Jump to content
Nuovi CD di musica del XX e del XXI secolo

Corsi pre-accademici...sono indispensabili?


Marko
 Share

Recommended Posts


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  6
  • Content Count:  19
  • Reputation:   0
  • Joined:  01/21/2008
  • Status:  Offline

Provo a spiegarmi meglio. Come sappiamo i Conservatori si sono orientati, o lo stanno facendo, verso l'istituzione dei corsi pre-accademici per garantire la formazione musicale di base. Leggendo i vari regolamenti didattici dei Trienni di I livello ci si può rendere conto di come il titolo d'accesso richiesto sia esclusivamente un diploma di scuola secondaria superiore, nessuna traccia dei certificati di riconoscimento delle competenze acquisite durante i corsi pre-accademici. Da ciò la domanda: a cosa servono tali corsi? Mi riferisco solo alla valenza "legale", non a quella artistico-culturale, sia chiaro! Sia che un candidato abbia frequentato i corsi pre-accademici e sia che abbia curato la propria formazione musicale privatamente dovrà, al momento dell'iscrizione al triennio, sostenere un esame di ammissione, non credo ci siano differenze dovute al differente percorso. O forse chi li ha frequentati non corre il rischio di essere ammesso con debiti?

Il quesito vi sembrerà banale ma in molti siamo disorientati di fronte al nuovo panorama! Perciò chiedo a voi che siete più esperti di illuminarci! Ringrazio anticipatamente quanti vorranno contribuire alla discussione

 

Un saluto,

 

Marco

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  37
  • Content Count:  476
  • Reputation:   8
  • Joined:  11/21/2005
  • Status:  Offline

I corsi preaccademici sarebbero, di per sé, competenza della scuola media inferiore e dei licei musicali e non dei conservatori, che possono attivarli, dice la legge di riforma, finché le altre scuole non sono a regime (c'è di fatto chi sostiene che già da ora, essendoci ormai da un anno i licei, i conservatori non dovrebbero più occuparsi del settore pre - accademico).

 

A torto o a ragione (una città come Bologna finora era priva di Liceo Musicale) però continuano ad occuparsene, dando però (si spera) la precedenza a quello che per legge devono ormai fare, cioè curare il settore accademico o AFAM. E' vero che al triennio (ed al biennio sperimentale successivo) si accederà comunque tramite esame di ammissione, che si sia frequentato o no un corso pre-AFAM, in conservatorio o fuori.

 

Legalmente i requisiti per l'accesso al triennio sono la maggiore età ed il possesso di un titolo di studio di secondaria superiore, oltre naturalmente al superamento di un esame di ammissione.

Sembra logico supporre che chi ha fatto un percorso di studi musicali regolari sarà avvantaggiato, ma al momento non sono sicurissimo di questo (non vorrei che uno dei peggiori risultati della riforma fosse quello di allungare"indefinitamente" gli anni di teoria e solfeggio - pur ammantati di nomi suggestivi tipo ear-training...)

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  6
  • Content Count:  19
  • Reputation:   0
  • Joined:  01/21/2008
  • Status:  Offline

Quindi un allievo che si preoccupa di curare privatamente (presso scuole, accademie e quant'altro) la propria formazione musicale e al momento dell'ammissione al Triennio dimostra di possedere adeguate conoscenze di teoria, armonia e strumento (secondo i piani di studio redatti) dovrebbe poter accedere senza alcun debito, è così?

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  4
  • Content Count:  171
  • Reputation:   2
  • Joined:  01/04/2006
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Quindi un allievo che si preoccupa di curare privatamente (presso scuole, accademie e quant'altro) la propria formazione musicale e al momento dell'ammissione al Triennio dimostra di possedere adeguate conoscenze di teoria, armonia e strumento (secondo i piani di studio redatti) dovrebbe poter accedere senza alcun debito, è così?

 

Sì, è così.

D'altra parte si prevede che le certificazioni A, B e C saranno aperte a tutti, non solo agli alunni interni dei corsi preaccademici. I privatisti scompaiono solo sulla carta. Credo che quindi l'unica differenza per un candidato all'ammissione al Triennio sarà che l'aver sostenuto le certificazioni preaccademiche gli allegerirà il peso delle ex materie complementari durante l'esame di ammissione al Triennio in quanto ogni conservatorio tenderà a riconoscere le proprio certificazioni. Non è invece automatico che un conservatorio riconosca le certificazioni sostenute in un altro conservatorio.

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  6
  • Content Count:  19
  • Reputation:   0
  • Joined:  01/21/2008
  • Status:  Offline

Quindi mi pare di aver capito che le certificazioni rilasciate dai Conservatori avranno un valore "interno", non paragonabile ai vecchi compimenti.

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  4
  • Content Count:  171
  • Reputation:   2
  • Joined:  01/04/2006
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Quindi mi pare di aver capito che le certificazioni rilasciate dai Conservatori avranno un valore "interno", non paragonabile ai vecchi compimenti.

Esatto

Link to comment
Share on other sites

Guest Nicola Mazzon
Quindi mi pare di aver capito che le certificazioni rilasciate dai Conservatori avranno un valore "interno", non paragonabile ai vecchi compimenti.

Esatto

 

Che......cavolata.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.