Jump to content
Nuovi CD di musica del XX e del XXI secolo

Velocità mano destra


Recommended Posts


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  47
  • Content Count:  134
  • Reputation:   0
  • Joined:  03/14/2006
  • Status:  Offline

Ciao a tutti

 

Potete consigliarmi un metodo in commercio per aumentare gradualmente la velocità con le dita della mano destra? Ho passato una vita a suonare col plettro altri generi, ma con le dita (che ho cominciato per diletto un anno fa) sono completamente a digiuno, quindi mi servirebbe un buon metodo per farmi acquisire scioltezza e velocità con la mano destra.

 

Che mi consigliate?

 

Grazie in anticipo a tutti :)

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  39
  • Content Count:  391
  • Reputation:   88
  • Joined:  12/19/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Ciao a tutti

 

Potete consigliarmi un metodo in commercio per aumentare gradualmente la velocità con le dita della mano destra? Ho passato una vita a suonare col plettro altri generi, ma con le dita (che ho cominciato per diletto un anno fa) sono completamente a digiuno, quindi mi servirebbe un buon metodo per farmi acquisire scioltezza e velocità con la mano destra.

 

Che mi consigliate?

 

Grazie in anticipo a tutti :)

 

Può andare bene qualsiasi testo sugli arpeggi, possibilmente all'inizio magari a corde a vuoto, come Pujol, Gangi, Abloniz.. in modo da concentrarti solo sulle dita.. in seguito puoi abbinare la sinistra ma quello che è veramente importante e.. qui si torna sempre al problema "insegnante" è la metodologia da..usare...

 

 

mr

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  47
  • Content Count:  134
  • Reputation:   0
  • Joined:  03/14/2006
  • Status:  Offline

mentre per quanto riguarda le scale o esercizi specifici su corda singola che non siano apreggi?

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  39
  • Content Count:  391
  • Reputation:   88
  • Joined:  12/19/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

mentre per quanto riguarda le scale o esercizi specifici su corda singola che non siano apreggi?

 

Sinossi di Angelo Ferraro

college music

 

m

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  29
  • Content Count:  657
  • Reputation:   0
  • Joined:  04/21/2006
  • Status:  Offline
  • Device:  Android

Per la mano destra sono fortissimi i 3 metodi di Luigi Biscaldi - Esercizi speciali di virtuosismo... Il primo volume è già complicato e inizia col farti adoperare a-m-i contemporaneamente al pollice che suona e stoppa i bassi! Ti consiglio col fare i 120 arpeggi di Mauro Giuliani, di prendere il 1° volume di Biscaldi e iniziare a guardare le sue scale, sono tre note a corda con diteggiatura a-m-i.. poi, quando hai finito gli arpeggi passi a vedere anche gli altri esercizi del primo metodo.

Spero di esserti stato d'aiuto...

 

p.S: comunque sia, fai pure il metodo che preferisci però affianca al tuo studio un bravo insegnante...

 

bye bye

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  3
  • Content Count:  26
  • Reputation:   0
  • Joined:  06/16/2006
  • Status:  Offline

Se quello che vuoi suonare è la chitarra classica, beh allora a mio avviso l'unico "metodo" valido in commercio è prendere lezioni da un bravo maestro.

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  89
  • Content Count:  2,241
  • Reputation:   100
  • Joined:  11/24/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

mentre per quanto riguarda le scale o esercizi specifici su corda singola che non siano apreggi?

 

Non c'è differenza tra le varie applicazioni della tecnica: per eseguire le scale, gli arpeggi, gli accordi, le note ribattute, le trame polifoniche, si impiegano sempre gli stessi movimenti delle stesse dita, e la differenza (di superficie) è solo di applicazione. Un tremolo può benissimo essere descritto e praticato come un arpeggio su una sola corda, etc.

 

Ci si deve occupare della preparazione, dell'esecuzione e del controllo dei movimenti, non tanto della loro applicazione a sequenze di note comunque disposte (scale, arpeggi, etc.). Se il movimento è ben preparato, eseguito economicamente e perfettamente controllato, non importa a quale sequenza si applica. Le tecniche che prescrivono sostanziali differenziazioni di movimento nelle varie applicazioni sono mal fondate.

 

dralig

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  47
  • Content Count:  134
  • Reputation:   0
  • Joined:  03/14/2006
  • Status:  Offline

Se il movimento è ben preparato, eseguito economicamente e perfettamente controllato, non importa a quale sequenza si applica

 

scusa dralig non ho ben capito ... mi stai dicendo che magari anche col solo indice-medio se ben allenati posso eseguire tutte le scale che voglio, magari anche in terzine, senza per forza andare col i-m-a?

 

grazie :)

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  29
  • Content Count:  657
  • Reputation:   0
  • Joined:  04/21/2006
  • Status:  Offline
  • Device:  Android

Questo è chiaro... si iniziano a fare con i-m oppure m-i, come preferisci! Le puoi fare benissimo in terzine anche con due dita, il problema non esiste, devi solo stare attento agli accenti!!! :)

Se poi le impari a fare con a-m-i vai molto più veloce (me è anche più difficile coordinarsi) perchè se con due dita raggiungi una velocità X, con tre la puoi ottenere con meno sforzo e con movimenti più lenti dato che hai un dito in più (è tutta una questione di "frequenza").. Prova ad immaginare un tremolo con due e uno con tre dita, quale sarà il più faticoso? ovviamente quello con 2...

 

:D

Link to comment
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.