Jump to content
Nuovi CD di musica del XX e del XXI secolo

Studio Op.6 e Op.29, Fernando Sor


Recommended Posts


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  89
  • Content Count:  2,241
  • Reputation:   100
  • Joined:  11/24/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Macintosh

In linea generale, sono più facili gli studi dell'op.6 o quelli dell'op.29 di F. Sor?

 

Grazie.

 

E' impossibile dirlo in assoluto. Ogni studio tratta un tipo di tecnica, un modello di scrittura, e rispetto a tutto ciò le risposte degli esecutori sono necessariamente diverse, personali: uno studio che a un chitarrista non oppone alcuna resistenza - perché l'esecutore ha una risposta facile e pronta per quel tipo di tecnica - potrà impegnare un altro esecutore, ugualmente bravo, richiedendogli un lavoro severo; e, passando a un altro studio, gli stessi esecutori si troveranno magari in una situazione uguale e contraria.

Io direi che gli Studi op. 6 e op. 29 sono l'espressione del più alto livello musicale e tecnico raggiunto dalla chitarra propriamente "classica", cioè nei primi tre decenni dell'Ottocento. Quindi, nel loro genere, richiedono all'esecutore il più alto livello tecnico e musicale.

 

dralig

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  11
  • Content Count:  58
  • Reputation:   7
  • Joined:  01/21/2006
  • Status:  Offline

In linea generale, sono più facili gli studi dell'op.6 o quelli dell'op.29 di F. Sor?

 

Grazie.

 

 

Cosa intende per facile o difficile?

E' un parametro così soggettivo....

 

 

CS

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  47
  • Content Count:  134
  • Reputation:   0
  • Joined:  03/14/2006
  • Status:  Offline

Certo, sì, è soggettivo, come ha sottolineato il M° Gilardino.

Per difficile intendo: impegnativo, più complicato.

Ovviamente per facile intendo il contrario, cioè più accessibile, meno *elaborato*.

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  84
  • Content Count:  1,188
  • Reputation:   77
  • Joined:  12/03/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Windows

L'op. 29 di Sor è la "seconda parte" dell' op.6.

La numerazioni dei singoli studi parte infatti dal 13 e non dall'1...

 

Alla luce di questa evidenza mi sento autorizzato a pensare che questi 24 studi debbano necessariamente formare un corpo unico, inscindibile, e da afferrare nella sua integrità stilistica.

La stessa sequenza degli studi, inoltre, è sorprendentemente rivelatrice rispetto alle esecuzioni del pezzo singolo decontestualizzato.

 

Ce la faranno i chitarristi a prendere coscienza della qualità stilistica di questo lavoro e riservargli la stessa attenzione che i pianisti riservano agli studi di Chopin?

 

Dato per scontato che per alcuni grandi è già così, voglio sperare che un giorno lo sia per (quasi) tutti.

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  84
  • Content Count:  1,188
  • Reputation:   77
  • Joined:  12/03/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Windows

Certo, sì, è soggettivo, come ha sottolineato il M° Gilardino.

Per difficile intendo: impegnativo, più complicato.

Ovviamente per facile intendo il contrario, cioè più accessibile, meno *elaborato*.

 

In questo senso non c'è alcuna differenza fra le 2 raccolte.

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  47
  • Content Count:  134
  • Reputation:   0
  • Joined:  03/14/2006
  • Status:  Offline

La stessa sequenza degli studi, inoltre, è sorprendentemente rivelatrice rispetto alle esecuzioni del pezzo singolo decontestualizzato.

 

Non ho afferrato scusa. In che senso?

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  84
  • Content Count:  1,188
  • Reputation:   77
  • Joined:  12/03/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Windows

La stessa sequenza degli studi, inoltre, è sorprendentemente rivelatrice rispetto alle esecuzioni del pezzo singolo decontestualizzato.

 

Non ho afferrato scusa. In che senso?

 

Nel senso che un compositore non scrive una raccolta di studi raccattando ciò che trova in casa ma li organizza in base al proprio stile.

 

Se un compositore parla del mondo attraverso la sua musica, è chiaro che in questi 24 pezzi c'è un discorso sul mondo, un discorso che ha un inizio e una fine.

 

Si possono estrapolare i singoli studi, certo, però si fa un discorso diverso.

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  4
  • Content Count:  69
  • Reputation:   0
  • Joined:  02/06/2006
  • Status:  Offline

La stessa sequenza degli studi, inoltre, è sorprendentemente rivelatrice rispetto alle esecuzioni del pezzo singolo decontestualizzato.

Ce la faranno i chitarristi a prendere coscienza della qualità stilistica di questo lavoro e riservargli la stessa attenzione che i pianisti riservano agli studi di Chopin?

 

Concordo.

Credo che queste opere possano essere considerati dei veri "studi da concerto" ed un mio progetto (ancora in lunga fase di gestazione) e' appunto di eseguirli in un unico concerto come un'opera unica. Un posto ideale per un programma cosi' sarebbe l'auditorium del conservatorio o una associazione musicale.

Sono sicuro di non essere stato il primo ad essere tentato da questa idea: quale chitarrista si e' gia prodotto in concerto con un programma cosi ?

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  47
  • Content Count:  134
  • Reputation:   0
  • Joined:  03/14/2006
  • Status:  Offline

la complessità non è sinonimo di complicazione, la complessità musicale può essere veicolata da una ridotta articolazione del materiale tanto quanto il contrario

 

Giustissimo. Ma quello che volevo sapere io comunque era dal punto di vista prettamente tecnico.

Link to comment
Share on other sites

Please sign in to comment

You will be able to leave a comment after signing in



Sign In Now
 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.