chissà che lavoro si può fare con chi ha voglia di

suonare uno strumento!

E' una responsabilità e una possibilità bellissima che avete.

 

Ciao,

PB

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Members
  • Topic Count:  70
  • Content Count:  612
  • Reputation:   41
  • Joined:  02/10/2007
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Carissimo Piero mi ha fatto immenso piacere leggere la tua riflessione, anche perchè da insegnante delle medie a ind.musicale so benissimo che i ragazzi hanno "fame" di conoscenza e quando si buttano su cose che a noi appaiono insensate il più delle volte è perchè non hanno ben chiaro dove indirizzare i loro interessi. Sono sempre più convinto che qualsiasi proposta può venire ben accetta a patto che chi la propone sia una fugira autorevole, in cui i ragazzi vedono competenza, interesse, e perchè no simpatia. Il problema nasce dal fatto che molti colleghi che a volte si trovano in situazioni come la tua non credono affatto in ciò che fanno, compiono cioè delle specie di punizioni punitive :D e poi è chiaro che creano più danno che altro.

Mi fa anche piacere che la riflessione venga da un collega del Conservatorio (uno dei piani alti insomma) :D , perchè per la maggioranza di noi ciò che scrivi è il quotidiano, purtroppo non sempre conosciuto e apprezzato dai colleghi della fascia "superiore".

Grazie dello scritto Piero

Ciao

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Members
  • Topic Count:  70
  • Content Count:  612
  • Reputation:   41
  • Joined:  02/10/2007
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

intendo "fasce superiori" ironizzando un pò sulle parole. E' comunque innegabile che fino a poco tempo fa, e ancora oggi anche se in misura minore, una parte di docenti del Conservatorio osservavano con un certo senso di distacco e superiorità i colleghi delle scuole dell'obbligo.

Perciò mi fa ancora più piacere leggere lo scritto di Piero, testimonianza della validità della sua proposta e della preparazione dei ragazzi ottenuta anche grazie all'insegnamento di validi insegnanti, non solo di musica!

Link to comment
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.