Jump to content
Nuovi CD di musica del XX e del XXI secolo

Diteggiature assenti nelle pubblicazioni della musica di Giulio Regondi


 Share

Recommended Posts


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  70
  • Content Count:  261
  • Reputation:   2
  • Joined:  02/06/2007
  • Status:  Offline

Salve a tutti,
ho aquistato circa un anno fa,a Roma, un libro sulle opere piu importanti di G. Regondi della Carisch. Mi chiedevo perche nessuna delle opere pubblicate presenta la diteggiatura, ma nn è il caso solo della Carisch, anche in altre Edizioni, di cui non ricordo il nome, le opere erano pubblicate senza diteggiatura.

Un pezzo come Introduzione e Capriccio è un po il colmo pubblicarlo senza diteggiatura (a mio parere).

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  84
  • Content Count:  1,188
  • Reputation:   77
  • Joined:  12/03/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Windows

Perchè?

 

Regondi è un compositore dell'800, constatazione pleonastica dalla quale consegue la limpidezza della sua mancante diteggiatura.

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  70
  • Content Count:  261
  • Reputation:   2
  • Joined:  02/06/2007
  • Status:  Offline

Perchè?

 

Regondi è un compositore dell'800, constatazione pleonastica dalla quale consegue la limpidezza della sua mancante diteggiatura.

 

Quindi esistono svariate possibilita di diteggiatura?

Link to comment
Share on other sites

Fantastico! Magari si potesse scegliere sempre di comprare edizioni prive di diteggiature (il 90% dei casi c'è possibilità di diteggiature alternative).

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  70
  • Content Count:  261
  • Reputation:   2
  • Joined:  02/06/2007
  • Status:  Offline

Fantastico! Magari si potesse scegliere sempre di comprare edizioni prive di diteggiature (il 90% dei casi c'è possibilità di diteggiature alternative).

 

Ma guarda, sono daccordo con te solo per il 50%, perche pensa ci vorrebbe il doppio del tempo x studiare un brano compreso il tempo che ci metti per diteggiarlo.

E gia quando sono diteggiati hanno bisogno di correzioni immagina senza diteggiatura.

Link to comment
Share on other sites

Guest Nicola Mazzon
E gia quando sono diteggiati hanno bisogno di correzioni immagina senza diteggiatura.

 

Perchè, scusa, quando le correggi le diteggiature per te scomode, non perdi lo stesso del tempo?

Quindi tanto vale farsele da capo no?

E poi, secondo me, non è tempo buttato via, perchè già solo nel provare le diteggiature possibili si studia il brano, forse anche meglio di quando lo si ha già "pronto".

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  29
  • Content Count:  657
  • Reputation:   0
  • Joined:  04/21/2006
  • Status:  Offline
  • Device:  Android

Su questo sono daccordo con te.. credo che il lavoro sia maggiore ma vale il tempo speso!

Link to comment
Share on other sites

Alcune volte succede pure che le diteggiature scritte ti condizionino (pur sapendo di poterle cambiare), impedendo un'ulteriore ricerca di altre possibili combinazioni.

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  8
  • Content Count:  101
  • Reputation:   0
  • Joined:  07/25/2007
  • Status:  Offline

Alcune volte succede pure che le diteggiature scritte ti condizionino (pur sapendo di poterle cambiare), impedendo un'ulteriore ricerca di altre possibili combinazioni.

 

E' vero. Però alcune volte il compositore con una certa diteggiatura vuole ottenere un certo effetto, un particolare timbro,e se non è indicato non lo si può sapere.

Link to comment
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.