Jump to content

Cristiano Porqueddu

Admin
  • Content Count

    3,558
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    128

Everything posted by Cristiano Porqueddu

  1. Nell’ambito della Rassegna di Concerti di Giovani Musicisti inserita nella Stagione Concertistica 2019 di Musicare (la XXII edizione) il chitarrista italiano Stefano De Marco terrà un concerto per chitarra sola il giorno 23 Novembre 2019 presso il Museo MAN con inizio alle ore 20.30 Il programma si articolerà come segue: Dušan Bogdanović (1955) Levantine Suite Angelo Gilardino (1941) da Studi di Virtuosità e di Trascendenza Elegia di Marzo El Rosario Frank Martin (1890 - 1974) Quatre pieces breves Il concerto è organizzato con il finanziamento della Regione Autonoma della Sardegna, la collaborazione di Suite 160 – Luxury Mood e del Forum Italiano di Chitarra Classica.
  2. Angelo Gilardino (1941) - SARDEGNA - Suite per Chitarra Sola È con grande piacere che pubblico la prima registrazione assoluta di "SARDEGNA - Suite per Chitarra Sola", composizione di Angelo Gilardino di cui sono il dedicatario. L'opera è parte integrante di un importante progetto di respiro internazionale di cui renderò noti i dettagli a breve. La suite si articola in cinque movimenti: I. Mari II. Nuraghe III. S'Ardia IV. Su soli est calau V. Ciamma Chi desidera altre informazioni può trovarle qui.
  3. Musicare, tra i mesi di Novembre e Dicembre del 2019, organizza a Nuoro la XXII edizione della Stagione Concertistica. Un cartellone di concerti per chitarra interamente orientato al repertorio originale di autori del Novecento e contemporanei. Tre italiani, i principali artisti di questa nuova edizione. Giulia Ballarè, Lorenzo Micheli e @Flavio Nati A questi tre principali artisti se ne uniranno altri dieci tutti selezionati da Musicare per la Rassegna di Concerti di Giovani Musicisti, una manifestazione che negli anni si è dimostrata unica nel suo genere. Più dettagliatamente, presso le splendide sale del Museo MAN a Nuoro, avremo modo di ascoltare: Marco CALZADUCCA Antonio CARONE Stefano DE MARCO Jacopo FIGINI Giovanni MARTINELLI Sante MILETI Nicholas NEBULONI Giovanni NOVENTA Enrico TRIPODI A questi eccellenti interpreti Musicare affianca il chitarrista sardo @Andrea Corongiu che presenterà il suo esordio discografico Mediterranean Guitar Sonatas of the 20th and 21st centuries il giorno 6 Dicembre alla Suite 160 – Luxury Mood, nuovo collaboratore di Musicare per gli eventi dedicati alla musica classica a Nuoro.
  4. Il chitarrista italiano Giovanni Martinelli interpreta Scala dei Turchi il primo movimento della suite per chitarra "Trittico Siciliano" di Kevin Swierkosz-Lenart (1989)
  5. Nell'ambito della nuova edizione della Rassegna di Concerti di Giovani Musicisti inserita nella Stagione Concertistica 2019 finanziata dalla Regione Autonoma della Sardegna, Musicare ha il piacere di presentare il concerto del giovane virtuoso italiano Marco Calzaducca. Il programma prevede musiche originali per chitarra di Alexandre Tansman (1897 - 1986) e Dušan Bogdanović (1955). I dettagli sono disponibili sul sito di Musicare. La scheda dell'appuntamento è disponibile anche su Facebook. Inizio concerto: ore 20.30. Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti a sedere In collaborazione con Suite 160 - Luxury Mood Forum Italiano di Chitarra Classica
  6. Il giorno 1 Dicembre 2019 alle ore 18.30 il chitarrista italiano @Angelo Marchese terrà un concerto presso il Teatro Gianì di Partinico (PA). Il programma è articolato come segue: Mario Barbieri (1888 - 1968) - La Serra, sette preludi Dušan Bogdanović (1955) - Cinque pezzi di mare Cristiano Porqueddu (1975) - Sonata III "Il Rito del Fuoco" (World-Première) Mario Castelnuovo-Tedesco (1895 - 1968) - Escarramán op. 177 Angelo Gilardino (1941) - Parthenicum - Sonatina - Capriccio Etneo Per informazioni: Teatro Gianì – Via Bellini 3, Partinico (PA) Tel: 0917487044 – 3270666466 Email: segreteria@teatrogiani.it Web: teatrogiani.it
  7. Il secondo CD della chitarrista italiana Giulia Ballarè è da pochi giorni disponibile per l'acquisto sul sito dell'editore JSM Records. L'album si intitola Untuned Guitar ed è incentrato sulla musica per chitarra del Novecento e contemporanea. La tracklist è la seguente: Leo Brouwer (1939) 01. La Gran Sarabanda 02. Hika Tōru Takemitsu (1930-1996) 03. Equinox Marek Pasieczny (1980) 04. Phosphenes Lilith Guégamian(1971) 05. La ronde des sorcières et la naissance des déesses Roberto Gerhard (1896-1970) 06. Fantasia Maurice Ohana (1913-1992) 07. Tiento Nicolas Kahn (1979) 08. Les Arcanes Leo Brouwer (*1939) is a Cuban composer, conductor, and classical guitarist. In his early compositions, Brouwer remained close to the rhythms of Cuban music, while later he was drawn to aleatoric music.He has written for guitar, piano, and percussion, and has composed orchestral works, ballet, and music for more than one hundred movies. La gran Sarabanda was commissioned by Guitar Foundation of America for the 2018 th International Concert Artist Competition. It’s a theme a variations on “folias de España”. Hika was written “in memoriam Toru Takemitzu” for Shin-ichi Fukuda. "Hika" is a lament in Japanese musical tradition and it was written in memory of Brouwer's good friend, Toru Takemitsu, is really a sort of mournful elegy in his memory. could be helpful to listen to Takemitsu's "Rain Tree Sketch II" in memoriam of Olivier Messiaen. Open tuning: 2nd string in Bb and 5th string in G. Tōru Takemitsu (武満 徹 1930 - 1996) was a Japanese composer and writer on aesthetics and music theory. Largely self-taught, Takemitsu possessed consummate skill in the subtle manipulation of instrumental and orchestral timbre. He is famed for combining elements of oriental and occidental philosophy to create a sound uniquely his own, and for fusing opposites together such as sound with silence and tradition with innovation. Equinox was composed in 1994 in Tokyo, to be played in the recital of commemoration of the 25th anniversary of guitarist Kiyoshi Shomura’s debut, on April 04, 1994. The piece belongs to what is considered Takemitsu’s mature period (in fact, it was one of his very last compositions), and this isclear in his use of harmonic language as well as his rendering of musical form. The connection with nature is also present in the title, and relates directly to the real time of the year in which the composer was writing (the piece was probably finished in March, and premiered in April, spring time in Tokyo). Open tuning: 2nd string in Bb and 6th string in Eb. Marek Pasieczny (*1980) is a polish composer. Great interest on the part of both guitarists and other instrumentalists is testament to his compositional talent. In 2002 he collaborated with Pat Metheny - one of the greatest guitarists in the history of jazz and with the Polish jazz singer, Anna Maria Jopek. Phosphenes was commissioned by the International Guitar Festival ‘Guitar Master 2016’ dedicated to the city of Wroclaw (Poland). Open tuning: 5th string in G and 6th string in C. Lilith Guégamian (*1971) is an Armenian composer (former USSR). Arriving in France, in the Paris region, at the age of 4 years, her early interest in the guitar and began to learn to play by herself. Open tuning: 1st string in Eb 2nd string in Bb and 6th string in C. Robert Gerhard (1896 - 1970) was a Spanish Catalan composer and musical scholar and writer. He studied piano with Enrique Granados and composition with the great scholar-composer Felip Pedrell, teacher of Isaac Albéniz, Granados and Manuel de Falla. For twenty years Gerhard cultivated, and enormously enriched, a modern tonal idiom with a pronounced Spanish-folkloric orientation that descended on the one hand from Pedrell and Falla, and on the other from such contemporary masters as Bartók and Stravinsky. Gerhard often said that he stood by the sound of his music: 'in music the sense is in the sound'. Yet dazzling as their scoring is, his last works are in no sense a mere succession of sonic events. Their forms are meticulously organized and several make use of his special development of serialism where a twelve-tone pitch series, governing intervallic relations, interacts with a twelvefold time series governing the music's duration and proportions. Maurice Ohana (1913 - 1992) was a French composer. He originally studied architecture, but abandoned this in favour of a musical career, initially as a pianist. While not having direct Spanish roots, Ohana is inspired by the Andalusian culture, the cante jonde and the African rhythms. He wrote haunting, unique works for the guitar. Although Ohana is perhaps best known for his Tiento (1957) and his guitar concerto Tres Graphicos (1950-57). The Tiento originally consists of a usually organistic composition, of imitative style, analogous to the Italian “ricercare”, as it takes place in the style of the “mottetto”, that is, in a subsequent series of exhibitions in fugue style on different themes in vogue in Spain since the sec. XVI to the XVIII. Precisely because akin to the Italian “ricercare” it gives a brief excursus of its origins. It appears since the early years of the XVI century to designate an instrumental composition in free form that develops in imitation, generally in canon. Etymologically it indicates the "research" of the timbre-phonic possibilities of the instrument, (similarly for the "Tiento" in the meaning of "trying", "experiment") and the study of the counterpoint possibilities of a musical idea: on the one hand the research- touched, with improvisational character and prelude function; on the other the search-motet, articulated in points of imitation, connected however not by the logic of a text, but by the close relations of the material used. Nicolas Kahn (*1979) is a french composer. The vast influences of his musical language are rooted in contemporary scholarly music, urban music, world music or American minimalist music. Les Arcanes was the winning work of the 1st “EuroStrings Composition Competition” 2019. Described by Sérgio Assad, who was on the jury, as appealing “directly to our subconsciousness as classical guitarists. This set of miniatures echoes sounds that are embedded in our memories.”
  8. Il chitarrista italiano Flavio Nati terrà un concerto a Nuoro il giorno Sabato 14 dicembre 2019. Il concerto si inserisce nell'edizione 2019 della Stagione Concertistica organizzata da Musicare. Il programma che Nati presenterà sarà incentrato sulla musica originale per chitarra di due importanti autori del Novecento: Tōru Takemitsu (1930 – 1996) e Mario Castelnuovo-Tedesco (1895 – 1968). Più dettagliatamente: Tōru Takemitsu (1930 – 1996) – A Piece for Guitar – All in Twilight Mario Castelnuovo-Tedesco (1895 – 1968) Da 24 Caprichos de Goya – Capricho No.1 “Francisco Goya y Lucientes, pintor” – Capricho No.20 “Obsequio a el maestro” Tōru Takemitsu – Equinox Mario Castelnuovo-Tedesco – Variations à travers les Siècles op. 71 Tōru Takemitsu – In the Woods Scheda dell'evento su Facebook: https://www.facebook.com/events/554586538624673/ Il concerto è parte della Stagione Concertistica 2019-2020 di Musicare organizzato con il contributo L.1 Art.56 della Regione Autonoma della Sardegna e con la collaborazione del Museo MAN, del Forum Italiano di Chitarra Classica e di Suite 160. Il concerto è ad ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.
  9. La prima registrazione degli otto "Alebrijes de la Ciudad de México" di Eduardo Garrido contenuta nel primo volume della trilogia Easy Studies for Guitar, una collana di pubblicazioni discografiche interamente dedicata a composizioni di autori del Novecento e contemporanei con scopi prettamente formativi e didattici. La musica è disponibile pubblicata dalle Edizioni Bérben/Curci. Link:
  10. L’editore canadese Les Productions d’OZ pubblica la mia terza sonata per chitarra sola dal titolo “Il Rito del Fuoco”. Si tratta di una composizione strutturata come una sonata ciclica. Il brano ha vinto il Primo Premio al Changsha International Composition Competition che si è svolto in Cina nel Luglio del 2019. Dettagli qui: http://bit.ly/il-rito-del-fuoco
  11. Le edizioni Da Vinci Publishing avviano la distribuzione del CD Mediterranean Guitar Sonatas of the 20th and 21st centuries VOL.1 del chitarrista italiano Andrea Corongiu. 1. Antonio José Martinez Palacios (1902–1936) Sonata para guitarra (1936) a Regino Sainz de la Maza I. Allegro Moderato II. Minueto III. Pavana triste IV. Final 2. Joan Manén (1883-1971) Fantasia Sonata Op. a=22 Por y para mi amigo Andrés Segovia 3. Manuel Castillo (1930-2005) Sonata para guitarra (1986) Homage a Pedro Aguilera I. Adagio-Allegro II. Adagio III. Presto 4. Angelo Gilardino (1941) Sonata del Guadalquivir a Gianvito Pulzone I. Memorias II. Leyendas III. Lejanías Registrazione: 8 Agosto 2018 - 15 Dicembre 2018, Clab Studios, Angelo De Cosimo, Foggia (FG), Italy www.clabstudios.it Chitarra: Santos Hernandez 1924 copia, John Ray Preview dal canale YouTube di Da Vinci Publishing:
  12. Raro documentario su Andrés Segovia
  13. Guido Santórsola (1904 - 1994) "Preludio" da Suíte Antiga Cristiano Porqueddu, chitarra Live recording, 2019 - Nuoro, Chiesa della Solitudine ZOOM H4Next
  14. Buongiorno @Giorgio57. La musica di Francisco Tárrega è di pubblico dominio. Allego a questo messaggio il file PDF estratto dalla biblioteca Boije scaricato da imslp.org Immagino che per "diteggiatura per mano piccola" intenda una diteggiatura facilitata. Non è una cosa che si può risolvere in fretta, molto dipende dalle sue capacità sulla tastiera. Ci sono dei passaggi particolari a cui si riferisce? IMSLP44647-PMLP54762-Tarrega_-_Capricho_Arabe.pdf
  15. Florence Guitar Festival dal 14 al 16 ottobre 2019 - 1° Concorso Florence International Guitar Competition - Rassegna Guitars and Friends - Mostra di liuteria Direzione artistica Ganesh Del Vescovo email: info@florenceguitarfestival.it
  16. La Sonatina Miniature del compositore e didatta Virgilio Mortari (1902 – 1993) è un perfetto esempio di come un autore in possesso eccellenti doti tecniche ed espressive riesca a dare l’idea del suo concetto di uno strumento musicale in spazi estremamente ristretti. Pubblicata nel 1977, la composizione non è divisa nei canonici movimenti ma è strutturata in due sezioni le cui peculiarità sono evidenti fin dalla prima lettura. La prima sezione, Lento, nella tonalità di impianto di mi minore, si sviluppa intorno ad una semplice e ariosa linea melodica che mette in condizione l’esecutore di scavare in una ricerca espressiva ricca di sfaccettature e alternative. Il breve ma efficace sviluppo si snoda su una nitida scrittura a due parti accostata a triadi che oscillano cromaticamente in un ristretto registro. Ed è proprio con l’ausilio di semplici passaggi cromatici nelle ultime battute della sezione che la linea melodica principale conduce l’ascoltatore a sorpresa verso la tonalità di si minore. Nell’Energico che segue l’autore abbandona quasi del tutto la scrittura polifonica e affida all’agilità dell’interprete l’esecuzione di un vero e proprio divertimento in musica. I rapidi passaggi supportati da brevi sezioni accordali e da arpeggi che spesso consentono una fugace identificazione tonale, si muovono quasi ipnoticamente sul registro medio dello strumento. Ciononostante la sezione è pervasa da uno spirito arioso ed è per questo motivo che nella presente registrazione – nonostante le richieste dinamiche specificate sulla parte – è stato dato rilievo al carattere di leggerezza e non a quello meramente virtuosistico. La pagina è parte integrante della tracklist del cofanetto Novecento Guitar Sonatinas che la casa discografica olandese Brilliant Classics ha iniziato a distribuire meno di due mesi fa. Grazie a YouTube Music, da qui è possibile ascoltare la traccia integralmente: Al momento della stesura di queste note non si hanno notizie di altre registrazioni di questa composizione per chitarra. Novecento Guitar Sonatinas è disponibile in oltre quaranta paesi ed anche su Amazon.
  17. La prima volta che si sente parlare di un’opera per chitarra del compositore inglese Cyril Scott (1879 –1970) è in una lettera datata 20 Luglio 1927, scritta da Andrés Segovia a Manuel Ponce: “Besides toiling away on your scores, I am also working on a Sonatina by Cyril Scott (thoug I must confess I am not too keen about it), on the Chaconne (I’m head over hells about it) and other works by Bach”. Della composizione lo stesso Segovia eseguì il solo primo movimento – intitolandolo Rêverie – in due diversi concerti nel 1928: a Londra presso la Wigmore Hall nel mese di Maggio e a Buenos Aires presso l’Odeon Theatre. Non esistono ad oggi prove che confermino altre esecuzioni dell’opera da parte del grande interprete spagnolo che mise l’opera da parte e non gli prestò più alcuna attenzione. Rimase chiusa e conservata fino al 2001, anno in cui Angelo Gilardino la riportò alla luce e la fece pubblicare nella celebre collana The Andrés Segovia Archive delle Edizioni Musicali Bèrben di Ancona. L’opera è divisa in tre movimenti ed in ciascuno di essi oltre a rilevare la concezione del compositore dell’universo timbrico della chitarra, si riscontrano importanti elementi propri del vocabolario compositivo di Scott. Nell'impalpabile introduzione del primo movimento Adagio, Molto moderato l’autore usa una battuta di apertura che fa uso di accordi paralleli, un elemento che contraddistingue lo stile di scrittura del compositore e che ritroveremo in tutta la composizione. Nel breve spazio che segue, le sei corde della chitarra vengono fatte risuonare liberamente e su queste stesse note, riorganizzate nell'altezza e nell'ordine, viene costruito il tema principale sul sistema pentatonico. La capacità di sintesi dell’autore è sorprendente: in pochissime battute si presenta e presenta lo strumento ideando di fatto un tema dal suono delle sue corde. L’esposizione della cellula melodica che segue (molto moderato) termina la fase introduttiva e con l’ausilio di monodie e lievi accordi di accompagnamento si viene condotti al secondo tema (dolce e tardamente) costruito su accordi di tre note che si muovono parallelamente opposti ad un basso su figurazione a terzine. La ripresa conduce subito ad un sopraffino sviluppo che mescola i due temi presentati rilevandone le peculiarità drammatiche: si tratta dell’acme del primo movimento. Da qui l’autore, attraverso una elaborata rarefazione del suono, ripropone i due temi modificando la tonalità del secondo e chiudendo (meno mosso) con una breve sezione che riassume in poche battute tutte le cellule fondamentali dei costrutti precedenti. L’Allegretto Pensoso è quasi interamente basato su una filiforme e strettissima sequenza di intervalli cromatici e diatonici esposta sul registro medio-basso. Sulla stessa sequenza l’autore dapprima costruisce una languida nenia infantile quindi, fissando i colori già utilizzati, espande le sonorità all'intera cordiera per un breve episodio caratterizzato da accordi plaqué di sei note che in questa registrazione vengono eseguiti come previsto dal manoscritto originale. La struttura della pagina è simmetrica e in chiusura la melodia infantile viene richiamata con ampi intervalli di decime e con un tactus ritmico più dilatato che si sgretola fino al silenzio. Il Finale riespone dietro un’osservazione prismatica quasi tutti gli elementi sia tematici che di colore presentati nei primi due movimenti e senza troppe formalità fa richiesta all'interprete di una non indifferente capacità tecnica ed esecutiva di ampie porzioni di ribattuti di quattro note e brevi ma infuocati passaggi di agilità. Una interrogativa affermazione, nel manoscritto, vergata poco sotto il terzo movimento – in tedesco e la cui interpretazione è dubbia – specifica qualcosa come “Potrei scrivere un finale migliore, se loro lo desiderano”. Fa pensare che, probabilmente, Scott ritenesse le ultime battute del movimento ancora una bozza, non definitive. Qui sotto la registrazione tratta dal CD Novecento Guitar Sonatinas (C)2019 Brilliant Classics
  18. Le Ediciones Espiral Eterna pubblicano la composizione del compositore Leo Brouwer "La Gran Sarabanda" commissionata per il concorso di esecuzione Guitar Foundation of America edizione 2018.
  19. L'etichetta discografica Stradivarius pubblica l'esordio discografico del chitarrista italiano Pietro Locatto. Il CD contiene le seguenti composizioni per chitarra del compositore madrileno Federico Moreno Torroba (1891-1982). Più nello specifico questa è la tracklist: Suite castellana (1920) Sonatina per chitarra (1923) Preludio per chitarra (1928) Notturno (1926) per chitarra Serenata burlesca (1928) Madronos para guitarra (1929) Pièces caractéristiques (1931) Sonata fantasia (1953) Burgalesa (1928) Numero di catalogo: STR 37127
  20. "Trio" di Harri Ahmas (1962) "Trio in G-dur" di Hermann Ambrosius (1897 - 1983) "Trio en re mineur" di Maurice Harrus "Oasis" di Annette Kruisbrink (1958) "Dor flute, violin and guitar" di Raoul Pleskow (1931) "Arioso" Rossen Balkanski (1968) "Danzas Costeñas" di György Braunstein (aka George Barati) (1913 - 1996) "Quiero Decir" di Eduardo Fernández (1952) "Trio" di Jozef Gahér (1934 - 2013)
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.