Jump to content
Nuovi CD di musica del XX e del XXI secolo

La musica per chitarra di Antoine de Lhoyer


Recommended Posts


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  84
  • Content Count:  1,188
  • Reputation:   77
  • Joined:  12/03/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Windows

Ho scoperto da poco questo fantomatico chitarrista-compositore del primo ottocento.
Che dire...i sui duetti per chitarra sono esemplari...padronanza della forma, coscienza della specificità del duo chitarristico, assenza di retorica formulaica tanto cara al Carulli, ad esempio...

Ciò che mi ha maggiormente colpito credo sia l'utilizzo degli strumenti come entità in grado di dare vita ad un momento sonoro specifico, una sorta di scrittura pianistica mozartiana traslata alla chitarra...per una volta il termine di paragone non mi pare fuoriluogo, soprattutto nell'uso reiterato di ampie scale-melodie che delineano la struttura tematica...insomma ottimi esempi di forma sonata che avolte inducono addirittura a pensare a Scarlatti, per l'uso contrappuntistico e al tempo stesso visionario delle voci.

Una bellissima sorpresa insomma.

Link to comment
Share on other sites

  • Replies 27
  • Created
  • Last Reply

Top Posters In This Topic

Ho scoperto da poco questo fantomatico chitarrista-compositore del primo ottocento.

Che dire...i sui duetti per chitarra sono esemplari...padronanza della forma, coscienza della specificità del duo chitarristico, assenza di retorica formulaica tanto cara al Carulli, ad esempio...

 

Una bellissima sorpresa insomma.

 

Sono perfettamente d'accordo con te; è un personaggio sorprendente, per la sua vita da militare combattente - e non solo vestito di divisa - e la sua vita travagliata; ed è ancora più sorprendente che lo si riconosca così lentamente. I Duo op. 34 sono inclusi in una pubblicazione Spes a cura di Ruggiero Chiesa del 1982 (!), la prima registrazione integrale dei duo da parte di Stenstadvolt/Haug - ai tempi inclusi da Il Fronimo nel numero 100 risale all'inizio degli anni 90 e ci volevano altri 10 anni finchè il Duo Ghiribizzo incidesse l'op. 31 (insieme ai duetti dedicati a Carulli di Filippo Gragnani) nel 2003. Adesso, dopo che la Naxos ha pubblicati (op. 31) nell'interpretazione di Micheli/Mela (la prima volta con chitarre moderne, mi sa; le altre incisioni sono suonati con strumenti d'epoca), la voce circolerà di più.

 

Forse è proprio il fatto, che i duos concertans superano di gran lunga la produzione solistica (come il concerto op. 16), che i chitarrsiti ne prendono meno atto. E', secondo me, proprio per l'organico di due chitarre, che de Lhoyer riesce ad esprimere il suo stile così bene: due chitarre possono produrre musiche di tipo pianistico con facilità dove una sola si lega le mani con un basso albertino tanto da non poter più esprimersi melodicamente (o quasi).

 

Come lo hai scoperto?

 

Saluti,

 

Neuland

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Authors
  • Topic Count:  84
  • Content Count:  1,188
  • Reputation:   77
  • Joined:  12/03/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Windows

Come l'ho scoperto?

Fammici pensare...credo che stessi visitando la pagina myspace di Lorenzo Micheli e nel player è partito il rondò del duo in Mi minore...cavoli, aspetta un momento cos'è sta roba qua? come scrive sto tipo? chi è? fammi un po' vedere...

 

Poi mi sono ascoltato tutto il cd del duo Mela-Micheli e altri frammenti che ho scovato in rete su vari siti, anche eseguiti con chitarre dell'ottoccento...che tra le altre cose, se adeguatamente registrate offrono un esperienza estetica veramente interessante...

 

Eh, ad esempio nel duo in La maggiore ci sono delle soluzioni timbriche geniali...si credo anch'io che sia effettivamente stato un eccellente camerista...ho sentito anche un frammento del concerto, che però, da quanto ho capito, dovrebbe in realtà essere scritto per un ensemble da camera...

Link to comment
Share on other sites

trattandosi di un autore dell'800, potreste postare qualche spartito originale se li avete

 

Ne ho un bel pò di roba, ma le copie sono veramente desastrose: infatti la bibliotecaria che ho interpellato per averle mi ha quasi ringraziato di averlo fatto perchè non esistevano ancora su microfilm e stavano rovinandosi fino all'illegibilità. Erano sepolti in una scatola chiusa da decenni, mi diceva, e non erano mai stati richiesti.

 

Insomma, non li si può postare qui, bisogna copiarle in finale...

 

Neuland

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  29
  • Content Count:  657
  • Reputation:   0
  • Joined:  04/21/2006
  • Status:  Offline
  • Device:  Android

In che biblioteca si trovano? magari qualcuno di noi può ricopiarli...

 

EDIT:

 

Sul catalogo delle edizioni Orphee c'è un concerto per chitarra e orchestra d'archi e un quartetto di chitarre. Magari il Sig.Orphee sa dove si trovano gli urtext. Potrei trascrivere io quei brani, sarebbe una cosa interessante da fare... :)

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Admin
  • Topic Count:  1,016
  • Content Count:  3,763
  • Reputation:   424
  • Joined:  11/14/2005
  • Status:  Offline
  • Device:  Windows

trattandosi di un autore dell'800, potreste postare qualche spartito originale se li avete

 

Ne ho un bel pò di roba, ma le copie sono veramente desastrose: infatti la bibliotecaria che ho interpellato per averle mi ha quasi ringraziato di averlo fatto perchè non esistevano ancora su microfilm e stavano rovinandosi fino all'illegibilità. Erano sepolti in una scatola chiusa da decenni, mi diceva, e non erano mai stati richiesti.

 

Insomma, non li si può postare qui, bisogna copiarle in finale...

 

Neuland

 

Neanche scansionando a 300 DPI, Neuland?

Sarebbe una cosa molto interessante per tutti.

Link to comment
Share on other sites


  • Group:  Membri
  • Topic Count:  29
  • Content Count:  657
  • Reputation:   0
  • Joined:  04/21/2006
  • Status:  Offline
  • Device:  Android

Essì. Se si potesse avere una scansione sarebbe l'ideale, ognuno curerebbe la propria edizione! :)

Link to comment
Share on other sites

In che biblioteca si trovano? magari qualcuno di noi può ricopiarli...

 

EDIT:

 

Sul catalogo delle edizioni Orphee c'è un concerto per chitarra e orchestra d'archi e un quartetto di chitarre. Magari il Sig.Orphee sa dove si trovano gli urtext. Potrei trascrivere io quei brani, sarebbe una cosa interessante da fare... :)

 

Gli originali delle mie copie sono nella New York Public Library www.nypl.org.

 

Parte del lavoro è comunque già fatto: l'op. 31 e op. 35 ho già trascritto un pò di tempo fa. Dovrei controllare l'esatezza della trascrizione e elminare cambiamenti personali; mi ci vorrà un pò di tempo, però.

 

Un catalogo di de Lhoyer si trova nell'articolo di Eric Stentadvolt su Antoine de Lhoyer nel numero 100 de Il Fronimo.

 

Dimenticavo: Il concerto è stato inciso da Philippe Spinosi. insieme ai duo op. 31 (alla seconda chitarra la moglie Josiane), sempre su strumenti d'epoca.

Link to comment
Share on other sites

Come l'ho scoperto?

Fammici pensare...credo che stessi visitando la pagina myspace di Lorenzo Micheli e nel player è partito il rondò del duo in Mi minore...cavoli, aspetta un momento cos'è sta roba qua? come scrive sto tipo? chi è? fammi un po' vedere...

 

Guardate e sentite un pò qui: www.duoghiribizzo.com ;)

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use.