Jump to content
Nuovi CD di musica del XX e del XXI secolo

Lettura della partitura


ciccio_matera
 Share

Recommended Posts


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  29
  • Content Count:  282
  • Reputation:   0
  • Joined:  02/16/2006
  • Status:  Offline
  • Device:  Android

Volevo chiedere a voi tutti se incontrate problemi nel leggere le partiture, io per leggere una partitura posso metterci anche sei ore...le partiture per chitarra sono difficili da leggere di per se, per l "assembramento" polifonico che c'è in cinque righe...ma io ci metto veramente tanto, e mi fastidia molto! Voi quanto ci impiegate a leggere? Potete consigliarmi un metodo per migliorare nella lettura e velocizzarla?

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  39
  • Content Count:  391
  • Reputation:   88
  • Joined:  12/19/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Volevo chiedere a voi tutti se incontrate problemi nel leggere le partiture, io per leggere una partitura posso metterci anche sei ore...le partiture per chitarra sono difficili da leggere di per se, per l "assembramento" polifonico che c'è in cinque righe...ma io ci metto veramente tanto, e mi fastidia molto! Voi quanto ci impiegate a leggere? Potete consigliarmi un metodo per migliorare nella lettura e velocizzarla?

 

Non ho capito bene la domanda.. per partitura ti riferisci allo "spartito" per chitarra sola? o ad una qualsiasi partitura di musica da camera dal duo in poi fino all'orchestra in cui è compresa la chitarra..?

 

Nela caso della "lettura della partitura" come ha già risposto Fabio vi sono una serie di tecniche e (trucchi) basati sulle tecniche di lettura del setticlavio per via della complessità degli strumenti traspositori e che si acquisisce con tanta tanta pazienza e solitamente (nei corsi tradizionali) al pianoforte... dal duo per voce e piano fino alle partiture orchestrali...

 

per il nostro strumento, in verità non abbiamo questa grande difficoltà (paragonata ovviamente alle partiture orchestrali) .. e la difficoltà spesso è di carattere "comprensivo" associato alla capacità "reale" di suonare tecnicamente un dato brano...

potresti provare ad allenarti quotidianamente con materiale di livello "appena" precedente, (solo per fare un esempio) se hai fatto gli studi op.111 di Giuliani potresti provare a suonare cercando di "interpretare" a prima vista l'op. 50 ad esempio...cercando di essere il più possibile preciso nella lettura dei vari particolari, ritmo, dinamica, fraseggio e...

 

mentre se per difficoltà ti riferisci al fatto di impiegare la "lettura della partitura" su un brano.. non so, tipo una sonata di Ponce o altro per intendere un livello superiore..

è chiaro che devi possedere una serie di requisiti..

sempre per fare un esempio un ottima pianista che ti suona una ballata di Chopin in modo egregio non è assolutamente detto che riesca a fare la stessa cosa (se non ha compiuto studi specifici) con un trio di Brahms o un motetto di Arcadelt nelle chiavi antiche...anzi..

 

prova a spiegarti... meglio

 

buona musica..

m

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  29
  • Content Count:  657
  • Reputation:   0
  • Joined:  04/21/2006
  • Status:  Offline
  • Device:  Android

Ciao, per imparare a leggere più in fretta devi leggere tanto e tante cose diverse, dal contemporaneo alla musica antica.. Io di solito per leggere studiare un brano prima mi segno le varie frasi facendo un'analisi (arcate, respiri e via discorrendo) perchè nelle parti per chitarra, a differenza degli altri strumenti, tutti questi aiuti non ci sono. Poi inizio a suonare e a trovare le posizioni in cui suonare dove credo possa uscire un suono migliore, intendo dove posso riuscire a far sentire al meglio le varie parti, poi scelgo i timbri da utilizzare.. Tutti qui, un bel pò di analisi e magari se puoi (cosa che non ho ancora fatto) studiare composizione. Vedrai che se ti abitui a suonare col cervello e non con le mani le cose miglioreranno a vista d'occhio!!!

 

:)

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  29
  • Content Count:  282
  • Reputation:   0
  • Joined:  02/16/2006
  • Status:  Offline
  • Device:  Android

si, in effetti è un errore il fatto di averla chiamata partitura, intendevo uno spartito, cioè uno spartito per chitarra solista. Comunque forse il problema è quello di cui ha parlato marcello, forse è il livello tecnico che non c'è per suonare quel brano (proprio la Sonatina Meridional...:D). Grazie

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  39
  • Content Count:  391
  • Reputation:   88
  • Joined:  12/19/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

si, in effetti è un errore il fatto di averla chiamata partitura, intendevo uno spartito, cioè uno spartito per chitarra solista. Comunque forse il problema è quello di cui ha parlato marcello, forse è il livello tecnico che non c'è per suonare quel brano (proprio la Sonatina Meridional...:D). Grazie

 

Avevo intuito che potesse essere questo il problema..

prova allora a "smontare il giocattolo" come i bambini e .. ricostruirlo..

Perchè partire immediatamente dall'opera compiuta se il compositore probabilmente ha "faticato" a costruire i vari elementi strato sopra strato..?

(Certo non escludo che non si abbia un immagine compiuta di un dato brano ma spesso chi scrive parte da una semplice idea che può essere un frammento ritmico-melodico , un accordo..ecc e poi.. la "tecnica" fa.. il resto....)

 

Ad esempio prendi la linea melodica principale e iniziare a tracciare il primo filo conduttore poi passi a sovrapporvi la linea del basso (e inizi a percepire il contesto armonico seppur in modo scheletrico ma spesso già più che sufficiente) ed infine inserisci gli elementi "interni" quali frammenti di bicordi e altro che spesso servono a completare "l'orchestrazione" della scrittura chitarristica, insomma il pezzo "finito" è stato scritto passando per vari strati (probabimente)

:) e noi facciamo il "Gioco inverso" lo smontiamo per poi ricomporne ogni pezzo e restituirne il "senso finale"...

questo puoi farlo da un semplice studio di Giuliani ad una fuga di Bach e con la chitarra...

 

mentre l'obiettivo finale sarà quello di "leggere una partitura" con gli occhi (senza strumento) ma per quello ci vogliono cose (come ho detto spesso in altri post, a rischio di essere noioso) come studi di armonia e contrappunto che svilupperanno l'orecchio "interiore" e tanta pazienza ma che avranno tanto, tanto beneficio nell'eecuzione...

 

per quanto riguarda l'abilità invece esecutiva della lettura devi allenarti con materiale leggermente "precedente al tuo livello e man mano crescere gradualmente...

 

spero di esserti stato un tantino utile...

buon lavoro

:)marcello

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  29
  • Content Count:  282
  • Reputation:   0
  • Joined:  02/16/2006
  • Status:  Offline
  • Device:  Android

utile, davvero molto utile :)

 

ti ringrazio tanto...spero che inizi presto lo studio dell'armonia...ma in conservatorio non si muovono

Link to comment
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.