Jump to content
Nuovi CD di musica del XX e del XXI secolo

El sueno de la razon produce monstros


Recommended Posts


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  16
  • Content Count:  93
  • Reputation:   0
  • Joined:  03/08/2009
  • Status:  Offline

Ciao a tutti,

 

nella seconda variazione del brano in oggetto, quella in quartine di semicrome staccate, ho deciso di non seguire la versione alternativa proposta da Gilardino (un po' me ne sto pentendo, dato che la difficoltà è veramente notevole in questo modo, però si studia con piacere) e mi chiedevo quale fosse il modo migliore per eseguire suddette quartine.

 

Avevo pensato alla formula a-m-i-a per tutto il brano, staccando solo l'accompagnamento (ho supposto che la melodia andasse legata).

 

In questo modo però ho un paura che il doppio pizzico con l'anulare possa risultare improbabile in velocità. Tuttavia, provando ad applicare formule irregolari tipo amia-miami mi confondo tantissimo.

 

Voi come fareste?

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  1
  • Content Count:  3
  • Reputation:   0
  • Joined:  11/04/2007
  • Status:  Offline

Ciao, ti dico come ho fatto io, io ho studiato bene questo brano e l'ho anche portato in concerto l'anno scorso.

Sulla seconda variazione facevo anch'io le quartine e usavo la diteggiatura che dici te, amia con due anulari ribattuti sulla melodia.

 

L'accompagnamento va certamente staccato, la melodia è molto piu difficile da staccare e secondo me Castelnuovo Tedesco la intendeva comunque staccata, perciò tieni conto per lo meno di non farla eccessivamente legata.

Questa la mia opinabilissima opinione ;)

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  16
  • Content Count:  93
  • Reputation:   0
  • Joined:  03/08/2009
  • Status:  Offline

Benissimo ti ringrazio davver :)

Già che ci sono ne approfitto e ti chiedo anche come eseguivi la prima variazione. Se nella parte iniziale sono abbastanza sicuro di seguire la versione di Gilardino, nelle ultime due righe (col cromatismo al basso e l'accompagnamento molto diverso) ho alcuni dubbi, anche se non riesco veramente a trovare modi alternativi per fare qualcosa di più simile al testo di MCT.

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  1
  • Content Count:  3
  • Reputation:   0
  • Joined:  11/04/2007
  • Status:  Offline

Quello è un passaggio molto rognoso, ma secondo me se scegli di fare tutto a sestine un modo lo devi trovare, altrimenti cambi formula di arpeggio (es. quartine, come facevo io le prime settimane di studio).

Io ho mantenuto l'originale facendo le sestine in seguito, e ho facilitato quelle due righe che dici te inserendo praticamente quasi sempre il re a vuoto (4° corda) invece del fa. Devi mettere gli accordi in dei rivolti che siano il piu comodo possibile per la scorrevolezza della melodia, vediamo se così ci riesci.

Fammi sapere!

 

Io c'ho messo un paio di mesi per capire con il mio professore la giusta diteggiatura per quel pezzo, sapessi quanto ci ho sfornato!! Ma alla fine mi è servito tanto come lavoro, complimenti per la scelta!

 

;)

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  16
  • Content Count:  93
  • Reputation:   0
  • Joined:  03/08/2009
  • Status:  Offline

ora provo e vedo cosa tiro fuori, poi ti faccio sapere!

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.