Jump to content
Nuovi CD di musica del XX e del XXI secolo

Julian Bream,oggi,avrà cambiato il giudizio su Giuliani?


in.fiore
 Share

Recommended Posts


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  5
  • Content Count:  25
  • Reputation:   2
  • Joined:  02/13/2015
  • Status:  Offline

Rileggendo,su Il Fronimo,una vecchia intervista di Bream,mi domandavo se ancora ora era sempre dell'idea che di Mauro Giuliani erano valide solo 3 opere:il concerto op.30,la gran overture op.61 e la prima Rossiniana

(non si sa perchè non disse anche le altre 5).Se Segovia era da scusare,perchè quando le poteva suonare,la rivalutazione dell'800 chitarristico era ancora lontana da venire,la dichiarazione di Bream mi ha sempre lasciato stupefatto.Uno strumento è credibile se ha una propria letteratura,ma se uno dei maggiori chitarristi del 900 trovava  non valide 227 opere di Giuliani è facile dedurre che per la chitarra le prospettive non erano molto entusiasmanti.

 

 

 

 

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  84
  • Content Count:  1,188
  • Reputation:   77
  • Joined:  12/03/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Windows

Se non erro registrò anche le Rossiniane 2 e 3, come per la prima facendo un collage di ciò che preferiva fra le 6...mi pare.

 

Comunque erano altri tempi e l'apporto più significativo di Bream alla chitarra non è certo quello riguardante la musica dell'800. Piuttosto, la sua figura è stata fondamentale per stimolare un gran numero di compositori a scrivere dei lavori totalmente avulsi dall'estetica segoviana, spesso di grandissimo pregio. Credo sia sufficiente citare Britten, Henze, Berkeley ( i primi che mi vengono in mente), per sostenere che la credibilità della chitarra deve moltissimo a Bream.

Link to comment
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.