Jump to content
Nuovi CD di musica del XX e del XXI secolo

La scuola mediterranea e quella nordica


Gaetano Balzano
 Share

Recommended Posts


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  47
  • Content Count:  134
  • Reputation:   0
  • Joined:  03/14/2006
  • Status:  Offline

Ascoltando alcuni compositori contemporanei, ho come l'impressione che ci siano due diverse correnti di "concezione compositiva".

Anche se non ho assolutamente le conoscenze a riguardo, trovo che Gilardino e T. Marco usino, come dire, lo stesso alfabeto, mentre trovo una forte affinità di linguaggio tra Bennett e Rawsthorne.

 

E' proprio così o è solo la mia impressione? Esistono dunque due grandi filoni compositivi o sono completamente fuori strada?

 

Grazie anticipatamente.

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  37
  • Content Count:  621
  • Reputation:   1
  • Joined:  12/19/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Direi di sì...

 

Poi, l'origine di un autore e il suo linguaggio possono non coincidere.

 

Citerei, ad esempio, Sergio Chiereghin, la cui musica, in alcuni punti, è molto più simile a quella tedesca che a quella mediterranea.

In particolare, in lavori come la "Passacaglia" o "Sotto tenero verde", sento molto l'influenza di Hindemith...

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  84
  • Content Count:  1,188
  • Reputation:   77
  • Joined:  12/03/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Windows

...i tedeschi...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

...i francesi...

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  37
  • Content Count:  621
  • Reputation:   1
  • Joined:  12/19/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

Basta che siano onesti.

Link to comment
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.