Vai al contenuto

Cristiano Porqueddu

Manuale di Storia della Chitarra Vol.2 - Gianni Nuti

Recommended Posts

Certamente è impossibile scrivere una storia, anche della musica, che sia "neutra" e non rechi traccia del giudizio personale e delle preferenze di chi scrive.

Non ho ancora letto il volume in oggetto, ma credo sia impossibile che almeno i nomi di Lauro e Margola non vi trovino nemmeno menzione, certamente con lo spazio ed il giudizio critico che l'autore avrà voluto riservare loro.

Ci sono state storie della musica che liquidavano Rachmaninov in qualche riga e una famosa enciclopedia britannica di qualche decennio fa parlò in modo sconcertantemente sprezzante (per me) di Rodrigo.

 

Riguardo al repertorio contemporaneo per chitarra, a me piacerebbe (ad esempio) che prima o poi venisse adeguatamente menzionata l'opera di autori che giudico importantissimi come Adriano Guarnieri e Gilberto Cappelli, e spero che prima o poi, magari anche nel volume in oggetto, questo venga fatto; se ciò non fosse me ne dispiacerei, ma non mi scandalizzerei: appunto, la storiografia non è e non può essere neutrale, anche per questo i libri di storia della musica sono tanti - e ci sono aggiornamenti e riedizioni degli stessi libri.

 

Aspettiamo comunque almeno di leggere il volume...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Mio figlio si chiama Francesco, mia moglie Francesca. Vengono chiamati Franco o Franca senza nessun problema. Anche nel sito della Ricordi Margola viene chiamato Francesco e non Franco.

domenico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
più che la scelta degli autori incuriosisce kla scelta dei titoli per i rispettivi capitoli

sicuramente, e spero al più presto, lo acquisterò

 

Si, infatti sono anche io rimasto piacevolmente sorpreso dall'impostazione stilistica e non meramente cronologica (che poi non è altro che una forma di catalogazione possibile tra le tante).

 

Sono anche curioso di leggere di alcuni nomi di cui non conoscevo l'esistenza, nonchè delle "aggiunte" frutto della ricerca degli ultimi decenni (...!) come quelle di Asafiev o Respighi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La cosa incredibile (non è un termine usato a caso: davvero, non ci posso credere!) è che una nuova pubblicazione (di cui si conosce l'indice) venga accolta cercandone spunti polemici.

Non ho rispetto alcuno per questo genere di azioni, le reputo alla stregua di un terrorismo culturale che vuole soltanto far sì che tutto proceda in un unico modo.

Dico sul serio: che noia.

Non aggiungo altro perché reputo la polemica ottusamente stupida ma cito le parole di Nuti dal prologo:

 

"In questo volume non citeremo tutti gli autori che meriterebbero menzione; ci concentreremo invece su quelli che, a nostro avviso, devono appartenere al bagaglio culturale di ogni studente di conservatorio o di qualunque cultore della chitarra: naturalmente, sono i compositori che la nostra visione della letteratura chitarristica, la nostra storia personale, la nostra sensibilità hanno portato a scegliere."

"Qui non intendiamo dunque predicare verità assolute, bensì offrire chiavi di lettura, affinché ciascuno forgi la propria, in modo ragionato, sapendo dare le giuste evidenze a suffragio di quanto sostenuto."

"Infatti, non appare più necessario redigere oggi opere enciclopediche e omnicomprensive, oppure (peggio) anticipare il giudizio universale dividendo i buoni dai cattivi: vanno invece messi in mano agli studenti gli attrezzi analitici ed ermeneutici che consentano loro di edificare e sostenere un proprio mondo poetico (prima che tecnico-strumentale) affinché la loro personalità di evolva in modo inconfondibile e prezioso, come il suono di una buona chitarra."

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
La cosa incredibile (non è un termine usato a caso: davvero, non ci posso credere!) è che una nuova pubblicazione (di cui si conosce l'indice) venga accolta cercandone spunti polemici.

Non ho rispetto alcuno per questo genere di azioni, le reputo alla stregua di un terrorismo culturale che vuole soltanto far sì che tutto proceda in un unico modo.

Dico sul serio: che noia.

Non aggiungo altro perché reputo la polemica ottusamente stupida ma cito le parole di Nuti dal prologo:

 

"In questo volume non citeremo tutti gli autori che meriterebbero menzione; ci concentreremo invece su quelli che, a nostro avviso, devono appartenere al bagaglio culturale di ogni studente di conservatorio o di qualunque cultore della chitarra: naturalmente, sono i compositori che la nostra visione della letteratura chitarristica, la nostra storia personale, la nostra sensibilità hanno portato a scegliere."

"Qui non intendiamo dunque predicare verità assolute, bensì offrire chiavi di lettura, affinché ciascuno forgi la propria, in modo ragionato, sapendo dare le giuste evidenze a suffragio di quanto sostenuto."

"Infatti, non appare più necessario redigere oggi opere enciclopediche e omnicomprensive, oppure (peggio) anticipare il giudizio universale dividendo i buoni dai cattivi: vanno invece messi in mano agli studenti gli attrezzi analitici ed ermeneutici che consentano loro di edificare e sostenere un proprio mondo poetico (prima che tecnico-strumentale) affinché la loro personalità di evolva in modo inconfondibile e prezioso, come il suono di una buona chitarra."

 

Non c'è nessuno spunto polemico. Ho solo analizzato ciò che emerge dalla lettura dell'indice.

Dico solamente che mi sembra tutto, tranne che un secondo volume dedicato alla storia della chitarra. Vengono passati in rassegna dei compositori, degli esecutori che hanno fatto la storia dello strumentio troviamo ben poche tracce. E' una visione troppo parziale della faccenda. Poteva essere benissimo intitolato: 'La chitarra: compositori del '900'. Forse una scrittura a quattro mani ha portato ad un risultato del genere....

 

saluti

 

lp

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Certamente è impossibile scrivere una storia, anche della musica, che sia "neutra" e non rechi traccia del giudizio personale e delle preferenze di chi scrive.

Non ho ancora letto il volume in oggetto, ma credo sia impossibile che almeno i nomi di Lauro e Margola non vi trovino nemmeno menzione, certamente con lo spazio ed il giudizio critico che l'autore avrà voluto riservare loro.

Ci sono state storie della musica che liquidavano Rachmaninov in qualche riga e una famosa enciclopedia britannica di qualche decennio fa parlò in modo sconcertantemente sprezzante (per me) di Rodrigo.

 

Riguardo al repertorio contemporaneo per chitarra, a me piacerebbe (ad esempio) che prima o poi venisse adeguatamente menzionata l'opera di autori che giudico importantissimi come Adriano Guarnieri e Gilberto Cappelli, e spero che prima o poi, magari anche nel volume in oggetto, questo venga fatto; se ciò non fosse me ne dispiacerei, ma non mi scandalizzerei: appunto, la storiografia non è e non può essere neutrale, anche per questo i libri di storia della musica sono tanti - e ci sono aggiornamenti e riedizioni degli stessi libri.

 

Aspettiamo comunque almeno di leggere il volume...

 

Non spetta a me assumere difese d'ufficio (oltretutto non richieste) del libro in oggetto, però - avendolo letto - posso spiegare ai potenziali lettori - con una breve recensione - qual è la sua impostazione. L'autore non ha mantenuto l'impostazione cronologico-territoriale che io avevo adottato nel mio lavoro. Essendo fondamentalmente un letterato, con studi e lauree nell'area interdisciplinare tra musica, lettere e psicologia, ha adottato un'impostazione di carattere estetico, ossia ha letto il Novecento chitarristico come un filosofo della musica. In un approccio siffatto, il tracciato strutturale del libro non individua primariamente gli autori, ma individua delle linee estetiche, e all'interno delle medesime colloca gli autori che, di ciascuna linea, possono essere considerati esemplari o addirittura emblematici. Il limite della trattazione di ciascuna linea è, evidentemente, di natura pratica, editoriale: gli autori sono migliaia, e non è certo possibile includerli tutti. Se però esiste alla base un criterio qual è quello che ha informato l'autore, il fatto che possa esserci Tizio e non Caio è meno - molto meno - importante dell'individuazione e della chiarificazione delle linee estetiche alla quali Tizio o Caio appartengono. E' prioritario, insomma, spiegare che cos'è il primitivismo piuttosto che proporsi velleitariamente di elencare tutti i compositori che ne hanno fatto parte, e a tale proposito è sufficiente esaminare le caratteristiche di tre o quattro autori la cui opera manifesta esemplarmente tale tendenza: essendo una pubblicazione destinata agli studenti, trasmettere loro un concetto ben dimostrato è senz'altro più importante che compilare delle liste di nomi che - per la loro lunghezza - finirebbero per diventare acritiche e prive di significato. Questo è il criterio adottato dall'autore, chiaramente manifesto nelle premesse metodologiche del volume. E ne è prova subitanea il fatto che, nell'inizio, sia riservato un capitolo a Claude Debussy, che per chitarra non ha mai scritto una nota ma che, con la sua estetica musicale, ha aperto lo spazio nel quale la chitarra di Llobet e di Segovia ha potuto farsi ascoltare e apprezzare.

 

Nei conservatori riformati la ricerca storica sta assumendo grande rilievo anche nella formazione degli strumentisti: è a questo nuovo profilo di studenti che l'autore si rivolge, non al chitarrista che considera la formazione extra-virtuosistica un accessorio, e che legge un libro di storia con l'assillo di controllare se il nome del suo idolo, mentore o amico è incluso o meno, o che va in sofferenza se i nomi dei personaggi dei quali egli - per ragioni del tutto personali - diffida, sono invece inclusi e trattati (in tal caso, ovviamente, si tratta di agiografie).

 

Il giudizio va quindi espresso rispetto al modo con cui l'autore ha svolto il tema che si è assegnato. Le categorie estetiche da lui tracciate sono motivate da dimostrazioni abbastanza probanti, o sono soltanto delle ipotesi di lavoro? I brani portati ad esempio sono abbastanza forti e pertinenti, o no? Lo stile letterario dell'autore è all'altezza dei suoi postulati, o risulta inefficace e velleitario?

 

Per venire ai dettagli del tuo messaggio, Piero, leggo nella parte conclusiva - scritta a mo' di dizionario - una voce molto significativa riguardo a Gilberto Cappelli, giustamente (secondo me) valorizzato per la sua musica per chitarra. Non trovo Guarnieri, ma sono sicuro che, se lo segnalerai all'autore, nella prossima edizione del libro non mancherà di aggiungerlo: è persona molto attenta e - se non gli si può imputare di non aver letto diecimila pezzi per chitarra - non gli si può certo rimproverare di conoscerne solo una cinquantina, e di essere pregiudizialmente sordo a tutto il resto.

 

dralig

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mio figlio si chiama Francesco, mia moglie Francesca. Vengono chiamati Franco o Franca senza nessun problema. Anche nel sito della Ricordi Margola viene chiamato Francesco e non Franco.

domenico

 

Margola ha firmato tutti i suoi lavori con il nome Franco. Non c'è niente di male a commettere un errore. Difenderlo è invece un errore imperdonabile.

 

 

dralig

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mio figlio si chiama Francesco, mia moglie Francesca. Vengono chiamati Franco o Franca senza nessun problema. Anche nel sito della Ricordi Margola viene chiamato Francesco e non Franco.

domenico

 

Margola ha firmato tutti i suoi lavori con il nome Franco. Non c'è niente di male a commettere un errore. Difenderlo è invece un errore imperdonabile.

 

 

dralig

 

Gentilissimo Maestro non difendo l'errore e ammetto di aver sbagliato. Per abitudine non differenzio Franco da Francesco.

 

Con stima

domenico

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

Non c'è nessuno spunto polemico. Ho solo analizzato ciò che emerge dalla lettura dell'indice.

 

 

 

lp

 

Analizzare - "analizzare", si badi bene! Non "farsi un'idea preliminare", "supporre", "presumere": no , "analizzare" -, il contenuto di un libro leggendone l'indice: credo che nemmeno la Gestapo si sia mai comportata in questo modo: prima di far imprigionare o giustiziare un imputato, l'ispettore almeno leggeva gli atti, e non si fermava al titolo indicato nell'"oggetto" della relazione.

 

dralig

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi registrarti al Forum per poter lasciare un commento o partecipare alla discussione.

Crea un account

Iscriviti con pochi clic al Forum.

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora


  • Ultime risposte

    • Le selezioni si sono chiuse il 15 Ottobre. I risultati sono disponibili qui.
    • L'Associazione Musicare ha selezionato gli interpreti che daranno vita alla nuova edizione della Rassegna di Concerti di Giovani Musicisti che si svolgerà a Nuoro nei mesi di Novembre e Dicembre. La Rassegna di Concerti di Giovani Musicisti ha ospitato in otto edizioni decine di giovani e valenti interpreti che si sono resi protagonisti di performance di rilievo con repertori dedicati al XX e al XXI secolo. Gli artisti selezionati quest'anno sono nove: Emanuele Barillaro Tarcisia Bonacina Francesco Emmanuele Antoine Guerrero Gabriele Lissia Francesco Palmieri Ettore Scandolera Giacomo Susani William Vitali L'Associazione Musicare si congratula con i musicisti selezionati e invita a seguire gli aggiornamenti dal sito ufficiale www.associazionemusicare.com
    • Al via la campagna abbonamenti del magazine per chitarra GuitART. Sono a disposizioni diverse forumule: Normal, Light, Remake, Silver, Gold.
      300 pagine di riviste e fascicoli dedicati alla chitarra, 10 ore di audio tra cd e dvd, Valore dei regali pari al costo dell’abbonamento, risparmio per i multi-abbonamento, scegli fra le diverse formule di abbonamento, usufruisci di coupon e sconti periodici. Inoltre, chi si abbona entro il 22 Ottobre 2017 usufruirà del regalo-extra: il cofanetto "Russian Guitar Music of the 20th and 21st centuries" pubblicato nel mese di Maggio da Brilliant Classics. Informazioni e dettagli sugli abbonamenti qui:
      http://www.guitartshop.com/Abbonamenti2018
    • Emilio Pujol - Vida y obra Presentazione: Este documentário foi apresentado por Jaume Rico como um projeto final no Conservatório Superior de Música "Óscar Esplá" em Alicante. Foi produzido em 2008 por Jaume Rico e Amador Pérez, no qual o documentário nos mostra a abordagem do trabalho realizado por Emilio Pujol como intérprete, pedagogo e pesquisador. O documentário nos mostra sua vida através de imagens e entrevistas com pessoas que o conheceram e aprenderam com ele, tais como Carlos Trepat, Albert Ponce e Serge Constantinoff. Está em espanhol, tanto áudio quanto legendas, porém de fácil compreensão. 
    • Data: 30/10/2017 In Novembre 2017 partono i Corsi di Chitarra tenuti da Angelo Marchese per l'anno accdemico 2017/18: - Accademia Chitarristica Internazionale di Partinico con sede presso il Teatro "Lucia Gianì" - Scuola di Musica Saputo di Montelepre Corsi Propedeutici, di Base, Ordinari e di Alto Perfezionamento. In entrambe le accademie si svolgono i corsi di Base e Propedeutici. Presso l'Accademia Chitarristica Internazionale del Teatro Gianì è possibile frequentare anche Corsi Preaccademici in convenzione con il Conservatorio di Palermo, Corsi Superiori e di Perfezionamento.
      Il Corso di Alto Perfezionamento ha durata di quattro anni con esame finale e conseguimento di Diploma Accademico. Per tutti i corsi sono previste 4 lezioni mensili di un'ora ciascuna. Storia, tecnica, analisi, fraseggio, con particolare attenzione alla musica barocca e antica, al repertorio originale dello strumento dell'800, 900 e contemporaneo, da solista, da camera e con orchestra. Programmi individuali, tecnica, studio e approfondimento del repertorio e di tutti i Metodi e Trattati scritti dal '700 sino ad oggi. Gli iscritti ai corsi faranno parte della Orchestra di Chitarre che effettuerà concerti in tutto il territorio sotto la direzione di AM. Biografia di Angelo Marchese
      "Talento da vendere!" - Seicorde (magazine) "Superbo dominio tecnico dello strumento e interprete attento e profondo" - Guitart (magazine) "Uno dei più impavidi campioni della mia musica" - Angelo Gilardino (compositore) "Exceptional young guitarist" - Dusan Bogdanovic (compositore) "Impressionante!" - Gitarre und Laute (magazine) "Grand souplesse du jeu du guitarriste italien" - Clic Musique! (magazine) "Excellent performance!" - Gramophone (magazine) Siciliano, Angelo Marchese è considerato uno dei più interessanti chitarristi nel panorama musicale Italiano della nuova generazione. Si è formato con Luigi Biscaldi e Angelo Gilardino sotto la cui guida si è diplomato presso il Conservatorio Statale di Musica "Antonio Scontrino" di Trapani con il massimo dei voti e la lode e all'Accademia Internazionale Musicale "Lorenzo Perosi" di Biella con il giudizio di "Eccellente con Menzione Speciale". Vincitore di numerosi premi nazionali e internazionali - tra cui il primo premio assoluto al Concorso Internazionale di Esecuzione Musicale "Johannes Brahms", svolge un'intensa e regolare attività concertistica da solista, con orchestra e in varie formazioni da camera - in prestigiose sale da concerto e teatri di tutta Europa e Stati Uniti. È dedicatario di numerose composizioni per e con chitarra, scritte da compositori di tutto il mondo. Ha pubblicato cinque releases discografiche con importanti etichette internazionali: il suo nuovo CD da solista "Barbieri - Complete Guitar Music", presentato all'Italian Guitar Camp del Falaut Campus presso l'Università di Salerno con la Premiere della "Fantasia da Concerto" per chitarra e orchestra d'archi e presso il XXII Convegno Internazionale "Michele Pittaluga" di Alessandria con l'esecuzione della Premiere delle "Tre Miniature Napoletane" per chitarra e orchestra, uscirà nel 2018 per la major olandese Brilliant Classics. Viene invitato regolarmente a tenere Masterclass e a far parte di giurie per concorsi nazionali e internazionali.
      Elogiato unanimamente dalla critica, suona una copia della Hermann Hauser di Andrés Segovia costruita dal liutaio Giuseppe Guagliardo nel 2008. Abilitato all'insegnamento con una tesi riguardo i Metodi per Chitarra scritti dal '700 sino ad oggi, è titolare di cattedra nella scuola statale secondaria ad indirizzo musicale. E' docente presso diverse accademie della provincia di Palermo. Maggiori informazioni: https://www.facebook.com/angelomarcheseguitar/
      Leggi la scheda di questo/a evento
×

Informazione importante

By using this site, you agree to our Terms of Use.