Jump to content
Nuovi CD di musica del XX e del XXI secolo

Chopin e la chitarra


Guest Neuland
 Share

Recommended Posts

Spesso trovo questa frase di (o attribuita a) Chopin:

 

"Non esiste cosa più bella di una chitarra - se non due chitarre."

 

Purtroppo non citano mai la fonte, quando, dove o a chi Chopin abbia detto o scritto questo. Qualcuno ne sa qualcosa? :roll:

 

Saluti da

 

Neuland

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  4
  • Content Count:  53
  • Reputation:   0
  • Joined:  11/01/2006
  • Status:  Offline

Io sapevo di Mozart che disse"la sola cosa peggiore di un flauto sono due flauti"....quindi penso sia una di quelle frasette che si attribuiscono a casaccio e con molte varianti.

Link to comment
Share on other sites

Certo, è possibile. E' solo che vorrei porter essere daccordo con Chopin, come lo sarei con Mozart :D ; nel caso di Chopin preferirei, però, di avere una fonte più sicura che non il fatto che viene ripetuto dai chitarristi, anche se importanti come Duarte. :roll:

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  89
  • Content Count:  2,241
  • Reputation:   100
  • Joined:  11/24/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Certo, è possibile. E' solo che vorrei porter essere daccordo con Chopin, come lo sarei con Mozart :D ; nel caso di Chopin preferirei, però, di avere una fonte più sicura che non il fatto che viene ripetuto dai chitarristi, anche se importanti come Duarte. :roll:

 

Allo stato attuale della conoscenza delle fonti chopiniane, nulla prova a conferma che il compositore abbia mai detto una cosa del genere.

 

dralig

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  84
  • Content Count:  1,188
  • Reputation:   77
  • Joined:  12/03/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Windows

A Chopin interessava "solo" il pianoforte; basta ascoltare i suoi concerti per pianoforte e orchestra per accorgersene.

Link to comment
Share on other sites

A Chopin interessava "solo" il pianoforte; basta ascoltare i suoi concerti per pianoforte e orchestra per accorgersene.

 

Certo, sono concerti da virtuoso: l'orchestra deve fare poco più che accompagnare. Non è, però, uno stile personale chopeniano, bensì una forma romantica del concerto per strumento e orchestra, che non ha pretese o intensioni sinfoniche. Quindi Chopin dà al pubblico ciò che si aspetta: musica per pianoforte, ben accompagnata. 8)

Link to comment
Share on other sites

Guest Piero Viti
A Chopin interessava "solo" il pianoforte; basta ascoltare i suoi concerti per pianoforte e orchestra per accorgersene.

 

...ed aggiungerei in buona misura anche il "belcanto" all'italiana!

La sua "cantabilità" pianistica, spinta fino all'arabesco nei momenti "cadenzali", è fortemente debitrice della scuola vocale italiana, ed in questo caso non mancano i documenti (specialmente epistolari) che confermano ciò!

 

Saluti

 

Piero Viti

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  84
  • Content Count:  1,188
  • Reputation:   77
  • Joined:  12/03/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Windows

 

Certo, sono concerti da virtuoso: l'orchestra deve fare poco più che accompagnare. Non è, però, uno stile personale chopeniano, bensì una forma romantica del concerto per strumento e orchestra, che non ha pretese o intensioni sinfoniche. Quindi Chopin dà al pubblico ciò che si aspetta: musica per pianoforte, ben accompagnata. 8)

 

Uhm...non credo sia possibile dare una definizione di "forma romantica del concerto per pianoforte e orchestra"...almeno se vogliamo farci entrare una serie di lavori che vanno dal 5 di Beethoven a Grieg...quando ho scritto che a Chopin interessava "solo" il pianoforte, mi riferivo alla sua completa latitanza in ambito cameristico...cosa piuttosto sorprendente; Chopin è certamente stato uno dei compositori più dotati nel formulare un pensiero musicale introspettivo e armonicamente sorpendente...tuttavia trovò la più totale realizzazione di tutto ciò "solo" attraverso il pianoforte...come se tutto il resto, tutto il resto del mondo, non fosse che ombra...

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  39
  • Content Count:  391
  • Reputation:   88
  • Joined:  12/19/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

.. è uno di quei casi in cui si può parlare di altissima specificità di scrittura musicale, nella fattispecie, del pianoforte, in cui la musica è ad altissimo livello ma al momento stesso perfettamente idiomatica al..pianoforte...

probabilmente la sua ricerca musicale ha trovato nel pianoforte (ovviamente) il giusto mezzo di espansione verso la musica.. trascendendo il pianoforte e non facendone un limite...

non necessariamente, credo un compositore debba trovarsi a suo agio in tutto, ad esempio nelle sinfonie come..Mahler..ma questo ovviamente non vuol dire che una ballata di Chopin sia "inferiore" di contenuto musicale...

mi viene da pensare agli studi di Gilardino ( e non solo ma nello specifico bastano e avanzano..) dove...questo "limite" della scrittura della chitarra viene "appunto" superato e trasceso senza incappare nella trappola della scrittura chitarristica...(leggasi chitarristi-compositori) puntando alla..musica..e facendone uscire vincitrice "anche" la..chitarra...

 

ecco..possiamo fare una colpa a Chopin di aver "rivoluzionato" la scrittura pianistica (vedi Field, i notturni..) e non aver curato magari la musica da camera e/o sinfonica...?

...

p.s. pensiamo agli studi di Sor..(con i dovuti paragoni) non sono dei capolavori di scrittura musicale-chitarristica?

 

mr

Link to comment
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.