Jump to content
Nuovi CD di musica del XX e del XXI secolo

Info su manuale di armonia di Bruno Coltro


Guest Nicola Mazzon
 Share

Recommended Posts


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  39
  • Content Count:  391
  • Reputation:   88
  • Joined:  12/19/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Chi conosce il manuale di armonia complementare di Bruno Coltro?

 

Nei dettagli, personalmente non lo conosco,

ma ricordo solo di averne sentito parlare nel testo citato prima di

C. Marenco- manuale di armonia,

ne fa un riferimento insieme ai testi di Farina, Delachi...

 

 

marcello

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  89
  • Content Count:  2,241
  • Reputation:   100
  • Joined:  11/24/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Chi conosce il manuale di armonia complementare di Bruno Coltro?

 

Nei dettagli, personalmente non lo conosco,

ma ricordo solo di averne sentito parlare nel testo citato prima di

C. Marenco- manuale di armonia,

ne fa un riferimento insieme ai testi di Farina, Delachi...

 

 

marcello

 

Reputo opportuno, per non dire indispensabile, che l'armonia venga oggi insegnata in chiave storicistica, ossia si a partire dalle sue leggi e regole nel sistema tonale, ma con immediata apertura, sia verso il passato remoto (modalità) che verso il passato prossimo (atonalità, politonalità, polimodalità, serialità). Considero molto dannoso, sul piano culturale e sul piano musicale specifico, identificare l'armonia esclusivamente con l'armonia tonale, e insegnarla - come tuttora si seguita a fare - in modo tale da far apparire gli altri sistemi come secessioni. Inoltre, non capisco perché l'armonia non venga insegnata a partire dalle prime lezioni di musica e di strumento, insieme al solfeggio (che per la verità è più difficile dell'armonia).

 

L'armonia tonale sta alla musica come il dogma della chiesa cattolica romana sta alla vita. Sarà bene aprire gli occhi e imparare a usare fin da piccoli il sommo privilegio della libertà e, in tale uso, ammaestrarsi per tempo. Altrimenti continueremo ad avere ascoltatori che distinguono la musica romantica dalla musica contemporanea come due etnie.

 

dralig

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  39
  • Content Count:  391
  • Reputation:   88
  • Joined:  12/19/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

 

Reputo opportuno, per non dire indispensabile, che l'armonia venga oggi insegnata in chiave storicistica, ossia si a partire dalle sue leggi e regole nel sistema tonale, ma con immediata apertura, sia verso il passato remoto (modalità) che verso il passato prossimo (atonalità, politonalità, polimodalità, serialità). Considero molto dannoso, sul piano culturale e sul piano musicale specifico, identificare l'armonia esclusivamente con l'armonia tonale, e insegnarla - come tuttora si seguita a fare - in modo tale da far apparire gli altri sistemi come secessioni. Inoltre, non capisco perché l'armonia non venga insegnata a partire dalle prime lezioni di musica e di strumento, insieme al solfeggio (che per la verità è più difficile dell'armonia).

 

L'armonia tonale sta alla musica come il dogma della chiesa cattolica romana sta alla vita. Sarà bene aprire gli occhi e imparare a usare fin da piccoli il sommo privilegio della libertà e, in tale uso, ammaestrarsi per tempo. Altrimenti continueremo ad avere ascoltatori che distinguono la musica romantica dalla musica contemporanea come due etnie.

 

dralig

 

concordo pienamente Magister,

infatti la confusione a cui facevo riferimento nell'altro post al riguardo delle varie teorie didattiche (più pratiche che realmente meditate in senso storico appunto) tendono tutte a.. privilegiare il sistema tonale come fosse l'unico sistema scirivibile mentre un allievo se deve scrivere anche un contrappunto in stile modale, cosa sicuramente più corretta va nel.. pallone... grazie a quello che hai appena detto...

e le altre tecniche?..

mi ha fatto "sorridere" un manualetto pubblicato e molto contestato, che invece ho trovato molto interessante di Reginald Smith Brindle edito da Ricordi, La composizione musicale, di cui molti "amici" compositori hanno criticato ma io ho risposto loro che inq uel libro venivano aperte più di mille finestre a chi sapeva cogliere... l'invito..

e senza parlare di quinte quarte e seste.. :)

 

 

marcello

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  39
  • Content Count:  391
  • Reputation:   88
  • Joined:  12/19/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

ah si ecco, me lo volevo procurare...è ancora in commercio?

 

Non saprei Alfredo, in effetti sono un pò di .. lustri che è nella mia libreria..

prova a fare una ricerca sul sito dela Ricordi..

sono quei manualetti bianchi della collana Analisi musicali

di caui altri titoli come David Epstein-Al di là di Orfeo,

De la Motte- il contrappunto, De Natale- Analisi musicali e altri...

 

 

marcello

Link to comment
Share on other sites

Guest Piero Viti
ah si ecco, me lo volevo procurare...è ancora in commercio?

 

Non saprei Alfredo, in effetti sono un pò di .. lustri che è nella mia libreria..

prova a fare una ricerca sul sito dela Ricordi..

sono quei manualetti bianchi della collana Analisi musicali

di caui altri titoli come David Epstein-Al di là di Orfeo,

De la Motte- il contrappunto, De Natale- Analisi musicali e altri...

 

 

marcello

 

Concordo: è un manualetto molto "stimolante"!

 

L'edizione è infatti Ricordi:

 

Reginald Smith Brindle

La Composizione Musicale

Orientamenti didattici

Ed. Ricordi

 

Saluti

 

Piero Viti

Link to comment
Share on other sites

Guest Nicola Mazzon
Chi conosce il manuale di armonia complementare di Bruno Coltro?

 

Nei dettagli, personalmente non lo conosco,

ma ricordo solo di averne sentito parlare nel testo citato prima di

C. Marenco- manuale di armonia,

ne fa un riferimento insieme ai testi di Farina, Delachi...

 

 

marcello

 

Reputo opportuno, per non dire indispensabile, che l'armonia venga oggi insegnata in chiave storicistica, ossia si a partire dalle sue leggi e regole nel sistema tonale, ma con immediata apertura, sia verso il passato remoto (modalità) che verso il passato prossimo (atonalità, politonalità, polimodalità, serialità). Considero molto dannoso, sul piano culturale e sul piano musicale specifico, identificare l'armonia esclusivamente con l'armonia tonale, e insegnarla - come tuttora si seguita a fare - in modo tale da far apparire gli altri sistemi come secessioni. Inoltre, non capisco perché l'armonia non venga insegnata a partire dalle prime lezioni di musica e di strumento, insieme al solfeggio (che per la verità è più difficile dell'armonia).

 

L'armonia tonale sta alla musica come il dogma della chiesa cattolica romana sta alla vita. Sarà bene aprire gli occhi e imparare a usare fin da piccoli il sommo privilegio della libertà e, in tale uso, ammaestrarsi per tempo. Altrimenti continueremo ad avere ascoltatori che distinguono la musica romantica dalla musica contemporanea come due etnie.

 

dralig

 

Ha ragione, maestro, ma da quello che ho capito all'esame di armonia complementare i docenti sono molto "vicini" alle regole da manuale, e quindi non si ha molta scelta per il tipo di approccio con l'armonia.

Sono d'accordo anche io sul fatto che l'armonia debba essere insegnata sin dall'inizio, altrimenti è come se ci si mettesse a leggere senza conoscere la grammatica e la scrittura.

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  16
  • Content Count:  255
  • Reputation:   9
  • Joined:  12/08/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Ha ragione, maestro, ma da quello che ho capito all'esame di armonia complementare i docenti sono molto "vicini" alle regole da manuale, e quindi non si ha molta scelta per il tipo di approccio con l'armonia.

 

Purtroppo l'Armonia Complementare, che ricordo a tutti nella sua reale dicitura è "Cultura musicale generale", è uno dei più antiquati corsi del Conservatorio.

Non credo di dire una novità se imputo questo al fatto che molti insegnanti di quei corsi sono di derivazione compositiva (leggi compositori non in grado di comporre, né tantomeno di insegnare composizione, con le dovute eccezioni) e che gli alunni di quei pochi che provengono da estrazioni diverse sono spesso in difficoltà per il fatto che gran parte dell'esame è imperniato sulla realizzazione del basso numerato.

 

Ricordo che nei primi due anni di mia frequenza al corso di Composizione (...lustri fa) non ho fatto altro che ripetere le stesse cose che studiai nel corso di Armonia Complementare!

LM

Link to comment
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.